Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus idrico 2024 in arrivo a giugno: a chi spetta

Bonus idrico 2024 in arrivo a giugno: a chi spetta

Come Funziona il Bonus idrico 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Giugno 2024

In questo articolo vedremo come funziona e a chi spetta il Bonus idrico 2024 (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come funziona il Bonus idrico 2024

Il Bonus idrico integrativo 2024 è un’agevolazione dedicata a coloro che vivono in condizioni di particolare svantaggio economico e offre un aiuto significativo per la riduzione delle spese relative alla fornitura dell’acqua potabile.

Questa guida spiegherà nel dettaglio come funziona, chi può beneficiarne, come fare domanda e quali sono i requisiti necessari. Inoltre, chiariremo come questo bonus si distingue dagli altri incentivi come il Bonus sociale 2024.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Che cos’è il Bonus idrico integrativo 2024?

Il Bonus idrico integrativo è un sussidio economico destinato alle famiglie con difficoltà economiche per agevolarle nel pagamento delle bollette dell’acqua. Si aggiunge al bonus sociale nazionale e viene finanziato tramite un fondo di solidarietà che distribuisce le risorse disponibili tra i vari territori.

Come richiedere il Bonus idrico 2024

Le famiglie interessate dovevano presentare la domanda entro il 30 maggio 2024, sebbene questa data possa variare in base alle decisioni delle singole autorità locali. È fondamentale perciò verificare le scadenze specifiche sul portale dell’ente territoriale competente.

La gestione del Bonus idrico integrativo 2024 è, infatti, demandata alle autorità regionali e locali. Ogni Comune è responsabile di pubblicare gli avvisi con le modalità per presentare la richiesta. Pertanto, le procedure specifiche e i requisiti dettagliati possono variare a seconda della località.

Per accedere al bonus, le famiglie devono presentare un’apposita richiesta che può essere inoltrata online o presso gli sportelli dedicati indicati dall’ente territoriale. La domanda deve essere corredata dalla seguente documentazione:

Bonus-idrico-2024-bicchiere
In foto, un bicchiere d’acqua.

Requisiti necessari per accedere al Bonus

Residenza anagrafica

Per le utenze idriche dirette, l’intestatario del contratto di fornitura deve avere la residenza anagrafica all’indirizzo di fornitura. Per le utenze indirette, è necessario che la residenza anagrafica coincida con l’indirizzo della fornitura condominiale.

Situazione economica

Il richiedente deve rispettare dei requisiti ISEE, definiti dai parametri fissati dai singoli Comuni. Gli enti locali determinano anche l’ammontare del contributo. Questo vuol dire che la soglia ISEE utile per l’accesso al Bonus idrico 2024 può variare da zona a zona.

Importi e calcolo del Bonus idrico integrativo

Gli importi del bonus possono variare a livello locale. Ad esempio, nel Comune di Roma, il bonus viene calcolato in base alla spesa per i corrispettivi fissi e variabili di acquedotto, fognatura e depurazione per un consumo fino a:

La quantificazione del bonus viene effettuata dal gestore sulla base dei dati forniti al momento della presentazione della domanda, considerando le tariffe in vigore nell’anno di riferimento.

Differenze tra Bonus idrico integrativo e Bonus bollette 2024

È importante distinguere il Bonus idrico integrativo dal Bonus Bollette 2024. Il Bonus Bollette, noto anche come Bonus sociale per acqua, energia elettrica e gas, è un’agevolazione destinata alle famiglie in difficoltà economica per ridurre le spese relative alle forniture domestiche.

Mentre il Bonus idrico integrativo si concentra esclusivamente sulle spese per l’acqua potabile, il Bonus Bollette copre un ambito più ampio, comprendendo anche l’elettricità e il gas.

Finalità e ambito di applicazione

Requisiti economici

Entrambi i bonus richiedono la presentazione di un ISEE ordinario in corso di validità, ma i parametri specifici di accesso possono variare. Ad esempio, il Bonus Bollette ha una soglia ISEE specifica definita a livello nazionale (ISEE di massimo 9.530 euro), mentre per il Bonus idrico integrativo i parametri possono essere determinati dai singoli Comuni.

Come ottenere entrambi i bonus

Le famiglie che si trovano in difficoltà economiche possono beneficiare sia del Bonus idrico integrativo che del Bonus Bollette. Tuttavia, ricordiamo che il Bonus Bollette a differenza del Bonus idrico integrativo non va richiesto, ma viene erogato automaticamente dall’INPS come sconto in bolletta dopo aver presentato la DSU, se il valore ISEE risulta inferiore o uguale a 9.530 euro.

FAQ sul Bonus idrico integrativo 2024

Chi può beneficiare del Bonus idrico integrativo?

Possono beneficiare del Bonus idrico integrativo le famiglie che rispettano i requisiti di disagio economico e sociale stabiliti dai singoli Comuni. È necessario presentare una certificazione ISEE valida per dimostrare la propria situazione economica.

Qual è la scadenza per presentare la domanda?

La domanda doveva essere presentata entro il 30 maggio 2024, ma questa data può variare in base alle decisioni delle autorità locali. È importante controllare le scadenze specifiche sul portale dell’ente territoriale competente.

Come si fa a presentare la domanda?

La domanda può essere presentata online tramite il portale dell’ente territoriale o presso gli sportelli dedicati. È necessario allegare un documento d’identità valido, una copia della bolletta dell’utenza domestica e un’attestazione ISEE in corso di validità.

Posso richiedere il bonus per più di un’utenza domestica?

Il bonus è destinato a coprire le spese relative a una singola utenza domestica per il nucleo familiare richiedente. Se hai più utenze domestiche, verifica con l’ente territoriale competente se è possibile presentare più domande.

C’è un limite di reddito per accedere al Bonus idrico integrativo?

Sì, per accedere al Bonus idrico integrativo, è necessario rispettare i limiti di reddito stabiliti dai parametri ISEE. I limiti specifici possono variare a seconda del Comune, quindi è importante consultare le linee guida locali.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp