Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Edilizia » Fisco e tasse / Bonus infissi edilizia libera

Bonus infissi edilizia libera

Bonus infissi ed edilizia libera: la sostituzione di infissi e serramenti rientra negli interventi di edilizia libera oppure no? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Gennaio 2024

Oggi vi parliamo di Bonus infissi ed edilizia libera: occorre avere permessi edilizi per la sostituzione degli infissi? (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus infissi ed edilizia libera: occorrono permessi?

Iniziamo subito col dire che per la sostituzione di infissi e serramenti non occorre richiedere permessi o autorizzazioni al Comune di residenza, poiché si tratta di interventi di edilizia libera.

A chiarirlo è il Glossario per l’edilizia libera ed ANFIT (Associazione Nazionale per la Tutela della Finestra Made in Italy), attraverso il decreto ministeriale pubblicato il 2 marzo 2018.

Nel Glossario si specifica che il regime giuridico interessato per la riparazione, sostituzione e rinnovamento dei serramenti e degli infissi interni ed esterni è quello dell’edilizia libera, disciplinato dal decreto del Presidente della Repubblica numero 380, del 2001, all’articolo 6, comma 1, lett. a) e all’articolo 3, comma 1, lett. a).

Gli interventi di questo tipo rientrano nell’ambito della manutenzione ordinaria e riguarda le finiture degli edifici, interessando le opere necessarie all’integrazione e al mantenimento in efficienza degli impianti tecnologici già esistenti, come spiegato dal decreto legislativo numero 222 del 2016, Tabella A, Sezione II – Edilizia – attività 1.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Bonus infissi ed edilizia libera: quali sono le eccezioni?

Dunque, la sostituzione di infissi e serramenti rientra sempre nell’ambito dell’edilizia libera? No, non è sempre così.

Qualora la sostituzione di infissi e serramenti dovesse rientrare nell’insieme di interventi più articolati, per i quali è stata aperta una pratica edilizia, la sostituzione degli infissi è ricompresa nella categoria dei lavori più importanti e, di conseguenza, non sarebbe più ritenuta edilizia libera.

Bonus infissi: quando è possibile richiederlo?

Si può sfruttare il Bonus infissi grazie a tre incentivi quali l’Ecobonus, il Bonus Casa e il Bonus barriere architettoniche.

Bonus infissi con l’Ecobonus: requisiti e spesa

L’Ecobonus, ovvero il Bonus dedicato al risparmio energetico, consente di godere di una detrazione fiscale del 50% sulla spesa effettuata per la sostituzione di infissi e oscuranti, fino a un massimo di spesa di 120.000 euro. La detrazione è spalmata in 10 anni, di pari importo.

L’agevolazione spetta soltanto per la sostituzione di infissi che connettono un locale riscaldato con l’esterno e che rispettano determinati requisiti di trasmittanza termica.

Bonus infissi con il Bonus casa: requisiti e spesa

Il Bonus Casa, invece, prevede una detrazione fiscale del 50% sulla sostituzione di infissi e oscuranti, per una spesa massima di 96.000 euro, spalmabili in 10 anni.

Questo Bonus è dedicato a chi effettua lavori di ristrutturazione o di manutenzione straordinaria di un edificio abitativo.

Bonus infissi con il Bonus barriere architettoniche: requisiti e spesa

L’opportunità di effettuare la sostituzione degli infissi è contemplata all’interno della detrazione al 75% offerta dal Bonus barriere architettoniche, il che spiega il frequente utilizzo del termine “Bonus infissi 75%” per riferirsi a questa agevolazione.

L’obiettivo primario del bonus è la rimozione delle barriere architettoniche. Pertanto, per poter usufruire del Bonus infissi 75%, è fondamentale che i nuovi infissi soddisfino rigidi requisiti specifici:

Bonus infissi ed edilizia libera
Bonus infissi ed edilizia libera: in foto una serie di infissi in un appartamento.

Faq sul Bonus infissi

Quali sono le spese incluse nel Bonus infissi?

Le spese ammesse con il Bonus infissi nel 2023, sulle prime e seconde case, sono:

Posso usufruire del Bonus infissi per un edificio unifamiliare?

Sì, il Bonus infissi è esteso anche agli interventi su villette unifamiliari, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Il Bonus infissi copre anche le spese per le persiane?

Si, il Bonus infissi copre anche le spese per l’acquisto o la sostituzione delle persiane. Ma il suo obiettivo principale è incentivare la sostituzione delle finestre con infissi più efficienti dal punto di vista energetico.

Posso richiedere il Bonus finestre per una seconda casa?

Sì, è possibile richiedere il Bonus infissi anche per una seconda casa. Le detrazioni fiscali previste dal Bonus finestre non sono limitate esclusivamente alla residenza principale, ma possono essere applicate anche ad altre abitazioni di proprietà, come le seconde case.

Il Bonus finestre è disponibile per le persone disabili?

Assolutamente sì, il Bonus infissi è disponibile anche per le persone con disabilità, sia se realizzato come lavoro trainante del Superbonus sia con il Bonus barriere architettoniche. Non ci sono restrizioni legate alla condizione fisica o alla disabilità per beneficiare di questo incentivo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp