Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Edilizia » Fisco e tasse / Bonus infissi trasmittanza: agevolazioni e cosa sapere

Bonus infissi trasmittanza: agevolazioni e cosa sapere

Bonus infissi e trasmittanza: ecco cosa si intende per trasmittanza termica e quali sono i valori minimi e le zone climatiche da ricordare per avere diritto alle agevolazioni.

di Carmine Roca

Febbraio 2024

Oggi vi parleremo di Bonus infissi e trasmittanza: ecco cosa sapere su lavori e agevolazioni (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus infissi e trasmittanza: cosa significa?

Per avere diritto all’Ecobonus 50% e al Superbonus 70% (o al 110% per chi ha effettuato l’asseverazione dei lavori entro il 31 dicembre 2023), legati alla sostituzione degli infissi, è necessario rispettare i parametri tecnici entrati in vigore a fine 2020.

Per risparmiare energia e usufruire delle agevolazioni fiscali è fondamentale installare infissi dotati di una trasmittanza termica minima.

Per trasmittanza termica si intende la grandezza fisica che misura la quantità di potenza termica scambiata da un materiale o un corpo per unità di superficie e unità di differenza di temperatura quando viene lambito da fluidi su entrambi i lati.

Per dirlo in parole povere: la trasmittanza termica è il valore che indica con quale facilità gli infissi si lasciano attraversare dal calore.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Bonus infissi e trasmittanza: qual è il valore minimo per Ecobonus?

Ma qual è il valore minimo di trasmittanza termica indicato dalla legge per avere diritto a sconti e agevolazioni fiscali sulla sostituzione degli infissi? Dipende dalle zone climatiche.

Come stabilito dal decreto del Presidente della Repubblica, numero 412 del 26 agosto 1993, l’Italia è suddivisa in 6 distinte regioni climatiche, in base alla temperatura media esterna percepita durante il giorno.

La divisione in zone climatiche è fondamentale per la scelta degli infissi e per la “corsa” alle agevolazioni fiscali.

Gli infissi devono isolare l’appartamento evitando di riscaldare o raffreddare troppo gli ambienti. Di conseguenza diventa molto importante scegliere e acquistare quelli giusti, sulla base della zona climatica di riferimento.

Ad esempio chi vive in una zona di mare avrà bisogno di serramenti diversi rispetto a chi vive in una zona di montagna.

Secondo il DPR sopra anticipato, a ogni zona climatica corrisponde un valore minimo di trasmittanza termica da rispettare per avere diritto al Bonus infissi legato all’Ecobonus 50% (detrazione del 50% delle spese sostenute per un massimo di 60.000 euro su una spesa totale di 120.000 euro ad unità immobiliare).

Ecco una tabella semplificatrice:

Zone climatica e trasmittanza termica infissi con Ecobonus

Bonus infissi e trasmittanza: qual è il valore minimo per Bonus ristrutturazioni?

Per quanto riguarda il Bonus ristrutturazioni, si possono considerare i valori minimi validi per ogni tipologia di intervento, come di seguito:

Zone climatiche e trasmittanza termica Infissi con Bonus Ristrutturazioni _ posaqualificata.it

Bonus infissi e trasmittanza: come accedere alle agevolazioni?

Per accedere alle agevolazioni fiscali, è necessario installare infissi con vetri con trasmittanza termica di almeno 1.0 (doppi vetri con camera compresa tra 15 e 18 mm, le dimensioni più indicate per avere massime prestazioni termiche).

La camera va riempita con gas argon, che migliora le prestazioni dell’infisso. Il vetro, invece, deve avere una bassa emissività (ad esempio di tipo 1 sull’infisso con trasmittanza termica di 1.0).

La finestra va dotata di distanziatori termici (warm edge), che migliorano la trasmissione complessiva del calore riducendo il ponte termico tra infisso e vetro.

Il materiale degli infissi più indicato è quello composto da legni teneri, con conducibilità termica di almeno 0,13 (abete, pino, larice).

Bonus infissi e trasmittanza
Bonus infissi e trasmittanza: in foto infissi nuovi in un bagno rimodernato.

Faq sul Bonus infissi

Cos’è il Bonus infissi?

Il Bonus infissi è un’agevolazione fiscale rientrante nel Bonus barriere architettoniche, nel Superbonus, nel Bonus ristrutturazione e nell’Ecobonus, con diverse percentuali di detrazione. Fino a poco tempo fa era possibile utilizzare lo sconto in fattura per la sostituzione degli infissi, come lavoro trainato, nell’ambito del Superbonus. Chi ha usufruito di questa agevolazione detrarrà il 50% delle spese effettuate spalmate in 10 anni.

Quante volte si può usufruire del Bonus infissi?

Secondo quanto descritto nella circolare numero 19 del 2020 dell’Agenzia delle Entrate: “Nell’ipotesi in cui gli interventi realizzati in ciascun anno consistano nella mera prosecuzione di lavori iniziati negli anni precedenti sulla stessa unità immobiliare, ai fini della determinazione del limite massimo delle spese ammesse in detrazione occorre tenere conto anche delle spese sostenute negli anni pregressi. Si ha, quindi, diritto all’agevolazione solo se la spesa per la quale si è già fruito della relativa detrazione nell’anno di sostenimento non ha superato il limite complessivo.”

Il Bonus infissi 2023 quando scade?

Il Bonus infissi 75% può essere usato fino al 31 dicembre 2025. Questa è la data di scadenza attuale, salvo future proroghe dell’agevolazione.

Il Bonus infissi si applica anche per le persone di età superiore ai 65 anni?

Sì, le persone di età superiore ai 65 anni possono usufruire del Bonus infissi, purché rispettino tutti gli altri requisiti previsti. L’età avanzata non costituisce un ostacolo per beneficiare di questo incentivo.

Il Bonus finestre è disponibile per le persone disabili?

Assolutamente sì, il Bonus infissi è disponibile anche per le persone con disabilità, sia se realizzato come lavoro trainante del Superbonus sia con il Bonus barriere architettoniche. Non ci sono restrizioni legate alla condizione fisica o alla disabilità per beneficiare di questo incentivo.

Posso richiedere il Bonus finestre per una seconda casa?

Sì, è possibile richiedere il Bonus infissi anche per una seconda casa. Le detrazioni fiscali previste dal Bonus finestre non sono limitate esclusivamente alla residenza principale, ma possono essere applicate anche ad altre abitazioni di proprietà, come le seconde case.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp