Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus finestre Velux

Bonus finestre Velux

Bonus finestre Velux: ecco la guida per ottenere il 50% di finanziamento per la sostituzione degli infissi.

di Alda Moleti

Ottobre 2023

Nell’articolo di oggi parleremo del Bonus finestre Velux e spiegheremo come avere il 50% di finanziamento per la sostituzione di infissi e lucernai (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus finestre?

Per prima cosa, dobbiamo fare una premessa e spiegare che non esiste propriamente un “Bonus finestre“. In realtà, esistono diverse forme di agevolazioni fiscali pensate per le ristrutturazioni edilizie, alcune delle quali includono la possibilità di inserire la sostituzione degli infissi tra le spese agevolate.

Nella pratica, il termine “Bonus finestre” rappresenta solamente una componente marginale all’interno di un più ampio panorama di incentivi gestiti dall’Agenzia delle Entrate. Quindi, le caratteristiche di questo Bonus finestre variano a seconda dell’agevolazione principale alla quale è collegato.

Tabella delle detrazioni del Bonus finestre 2023

In modo più preciso, la tabella successiva illustra le diverse opzioni relative al Bonus finestre, che possono essere richieste in base alla principale agevolazione a cui si fa riferimento.

Tipologia del Bonus finestreAgevolazione principalePercentuale di detrazioneRequisiti dei nuovi infissiSconto e cessione ammessi
Bonus finestre 50%Bonus casa50% dei costi su una spesa massima di 96.000 euronessuno in particolaNo
Bonus finestre 75%Bonus barriere architettoniche75% dei costi su una spesa massima di 50.000 eurorequisiti specifici pensati per i disabiliSi
Bonus finestre 50%Ecobonus50% dei costi su una spesa massima di 60.000 eurorequisiti specifici pensati per l’efficienza energeticaNo

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Che come funziona il Bonus finestre Velux?

State cercando di sostituire i vostri vecchi lucernari con nuove finestre per tetti Velux più esteticamente gradevoli e altamente performanti? In questo caso potete ricorrere a due incentivi fiscali, cioè l’Ecobonus e il Bonus casa, è ottenere un finanziamento statale pari alla metà dei costi.

L’Ecobonus è applicabile quando si migliora l’efficienza energetica dell’edificio, mentre il Bonus casa può essere utilizzato per interventi di ristrutturazione più ampi, come la trasformazione di un sottotetto. Entrambi vi consentono di risparmiare fino al 50% del costo di acquisto delle nuove finestre, con la possibilità di recuperare questa spesa nell’arco di 10 anni con una detrazione Irpef.

In verità, nel 2023 è possibile anche sostituire le normali finestre con uno sconto in fattura del 75%, sfruttando il Bonus barriere architettoniche. Tuttavia, Velux non applica per il momento il bonus con sconto in fattura e per questo dovreste rivolgervi ad una ditta esterna di installazione o ricorrere ad infissi di marca diversa. Ad esempio, il Bonus finestre da Leroy Merlin permette di sfruttare il Bonus barriere architettoniche e ottenere direttamente uno sconto in fattura.

Sostituire le finestre Velux con l’Ecobonus 50%

Se state pensando di sostituire i vostri vecchi lucernari con nuove finestre per tetti di ultima generazione, senza dover effettuare altre ristrutturazioni, potete sfruttare l’Ecobonus, che offre vantaggi fiscali fino al 50%. Questo bonus mira a premiare gli interventi che migliorano l’efficienza energetica degli edifici, tra cui la sostituzione delle finestre per tetti.

Ad esempio, sostituendo le vostre vecchie finestre con nuovi modelli Velux e aggiungendo tapparelle o tende esterne per migliorare l’isolamento termico, potrete recuperare fino al 50% delle spese sostenute.

Non vi sono restrizioni sulle categorie catastali degli immobili; l’agevolazione si applica sia agli edifici residenziali che a uffici e laboratori. È possibile beneficiare dell’Ecobonus anche se si sostituiscono le finestre in un edificio in cui si svolge un’attività professionale, come ad esempio un ufficio situato in una mansarda.

Quali sono i limiti di spesa

Il massimale della detrazione complessiva per la sostituzione delle finestre è di 60.000 euro. All’interno di questa cifra, sia le finestre che le schermature solari hanno dei massimali di spesa rimborsabili al metro quadro, che variano in base alla zona climatica in cui si trova l’immobile.

Se volete ottenere una stima precisa dei costi per i vostri lavori, potete compilare il modulo sul sito ufficiale di Velux e mettervi in contatto con uno degli esperti.

Bonus-finestre-velux-lucernai
In foto delle finestre per la mansarda.

Sostituire le finestre Velux con il Bonus casa 50%

Se state trasformando il sottotetto in una mansarda e decidete di sostituire le finestre per tetti o installare nuovi lucernari creando nuovi fori, potete usufruire del Bonus casa, che vi permette di recuperare fino al 50% delle spese per lavori e materiali.

Il Bonus casa si applica agli interventi di ristrutturazione di edifici residenziali esistenti e offre una detrazione dall’imposta lorda Irpef del 50% sulle spese sostenute. Tuttavia, il limite di spesa a cui si applica questa detrazione per la ristrutturazione, compresa la sostituzione delle finestre, è di 96.000 euro.

È importante notare che ci sono delle limitazioni sulle categorie catastali ammissibili per il Bonus casa. Questa agevolazione si applica agli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata.

Bonus finestre Velux con sconto in fattura?

Nessuno dei due incentivi per la sostituzione delle finestre Velux di cui abbiamo appena parlato ammette lo sconto in fattura.

In parole povere, se i vostri lavori rientrano nell’Ecobonus o nel Bonus casa per le ristrutturazioni, potrete recuperare fino al 50% delle spese con un rimborso fiscale ai fini Irpef che si estenderà su un periodo di 10 anni.

Vi ricordiamo che, per gli interventi coperti dal Bonus finestre e superiori a 10.000 euro, è necessario emettere un’asseverazione per la congruità dei prezzi, compito del tecnico che ha redatto il titolo abilitativo (SCIA, CILA).

Inoltre, il tipo di intervento (edilizia libera o soggetta a titolo edilizio) non è determinato dal venditore o dal committente, ma dalla tipologia dei lavori da eseguire.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus finestre

Posso usufruire del Bonus Finestre per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus finestre è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus Finestre?

Per ottenere il Bonus finestre con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi. Se invece si utilizza il Bonus finestre 75% è possibile richiedere alla ditta che installa gli infissi di applicare lo sconto in fattura.

Qual è il periodo di validità del Bonus Finestre?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus finestre. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50%, del Bonus barriere architettoniche 75% o dell’Ecobonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp