Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Bonus pensioni dicembre 2023

Bonus pensioni dicembre 2023

Bonus e pensioni dicembre 2023: ecco gli aumenti previsti a dicembre e gli esempi di come vengono calcolati.

di Carmine Roca

Novembre 2023

In questo articolo vi parleremo di Bonus e pensioni dicembre 2023: cosa c’è da aspettarsi? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bonus e pensioni dicembre 2023: quando verranno pagate?

Venerdì 1° dicembre partiranno i pagamenti delle pensioni di dicembre, sia per quanto riguarda gli accrediti postali (libretti, conti correnti, conto Banco Posta, Poste Pay Evolution), che per gli accrediti bancari.

Sempre il 1° dicembre inizieranno anche i ritiri in contanti presso gli uffici postali, seguendo il calendario dei pagamenti ordinato in base alle lettere iniziali dei cognomi dei pensionati.

Di seguito un possibile calendario dei pagamenti (vi consigliamo di informarvi presso l’ufficio postale di riferimento, poiché il calendario potrebbe essere soggetto a modifiche):

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Bonus e pensioni dicembre 2023: conguaglio e arretrati

Dicembre è il mese della tredicesima (calcolata sui mesi vissuti da pensionato, in misura piena è pari all’importo della pensione), ma pure della quattordicesima per chi ha compiuto 64 anni soltanto a partire da luglio (e rientra nei limiti reddituali previsti dalla legge). Per saperne di più vi consigliamo la lettura di questo approfondimento.

Ma non solo: a dicembre sono attesi aumenti e arretrati per l’applicazione del conguaglio dello 0,8% sugli importi delle pensioni, come previsto dal decreto fiscale numero 145 del 18 ottobre 2023.

Parliamo della differenza tra la rivalutazione effettiva, pari all’8,1%, e la rivalutazione provvisoria del 7,3%, che è stata calcolata – sbagliando – sugli importi delle pensioni a partire dal 1° gennaio 2023.

Lo 0,8% in più, in un primo momento, doveva essere pagato a gennaio 2024. Con il decreto anticipi, il governo Meloni ha deciso di anticipare di un mese l’erogazione, con l’obiettivo di fronteggiare il caro-prezzi e l’inflazione, ora ferma al 5,4%.

Conguaglio e arretrati: quali sono gli importi?

L’aumento spetta in misura piena sugli assegni di importo inferiore a 2.101,52 euro lordi e poi con percentuali sempre più basse, in proporzione all’aumentare del reddito.

In questo modo:

IMPORTO PENSIONIRIVALUTAZIONE
Pensioni fino a 2101 euro lordi al mese100%
Pensioni da 2101 euro a 2625 euro lordi al mese85% (0,68%)
Pensioni da 2626 a 3150 euro lordi al mese53% (0,42%)
Pensioni da 3151 a 4200 euro lordi al mese47% (0,37%)
Pensioni da 4201 a 5250 euro lordi al mese37% (0,30%)
Pensioni di importo superiore a 5250 euro lordi al mese32% (0,26%)
Tabella con le percentuali del conguaglio perequativo dello 0,8%

Inoltre, sempre a dicembre, verranno erogati gli arretrati del conguaglio perequativo non corrisposti da gennaio a novembre 2023.

Ma di quanto aumenteranno le pensioni di dicembre 2023? In questa tabella potrete verificare gli importi aggiornati con aumenti e arretrati:

PENSIONE LORDA NOVEMBRE 2023AUMENTO CONGUAGLIOARRETRATI CONGUAGLIO (DA GENNAIO A NOVEMBRE 2023)PENSIONE LORDA DICEMBRE 2023
1.000 euro8 euro (100%)88 euro1.096 euro
1.500 euro12 euro (100%)132 euro1.644 euro
2.000 euro16 euro (100%)176 euro2.192 euro
2.500 euro17 euro (85%)187 euro2.704 euro
3.000 euro12 euro (53%)192 euro3.144 euro
3.500 euro13 euro (47%)143 euro3.656 euro
4.000 euro15 euro (47%)165 euro4.180 euro
4.500 euro13 euro (37%)143 euro4.656 euro
5.000 euro14 euro (37%)154 euro5.168 euro
Tabella con gli aumenti per conguagli e arretrati a dicembre 2023

Il conguaglio si calcola pure sulla tredicesima?

Ma il conguaglio dello 0,8% si calcola pure sulla tredicesima?

Assolutamente sì. Anche la mensilità aggiuntiva aumenterà dello 0,8%, per un aumento complessivo (sulle 13 mensilità) di questo tipo:

IMPORTO PENSIONECONGUAGLIOAUMENTO (TREDICESIMA COMPRESA)
1.000 euro8 euro 104 euro
1.500 euro12 euro156 euro 
2.500 euro:17 euro 221 euro 
3.000 euro 12,72 euro 152,74 euro 
5.500 euro 13,75 euro 165 euro
Tabella aumenti conguaglio e arretrati (tredicesima compresa)

Il conguaglio si calcola pure sulla quattordicesima?

L’aumento spetta pure sulla quattordicesima, per chi non l’ha ricevuta a luglio? In questo caso la risposta è negativa: gli importi della quattordicesima rimangono invariati, a prescindere dalla rivalutazione annuale. A cambiare, ogni anno, sono i limiti reddituali entro cui rientrare.

Per concludere, il conguaglio perequativo dello 0,8% sarà calcolato sulle 12 mensilità di pensione, più la tredicesima mensilità, per un totale di 13 mesi di aumenti.

Cos’è il Bonus tredicesima e a chi spetta?

A dicembre, ma solo per i titolari di pensione minima, verrà erogato il Bonus tredicesima da 155 euro.

Si tratta di un incremento degli importi, applicato una volta l’anno, a chi percepisce la pensione minima e rientra in determinate soglie di reddito.

Per ricevere il Bonus tredicesima in misura piena è necessario che l’importo di tutti i trattamenti pensionistici percepiti non sia superiore a 7.327,32 euro annui e che il reddito complessivo assoggettabile all’IRPEF non sia superiore a 10.990,98 euro (se coniugato, 21.981,96 euro).

In caso di reddito superiore a 7.327,32 euro, ma inferiore a 7.482,26 euro, spetta un Bonus tredicesima di importo ridotto.

Bonus e pensioni dicembre 2023
Bonus e pensioni dicembre 2023: in foto alcune banconote di euro, arrotolate.

Faq sulla pensione di dicembre 2023

Cosa non si conteggia per il calcolo del reddito per la quattordicesima?

Per il calcolo del reddito non si conteggiano:

Gli aumenti a dicembre spettano pure sulle prestazioni di invalidità?

Sì, ma in questo caso parliamo di aumenti ridottissimi.

2,34 euro in più per:

Gli importi di queste prestazioni saliranno da 313,91 euro a 316,25 euro.

Circa 2,74 euro in più, invece, sarà l’aumento previsto per la pensione per ciechi assoluti non ricoverati, che passerà da 339,48 euro a 342,01 euro.

Perché l’INPS ha cambiato le date di accredito delle pensioni di dicembre?

L’INPS, per alcune ore, ha spostato l’accredito per i correntisti postali a sabato 2 dicembre e, addirittura, rinviato di 3 giorni (essendoci la domenica di mezzo) l’accredito delle pensioni di dicembre per i correntisti bancari. Salvo, poi, tornare sui propri passi, chiedere scusa, e riportare tutto all’origine: le pensioni di dicembre verranno pagate a partire dal 1° dicembre 2023, ovvero dal primo giorno bancabile del mese prossimo. Ricordiamo che i pagamenti delle pensioni devono assolutamente partire dal primo giorno bancabile del mese. È impossibile che un comunicato possa sostituirsi alla legge.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp