Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus over 60 nel 2024

Bonus over 60 nel 2024

Quali sono i Bonus over 60 nel 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Febbraio 2024

In questo articolo vedremo quali sono i principali Bonus over 60 nel 2024 e come richiederli (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Tabella dei Bonus over 60 nel 2024

Per i cittadini che hanno superato i 60 anni sono disponibili diverse opportunità sotto forma di agevolazioni e bonus. Ecco una panoramica delle principali agevolazioni da richiedere nel 2024.

Bonus / AgevolazioneDestinatariRequisito ISEEImportoModalità di Richiesta
Assegno di inclusioneI nuclei con all’interno almeno un membro minore, disabile, over 60 o preso in carica dai servizi socialiISEE ≤ 9.360 euro + requisiti legati al reddito familiare e ai patrimoniVariabile in base al reddito e alla composizione del nucleo familiareSito dell’INPS
Supporto per la formazione e il lavoroI nuclei non idonei a ricevere l’Assegno di inclusioneISEE ≤ 6.000 euro + requisiti legati al reddito familiare e ai patrimoni350 euro al meseSito dell’INPS
Carta acquistiPersone con 65 anni compiutiISEE ≤ 7.640,18 euro80 euro ogni 2 mesiCompilazione modulo all’ufficio postale
Naspi “intera”Persone con 55 anni compiutiNessunodipende dal salario percepitoRichiede la presentazione di una domanda all’INPS
Pensione anticipata per donne disabiliDonne disabili con 56 anni compiutiNessunoDipendeRichiede la presentazione di una domanda all’INPS
Bonus over 60 nel 2024: tabella riassuntiva

Bonus over 60 nel 2024: approfondimento

Assegno di inclusione

Dal 2024 l’Assegno di inclusione sostituisce il Reddito di cittadinanza ed è destinato a specifiche categorie di nuclei familiari. Questa misura è rivolta alle famiglie che includono almeno un membro con disabilità, un minorenne, una persona anziana oltre i 60 anni o un individuo coinvolto in programmi di assistenza sociale.

Per essere idonei all’Assegno di inclusione, è necessario avere un ISEE non superiore a 9.360 euro, oltre al rispetto di condizioni specifiche legate al reddito familiare e al patrimonio. Questi criteri sono fondamentali per determinare l’eleggibilità al beneficio e sono descritti nel nostro articolo sui requisiti per l’Assegno di inclusione.

L’obiettivo dell’Assegno di inclusione è integrare il reddito delle famiglie, fornendo un contributo mensile per garantire che il reddito annuo raggiunga almeno i 6.000 euro. Per una comprensione approfondita di come vengono calcolati gli importi erogati, vi consigliamo di leggere l’articolo sugli importi dell’Assegno di inclusione, che fornisce una panoramica dettagliata della metodologia di calcolo e degli scenari vari.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Supporto per la formazione e il lavoro

Il Supporto per la formazione e il lavoro è una misura introdotta a partire dal 1° settembre 2023, sempre con l’obiettivo di sostituire il Reddito di cittadinanza. Questo supporto è specificamente destinato ai nuclei familiari che non soddisfano i requisiti per l’Assegno di inclusione, ossia quelli composti esclusivamente da individui dai 18 ai 59 anni non affetti da disabilità.

I beneficiari di questa misura ricevono un contributo mensile di 350 euro e sono tenuti a partecipare attivamente a corsi di formazione e iniziative volte a migliorare le loro prospettive di reinserimento nel mondo del lavoro.

Il contributo è erogato per l’intera durata del percorso formativo e cessa una volta completate le attività di reinserimento lavorativo. Questo supporto può essere concesso per un massimo di 12 mesi e non prevede possibilità di rinnovo o proroga.

Per ulteriori dettagli su come accedere a questo sostegno, il consiglio è di consultare la guida al Supporto per la formazione e il lavoro.

Carta acquisti

La Carta acquisti è una carta prepagata che viene ricaricata con 80 euro ogni due mesi ed è destinata alle famiglie con bambini sotto i 3 anni e alle persone di 65 anni o più, purché il loro ISEE non superi 7.640,18 euro.

Per ottenere la Carta acquisti è necessario compilare un modulo di richiesta e presentarlo presso l’ufficio postale del proprio comune di residenza.

Se desiderate ulteriori dettagli sui requisiti di reddito e patrimonio, sia mobiliare che immobiliare, vi consigliamo di consultare la guida completa su come richiedere la Carta acquisti. Questa guida fornisce una panoramica chiara dei criteri di idoneità e spiega il processo di presentazione della domanda.

Naspi “intera” per un periodo più lungo

La Naspi (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) è un sostegno economico destinato ai disoccupati che perdono il lavoro in modo involontario. Dopo un periodo iniziale in cui la Naspi viene erogata a importo pieno, è previsto un meccanismo di riduzione degli importi del 3% ogni mese a partire dal sesto mese di fruizione del beneficio.

Tuttavia, per i lavoratori over 55, questo meccanismo inizia a operare solo a partire dal settimo mese di fruizione. Ciò significa che i lavoratori over 55 possono beneficiare della Naspi “intera” per sette mesi, ovvero per un periodo più lungo rispetto ai lavoratori più giovani.

Per ulteriori dettagli e informazioni sulla indennità di disoccupazione, potete consultare il nostro articolo dedicato alla Naspi o la pagina ufficiale della Naspi sul sito dell’INPS.

Bonus-over-60-nel-2024-INPS
La pagina della Naspi sul sito dell’INPS.

Pensione anticipata per donne disabili

Le donne con un’invalidità civile pari o superiore all’80% che lavorano nel settore privato possono accedere a una pensione di vecchiaia anticipata quando raggiungono i 56 anni.

Tuttavia, è necessario attendere un periodo di 12 mesi di finestra prima di poter iniziare a percepire la pensione, che verrà erogata quindi solo al compimento dei 57 anni, a condizione di avere almeno 20 anni di contributi.

Per accedere a questa agevolazione, è necessario presentare una domanda di pensione all’INPS, allegando la certificazione di invalidità pensionabile. Il semplice riconoscimento dell’invalidità civile, infatti, non è sufficiente; è necessario seguire l’intero procedimento burocratico per ottenere il riconoscimento dell’invalidità pensionabile.

Per ulteriori dettagli e informazioni dettagliate sui diritti delle persone con disabilità, potete scaricare l’opuscolo dell’INPS facendo clic sul pulsante di download qui sotto.

FAQ: Domande frequenti sui bonus over 60

Quali sono i requisiti per accedere ai bonus over 60?

I requisiti variano a seconda del tipo di bonus over 60. In generale, è richiesta un’età di almeno 50 anni e, in alcuni casi, la condizione di disoccupazione per un certo periodo.

Come posso richiedere uno di questi bonus over 60?

La procedura di richiesta varia a seconda del bonus. In generale, è necessario presentare una domanda all’INPS o parlare con il al datore di lavoro, che poi inoltrerà la richiesta all’ente previdenziale.

Posso richiedere i bonus over 60 se sono un lavoratore autonomo?

I bonus over 60 che abbiamo appena descritto e destinati ai lavoratori sono rivolti ai lavoratori dipendenti. Tuttavia, alcuni bonus potrebbero essere disponibili anche per i lavoratori autonomi, a condizione che soddisfino i requisiti specifici.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp