Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus genitori separati: a chi spetta e come funziona?

Bonus genitori separati: a chi spetta e come funziona?

Bonus genitori separati: come puoi richiederla? Ecco gli ultimi aggiornamenti.

di Guglielmo Sano

Luglio 2021

Bonus genitori separati: la prestazione rientra tra gli aiuti economici legati al Covid previsti dal Decreto Sostegni.

Serve a sostenere i genitori, separati ma anche divorziati, tenuti a pagare il mantenimento dei figli nonostante versino in una difficile situazione finanziaria (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ecco come dovrebbe funzionare in linea di massima.

Bonus genitori separati: a chi spetta la prestazione?

La prestazione ha trovato spazio nel gruppo di aiuti economici legati al Covid previsti con il primo Decreto Sostegni licenziato a fine marzo scorso.

Il suo obiettivo principale è quello di sostenere i genitori, appunto separati o divorziati, tenuti a pagare l’assegno per il mantenimento dei figli nonostante versino in una difficile situazione lavorativa e, quindi, finanziaria.

Nel dettaglio, il Bonus dovrebbe spettare a chi ha visto cessare, ridurre o sospendere la propria attività lavorativa a causa delle misure di contenimento dell’epidemia. Tuttavia, per quello che si sa al momento, la prestazione esiste soltanto sulla carta.

Ricevi tutte le news sui bonus e le notizie dal mondo del lavoro direttamente su whatsapp. Ricevi tutti gli aggiornamenti sulla finanza personale entrano nel nostro canale Telegram o sul gruppo Facebook dedicato a questo argomento.

Pagamento Bonus 1600 euro in arrivo: vedi il video di The Wam

Come presentare domanda per il bonus genitori separati?

Bisogna sottolineare come ancora oggi, dopo praticamente 4 mesi dal lancio del primo Decreto Sostegni, manchi il provvedimento attuativo necessario per definire i termini di erogazione del Bonus.

Al momento, si sa che l’importo dell’aiuto economico potrà raggiungere un massimo di 800 euro e servirà a coprire, del tutto o solo in parte, la cifra dovuta a titolo di assegno di mantenimento ma non è chiaro, per esempio, quali saranno esattamente i criteri di definizione dell’importo.

Servirà prima richiedere una riduzione dell’importo al tribunale competente? Sarà disponibile per qualsiasi categoria lavorativa? Per quanto tempo bisognerà aver cessato l’attività per poter fare richiesta?

Alcune delle domande più pressanti in merito. Allo stesso modo non sono note nemmeno le modalità di invio della domanda, tantomeno le tempistiche di comunicazione dell’esito e i canali attraverso i quali sarà erogato.

Se vuoi fare domande specifiche sui bonus o i temi legati al mondo del lavoro seguici su Instagram.

Per ricevere tutte le ultime notizie, entra subito nei gruppi social per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Aggiungiti a 79mila persone e guarda le video-guide sui bonus sul canale YouTube di TheWam.net.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp