Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus finestre e bagni

Bonus finestre e bagni

Come funziona il Bonus finestre e bagni? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Dicembre 2023

In questo articolo vedremo come funziona il Bonus finestre e bagni e come ottenerlo (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come funziona il Bonus finestre e bagni

Contrariamente a quanto suggerisce il nome, non esiste un “Bonus finestre e bagni” specifico nel 2023. In realtà, ciò che viene comunemente definito in questo modo comprende una gamma di incentivi nel settore edilizio. Queste agevolazioni consentono di effettuare lavori di ristrutturazione anche nei bagni e di sostituire gli infissi.

Nello specifico, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che determinati lavori di ristrutturazione del bagno possono essere inclusi nel Bonus Barriere Architettoniche, che prevede un’agevolazione fiscale del 75%.

Questo beneficio è destinato a facilitare la rimozione delle barriere architettoniche e a incrementare l’accessibilità per individui con disabilità o con limitazioni nella mobilità.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Requisiti del Bonus bagni

Per accedere al Bonus Barriere Architettoniche per la ristrutturazione del bagno, è fondamentale aderire a determinati standard tecnici, tra cui la presenza di spazio adeguato alle manovre di una sedia a rotelle. Ecco i criteri specifici da soddisfare:

Requisiti del Bonus finestre

Allo stesso modo, se si vuole usare l’agevolazione per sostituire le finestre, allora i nuovi infissi dovranno rispettare questi requisiti:

Come si calcolano gli importi del Bonus finestre e bagni

Il Bonus finestre e bagni, che offre un generoso sconto del 75%, è un’opportunità vantaggiosa. Questo incentivo permette di ottenere uno sconto in fattura o una detrazione fiscale del 75% sulle spese effettuate per l’acquisto e l’installazione di nuovi infissi e la ristrutturazione del bagno.

Il Bonus si applica sia al costo di acquisto che a quello di installazione, ma lo sconto del 75% è soggetto a un limite massimo di spesa:

Si può ottenere il Bonus finestre e bagni con sconto in fattura?

Il Bonus Barriere Architettoniche, con la sua agevolazione del 75%, rimarrà disponibile fino al 31 dicembre 2025. Questo beneficio si distingue perché consente ancora la cessione del credito, offrendo così la possibilità di ottenere uno sconto del 75% direttamente in fattura per gli interventi ammessi.

Per poter beneficiare dello sconto in fattura con il Bonus finestre e bagni al 75%, è necessario presentare la Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA) o la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA). Non è ammesso lo sconto in fattura per lavori di edilizia libera.

Come alternativa allo sconto diretto in fattura, è possibile optare per il Bonus con una detrazione fiscale Irpef del 75%, che verrà ripartita su un periodo di 5 anni.

Bonus-finestre-e-bagni-operaio
In foto, un operaio che installa degli infissi.

Cosa sono CILA e SCIA e come ottenerle

La Certificazione di Inizio Lavori (Cila) si applica per lavori su edifici che non implicano cambiamenti strutturali di rilievo. Se invece le modifiche prevedono alterazioni strutturali o significative, occorre la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).

Inviare la Cila è un processo abbastanza rapido che richiede solo una comunicazione al Comune, permettendo l’inizio dei lavori. Ma, lo ripetiamo, i lavori devono evitare modifiche strutturali importanti per poter sfruttare la Cila.

La responsabilità della presentazione di questi documenti spetta a tecnici qualificati. Ad esempio, per ristrutturare un bagno, il responsabile dei lavori deve presentare la Cila o, se necessario, la SCIA.

FAQ: Domande frequenti su Bonus finestre e bagni 2023

Il Bonus finestre e bagni copre anche le spese per le persiane?

No, il Bonus finestre e bagni non copre direttamente le spese per l’acquisto o la sostituzione delle persiane. Il suo obiettivo principale è incentivare la sostituzione delle finestre con infissi più efficienti dal punto di vista energetico.

Il Bonus finestre e bagni si applica anche per le persone di età superiore ai 65 anni?

Sì, le persone di età superiore ai 65 anni possono usufruire del Bonus finestre e bagni, purché rispettino tutti gli altri requisiti previsti. L’età avanzata non costituisce un ostacolo per beneficiare di questo incentivo.

Il Bonus finestre e bagniè disponibile per le persone disabili?

Assolutamente sì, il Bonus finestre e bagni è disponibile anche per le persone con disabilità. Non ci sono restrizioni legate alla condizione fisica o alla disabilità per beneficiare di questo incentivo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp