Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Fisco e tasse / Bonus mobili fino al 31 dicembre 2021: come ottenerlo

Bonus mobili fino al 31 dicembre 2021: come ottenerlo

Bonus mobili fino al 31 dicembre 2021: come ottenerlo e quanto si risparmia per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

di The Wam

Dicembre 2021

Per il Bonus mobili non resta molto tempo: c’è tempo fino al 31 dicembre 2021 per acquistare un mobile o un elettrodomestico con lo sconto Irpef. L’agevolazione è stata in qualche modo prorogata fino al 2024, ma con una serie di vincoli.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

A partire dal prossimo anno infatti il limite di spesa subirà un taglio notevole:

da 16.000 a 5.000 euro.

E quindi chi vuole sfruttare al massimo le detrazioni Irpef al 50% e sta effettuando lavori di ristrutturazione della casa farebbe bene a muoversi. Già nel 2022 il tetto di spesa sarà ridotto di due terzi.

Bonus mobili: tetto diverso alla detrazione dal 2022

Come abbiamo accennato la riduzione della detrazione Irpef del 50% scende da 16.000 a 5.000 euro. Il costo è recuperabile in 10 anni.

Ma se lo sconto Irpef fino al 31 dicembre può arrivare a 8.000 euro (cifra consistente per arredi ed elettrodomestici), dal 2022 in poi scenderà a 2.500 euro, recuperabili in 10 rate annuali.

Molto meno sostanzioso.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Bonus mobili: i requisiti

Chi volesse provare – siamo ancora in tempo – ad “approfittare” entro il 31 dicembre del maxi sconto sull’Irpef, deve comunque rispettare questi requisiti:

la detrazione spetta a condizione che gli interventi di ristrutturazione siano iniziati dal primo dicembre dell’anno precedente a quello dell’acquisto (di mobili ed elettrodomestici);

se gli interventi sono invece iniziati nell’anno precedente e proseguiti nell’anno successivo la detrazione massima sarà di 5.000 euro;

per poter sfruttare in pieno il bonus mobili 2021 (arrivando al tetto di spesa di 16.000 euro) è indispensabile aver cominciato le opere di ristrutturazione edilizia nella propria abitazione a partire dal primo gennaio 2020.

Bonus mobili: cosa cambia per la classificazione degli elettrodomestici

Quello che cambierà dopo il 31 dicembre 2021 è anche il sistema per la classificazione degli elettrodomestici.

Non ci saranno più i valori A (A+. A++, A+++), si andrà invece dalla A alla G.

E infatti nella legge di Bilancio si descrivono così:

Bonus mobili: requisiti inalterati

Resteranno inalterati, anche nel 2022, i requisiti necessari per accedere all’agevolazione fiscale.

Il bonus mobili verrà concesso a chi ha realizzato una ristrutturazione edilizia.

Questa ristrutturazione può riguardare singole unità immobiliari o parti comuni di edifici. Devono comunque essere residenziali.

La manutenzione deve essere straordinaria.

Qualche esempio:

Per le parti condominiali sono ammessi anche lavori di manutenzione ordinaria:

Qualche esempio:

Per gli interventi che riguardano le parti condominiali i condòmini possono detrarre ciascuno la sua quota. Ma solo per i beni che dovranno arredare queste parti.

Il bonus mobili viene concesso solo a chi ha iniziato i lavori prima dell’acquisto dei mobili o dei grandi elettrodomestici. Ma non è indispensabile che le spese di ristrutturazione siano state saldate prima di quelle per l’arredo.

Bonus mobili: i mobili detraibili

È possibile avere la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto:

Bonus mobili: gli elettrodomestici detraibili

Questi sono invece gli elettrodomestici detraibili:

Bonus mobili: come pagare

Tutte le spese devono essere sostenute con bonifico, carta di debito o credito. Detrazione esclusa per chi paga con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Bonus mobili: dichiarazione dei redditi

Per poter chiedere la detrazione nella prossima dichiarazione dei redditi è necessario conservare l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico o ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito) e le fatture o lo scontrino di acquisto dei mobili e degli elettrodomestici.

Si deve infine allegare la dichiarazione dell’avventura ristrutturazione rilasciata dal Comune.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp