Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus infissi 2024

Bonus infissi 2024

Che come funziona il Bonus infissi 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Febbraio 2024

In questo articolo scopriremo come funziona il Bonus infissi 2024 e come richiederlo (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus infissi 2024

Il “Bonus infissi” non si presenta come un beneficio autonomo, ma fa parte di un più vasto assortimento di agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie promosse dall’Agenzia delle Entrate. Le condizioni specifiche di questo “bonus” sono quindi definite in base al tipo di agevolazione fiscale principale a cui è collegato.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Tabella delle detrazioni del Bonus infissi 2024

La tabella riportata di seguito mostra le caratteristiche del Bonus finestre nel 2024, in base alla principale agevolazione a cui è collegato.

Tipologia del Bonus finestreAgevolazione principalePercentuale di detrazioneRequisiti dei nuovi infissiSconto e cessione ammessi
Bonus infissi 50%Bonus casa50% dei costi su una spesa massima di 96.000 euronessuno in particolareNo
Bonus infissi 50%Ecobonus50% dei costi su una spesa massima di 60.000 eurorequisiti specifici pensati per l’efficienza energeticaNo
Tabella delle detrazioni del Bonus infissi 2024

Che come funziona il Bonus infissi 2024

Quando si procede alla sostituzione dei vecchi infissi è possibile beneficiare di due incentivi fiscali significativi, l’Ecobonus e il Bonus Casa. Questi aiuti statali coprono fino al 50% delle spese sostenute.

L’Ecobonus è ideale per chi aspira a migliorare l’efficienza energetica dei propri immobili attraverso l’installazione di infissi moderni.

D’altra parte, il Bonus Casa è progettato per sostenere vasti lavori di ristrutturazione, permettendo anch’esso di ridurre del 50% i costi di acquisto di nuovi infissi. In entrambi i casi si tratta di agevolazioni che hanno il carattere di detrazioni Irpef spalmate su un arco di 10 anni.

Bonus-infissi-2024-agenzia
In foto, la pagina del Bonus casa sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come sostituire gli infissi infissi con l’Ecobonus 50%

Per chi mira a rinnovare il proprio immobile sostituendo vecchi infissi con opzioni più avanzate e efficienti dal punto di vista energetico, senza intraprendere altri lavori di ristrutturazione, l’Ecobonus è la soluzione ottimale. Questo beneficio fiscale è stato introdotto specificamente per promuovere interventi finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, compresa la sostituzione delle finestre.

Adottando infissi di ultima generazione e aggiungendo dispositivi come tapparelle o tende da sole per potenziare l’isolamento termico, si può accedere a una detrazione fiscale che copre il 50% delle spese effettuate.

Un vantaggio significativo dell’Ecobonus è l’assenza di limiti legati alle categorie catastali degli immobili, permettendo l’applicazione tanto a edifici residenziali quanto a quelli ad uso commerciale o professionale, inclusi uffici e laboratori.

Quali sono i limiti di spesa dell’Ecobonus?

L’Ecobonus offre una detrazione del 50%, ma applicabile a un limite massimo di spesa di 60.000 euro.

Questo limite include l’intera gamma di costi legati al progetto, non solo quelli per l’installazione delle nuove finestre, ma anche le spese per le schermature solari.

Come sostituire gli infissi con il Bonus casa 50%

Se avete in programma la sostituzione delle finestre all’interno di ampi lavori di ristrutturazione di un immobile, il Bonus Casa è l’agevolazione giusta per voi!

Destinato specificamente a interventi di ristrutturazione su edifici residenziali preesistenti, il Bonus Casa offre una detrazione Irpef del 50% sulle spese sostenute. Il tetto di spesa ammissibile per beneficiare di questa detrazione, inclusa la sostituzione delle finestre, è di 96.000 euro.

Va tenuto conto che ci sono delle limitazioni legate alle categorie catastali idonee al Bonus Casa. Questo beneficio è infatti riservato esclusivamente a lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria su proprietà ad uso abitativo.

Si può avere il Bonus infissi 2024 con sconto in fattura?

Nel 2024 né l’Ecobonus né il Bonus Casa permettono la cessione del credito o lo sconto in fattura. Di conseguenza, il recupero delle spese avviene attraverso un rimborso fiscale, in forma di detrazione Irpef, distribuita su dieci anni. Questo rimborso consente di ottenere fino al 50% delle spese sostenute come riduzione delle imposte dovute.

Inoltre, per i lavori idonei al Bonus infissi con spese superiori a 10.000 euro, è necessario ottenere l’asseverazione per la congruità dei prezzi. Questo documento è indispensabile per comprovare la legittimità e l’adeguatezza dei costi dei lavori previsti.

Ricordiamo anche che, fino al 2023, il Bonus Barriere architettoniche offriva la possibilità di sostituire gli infissi beneficiando di uno sconto in fattura del 75%, a condizione che gli infissi soddisfacessero certi criteri di accessibilità per persone con disabilità.

Tuttavia, le norme relative a questo bonus sono state significativamente modificate quest’anno. Dal 1° gennaio 2024 la ristrutturazione dei bagni e la sostituzione degli infissi non sono più lavori inclusi nell’agevolazione fiscale del 75%. Pertanto, nel 2024 non c’è modo di beneficiare del Bonus infissi con lo sconto in fattura.

Questo cambiamento è stato introdotto con l’articolo 3, comma 1, del decreto legge n. 212/2023, che ha modificato l’articolo 119-ter del Decreto Rilancio n. 34/2020. La nuova legislazione specifica che, nel 2024, il Bonus barriere architettoniche si applica esclusivamente “per la realizzazione in edifici preesistenti di interventi mirati all’eliminazione delle barriere architettoniche che interessano solo scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici“.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus infissi 2024

Posso usufruire del Bonus infissi per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus infissi è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus infissi?

Per ottenere il Bonus infissi con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi. Se invece si utilizza il Bonus finestre 75% è possibile richiedere alla ditta che installa gli infissi di applicare lo sconto in fattura.

Qual è il periodo di validità del Bonus infissi?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus infissi. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50% o dell’Ecobonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp