Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Bonus infissi, la tabella con tutti gli sconti

Bonus infissi, la tabella con tutti gli sconti

Bonus infissi, la tabella con tutti gli sconti: ci sono almeno tre possibilità per accedere alle agevolazioni fiscali, vediamo come e quali.

di The Wam

Dicembre 2021

I Bonus infissi, così come altre detrazioni fiscali per i lavori edilizi, spesso si ripetono all’interno di diversi provvedimenti. Una sovrabbondanza di misure che rischia di generare confusione. Ma soprattutto potrebbe causare errori o scelte sbagliate.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Proviamo a fare chiarezza in questo articolo.

Il Bonus infissi è inserito in tre misure molto diverse tra loro:

Bonus infissi: Ecobonus

Iniziano dall’Ecobonus (articolo 12 comma 2.1 del Decreto Legge numero 63 del 2013). Questa misura consente la detrazione del 50% delle spese che sono state sostenute per l’acquisto e la posa in opera di finestre con infissi e schermature solari.

L’intervento, per beneficiare del cosiddetto bonus infissi, deve prevedere:

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Bonus infissi: Ecobonus e tabelle climatiche

Per leggere la tabella sono utili queste indicazioni:

Questi i valori di trasmittanza termica da rispettare zona per zona:

La detrazione massima ammissibile è di 60.000 euro per unità immobiliare. Il che significa che il limite di spesa massimo per ogni unità immobiliare è di 120.000 euro.

Per l’Ecobonus 50% bisogna inviare la certificazione completa entro 90 giorni dalla fine dei lavori o del collaudo delle opere. La domanda va inviata qui.

Bonus infissi: Bonus ristrutturazioni edilizie

L’altra agevolazione per la sostituzione degli infissi si può ottenere con il Bonus ristrutturazioni edilizie.

La detrazione fiscale prevista è del 50% con un limite di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare (e quindi detrazione massima di 48.000 euro, di fatto inferiore all’ecobonus 50%).

Per avere accesso a questo bonus la sostituzione degli infissi deve essere configurata come manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia. La comunicazione va inviata sul sito web dell’Agenzia delle Entrate nell’anno in cui sono terminati i lavori.

Bonus infissi: esempi per ristrutturazioni edilizie

Questi alcuni esempi di manutenzione straordinaria che possono accedere a questo bonus:

Bonus infissi: Superbonus 110%

La terza possibilità è più complicata, quella con il superbonus 120% (articolo 119 del Decreto Legge numero 34 del 2020).

La sostituzione degli infissi con l’agevolazione fiscale è possibile se c’è un intervento trainante che riguarda:

In questo caso è richiesto il doppio salto di salto di classe energetica dell’intero edificio (e non quindi della singola unità immobiliare, a meno che quest’ultima non abbia un ingresso autonomo e sia indipendente).

Bonus infissi: scadenze

Bisogna comunque ricordare le scadenze per questi tre bonus che garantiscono, tra l’altro, agevolazioni fiscali per la sostituzione degli infissi:

per i condomini il 31 dicembre 2022;

per gli edifici plurifamiliari da 2 a 4 u.i. il 30 giugno 2022 con possibilità di arrivare al 31 dicembre 2022 al 30 giugno 2022 si è arrivati almeno al 60% del SAL;

per i condomini il 31 dicembre 2022;

per gli IACP il 30 giugno 2023 con possibilità di arrivare al 31 dicembre 2023 al 30 giugno 2023 si è arrivati almeno al 60% del SAL.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp