Bonus genitori separati: 800 euro al mese da inizio 2022

4' di lettura

Arriva il bonus genitori separati in difficoltà economiche. È stata finalmente riscritta la norma che era stata inserita nel decreto Sostegni a maggio ma si era rivelata inapplicabile per una serie di gravi errori commessi dagli estensori del provvedimento.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Il bonus genitori separati dovrebbe essere approvato nelle prossime settimane e consentire quindi l’erogazione degli assegni per tutti i cittadini che ne hanno bisogno.

Ancora un po’ quindi e gli assegni da 800 euro al mese potranno essere distribuiti: saranno elargiti a chi non ha la possibilità di pagare l’assegno di mantenimento.

Bonus genitori separati: provvedimento riscritto

Un provvedimento molto atteso. Proposto dalla Lega (che l’ha scritto male) e che ha subito trovato il pieno accordo degli altri partiti di maggioranza.

Il nuovo testo farà parte del decreto fiscale che è collegato alla manovra finanziaria.

Il provvedimento è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 21 ottobre. Dovrà essere definitivamente approvato entro il 21 dicembre.

Poi gli altri passaggi: decreto attuativo entro due mesi dal varo delle legge.

Subito dopo inizieranno le erogazioni del bonus genitori separati in difficoltà economiche.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Bonus genitori separati: il promo testo vago e discriminatorio

Ma perché il bonus genitori separati si era arenato? Il testo era palesemente discriminatorio: faceva riferimento solo alle coppie di separati o divorziati, ma non alle coppie di fatto (dove pure è previsto l’assegno di mantenimento).

Ma non solo: la prima stesura della legge rischiava di far arrivare l’assegno al genitore e non direttamente ai figli, che sono gli aventi diritto.

Ma c’era anche altro all’origine dello stallo: nel testo si specificava che ha diritto al bonus chi, a causa del covid, ha «cessato, ridotto o sospeso» l’attività lavorativa. Quel «sospeso» è stato ritenuto alquanto vago e di fatto allargava a dismisura la possibile platea dei beneficiari.

Tre motivi che hanno imposto la revisione e riscrittura del provvedimento.

Bonus genitori separati: il nuovo provvedimento

Ora il bonus genitori separati in difficoltà economiche è stato allargato a tutti i genitori separati, non più solo a quelli sposati.

E potrà ricevere l’assegno di mantenimento chi «ha cessato, ridotto o sospeso la propria attività lavorativa a decorrere dall’8 marzo 2020 per una durata minima di 90 giorni o per una riduzione del reddito di almeno il 30% rispetto a quello percepito nel 2019».

Una definizione più precisa e stringente.

Il fondo stanziato per questo bonus è di 10 milioni.

E andrà direttamente al genitore in stato di bisogno: in genere chi non ha ricevuto in questi mesi l’assegno di mantenimento.

Bonus genitori separati: da stabilire criteri e modalità di erogazione

Si vuole evitare che il genitore inadempiente prenda l’assegno e non lo versi ai figli (che vivono con l’ex).

Si dovranno ora stabilire i criteri e le modalità per accertare i requisiti per l’erogazione del bonus genitori separati. Nel decreto attuativo si stabilirà anche il numero massimo di mesi durante i quali si riceverà l’assegno da 800 euro.

Bonus genitori separati: misura equa per il benessere dei bambini

Siamo dunque alle battute finali per il bonus genitori separati in difficoltà economiche. Il nuovo testo dovrà ora essere valutato e votato in Parlamento. Ma c’è già il via libera definitivo del governo e non ci dovrebbero essere problemi per l’approvazione.

La ministra per le Pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, si è dichiarata molto soddisfatta: «Sono state accolte le nostre proposte per rendere effettiva ed equa una misura assolutamente condivisibile negli intenti di contribuire a garantire il benessere delle bambine e dei bambini, in un tempo segnato dalla pandemia e dalle difficoltà economiche che tanti genitori hanno vissuto».

Bonus genitori separati: erogazioni a inizio 2022

Ancora quale mese di attesa, dunque. All’inizio del 2022 dovrebbero iniziare le erogazioni. Il provvedimento era tra i più attesi. Se ne parlava da tempo, poi lo stop: ora finalmente dovrebbe essere tutto risolto per il bonus genitori separati.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie