Bonus pagamento elettronico: come ottenere i 160 euro

Bonus pagamento elettronico. Scopri di più sulla detrazione fiscale fino a 320 euro per l'acquisto di pos e sul credito d'imposta del 100% sulle commissioni.

3' di lettura

Bonus pagamento elettronico: ci sono delle novità sulle detrazioni fiscali per esercenti e titolari di partite Iva. Il governo ha firmato gli ultimi provvedimenti.

(entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

In questo articolo scopriremo quali sono le ultime notizie sull’incentivo, a quanto ammonta e quali sono le scadenze da non dimenticare.

Bonus pagamento elettronico: cos’è?

Il bonus pagamento elettronico è una misura per favorire la circolazione della moneta elettronica.

Con l’ultimo provvedimento, l’Agenzia delle Entrate ha dato l’ok al bonus bancomat da 160 euro. È stato anche riconosciuto l’aumento al 100 per cento del credito d’imposta per gli esercenti.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Bonus pagamento elettronico: 160 euro per i Pos

Come dicevamo nel paragrafo precedente, è stato confermato il bonus bancomat da 160 euro riservato agli esercenti, agli artigiani e ai liberi professionisti.

Come previsto dal Decreto Sostegni bis, se installi o noleggi strumenti per consentire i pagamenti elettronici, hai diritto a una detrazione fiscale di 160 euro.

Si può usufruire di questo incentivo fino al 30 giugno 2022 anche se non tutti hanno diritto al massimo valore dell’incentivo.

Il credito d’imposta infatti varia in base al fatturato di ogni attività commerciale e spetta al:

  • 70% per le partite Iva i cui ricavi sono inferiori a 200mila euro;
  • 40% per i soggetti che hanno registrato compensi nel periodo d’imposta precedente tra i 200mila euro e 1 milione di euro;
  • 10% per chi ha ottenuto ricavi tra 1 milione e 5 milioni di euro.

Bonus pagamento elettronico: fino a 320 euro

Chi dovesse acquistare o noleggiare strumenti di pagamento elettronico evoluti, ha diritto a una detrazione fiscale di massimo 320 euro.

I parametri per stabilire il valore del credito d’imposta sono gli stessi del bonus bancomat da 160 euro. L’unica differenza è che in questo caso chi ha registrato un fatturato entro i 200mila euro ha diritto a una detrazione del 100 e non del 70 per cento.

Bonus pagamento elettronico: cos'è e come funziona
Bonus pagamento elettronico: cos’è e come funziona

Bonus pagamento elettronico: commissioni rimborsate

La principale novità delle ultime ore riguarda le commissioni maturate tra il 1° luglio 2021 e il 30 giugno 2022 agli esercenti nei confronti di consumatori finali e che adottino strumenti di pagamento elettronico.

Gli strumenti di pagamento devono essere collegati a mezzi per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi, che ne garantiscono inalterabilità e sicurezza. Se hai delle domande sul bonus pagamento elettronico, scrivici su Instagram.

Potrebbero interessarti anche:

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie