Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Contributi per famiglie / Bonus reddito energetico 2024: cos’è e come averlo

Bonus reddito energetico 2024: cos’è e come averlo

Come funziona il Bonus reddito energetico 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo vedremo che cos’è e a chi spetta il nuovo Bonus reddito energetico 2024 (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus reddito energetico 2024?

L’energia e il suo sviluppo attraverso fonti rinnovabili, insieme alla riduzione dei costi e delle bollette, sono tematiche centrali nel dibattito quotidiano. Per questo motivo è stata introdotta una novità significativa: il Bonus reddito energetico, un contributo a fondo perduto destinato all’installazione di pannelli solari, con un focus particolare sulle famiglie a basso reddito.

Questo sostegno finanziario, erogato dalle autorità regionali, mira a rendere praticamente nulle le spese per l’acquisto e l’installazione di tali sistemi. Il Fondo Reddito Energetico è di natura rotativa e riguarderà in gran parte le regioni del Mezzogiorno.

Con l’avvio di questo programma, regioni come la Puglia, il Lazio e la Sardegna si sono già distinte nell’adozione di misure per facilitare l’accesso ai fondi necessari. Questa iniziativa non solo beneficia le famiglie attraverso un risparmio diretto sulle bollette, ma stimola anche l’economia locale e sostiene l’ambiente promuovendo la produzione di energia pulita.

Bonus-reddito-energetico-2024-ministero
In foto, la pagina ufficiale del Bonus reddito energetico 2024.

Come funziona il Bonus reddito energetico 2024?

Il Bonus reddito energetico rappresenta una collaborazione tra il beneficiario, il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) e la regione di appartenenza, incentrando l’attenzione sullo scambio dell’energia in eccesso prodotta, che può essere rimessa nella rete elettrica. Questo accordo prevede che gli utenti trasferiscano eventuali crediti energetici a favore della propria regione, incentivando così l’adozione di energie rinnovabili e finanziando futuri progetti green.

Il contributo, variabile a seconda della regione e del tipo di impianto, copre principalmente l’installazione di pannelli solari fotovoltaici, ma può estendersi anche ad altri sistemi come quelli eolici, idroelettrici o a biomasse.

Conosciuto come il finanziamento per un “fotovoltaico gratis”, l’importo dell’incentivo fluttua tra i 6.000 e gli 8.500 euro, a seconda delle dimensioni dell’impianto e delle necessità energetiche della famiglia. È fondamentale consultare le normative regionali per determinare l’ammontare esatto dell’incentivo disponibile nella propria zona.

Come ottenere il Bonus reddito energetico 2024

La domanda per accedere al Bonus reddito energetico deve essere presentata attraverso la piattaforma del GSE, che valuterà le richieste in base ai criteri stabiliti. Tra gli impianti finanziabili rientrano quelli fotovoltaici, microeolici, solari termici e sistemi di accumulo, ciascuno con specifiche tecniche e capacità produttive.

A chi spetta il Bonus reddito energetico 2024

L’accesso al Bonus reddito energetico richiede il rispetto di specifici criteri, inclusa un valore ISEE che non deve superare i 15.000 euro annui o 30.000 euro per famiglie numerose (con 4 o più figli). Altri requisiti possono riguardare la tipologia e la potenza dell’impianto, così come la destinazione dell’energia prodotta.

È consigliabile affidarsi a professionisti del settore per una consulenza dettagliata sui requisiti applicabili nella propria regione. In ogni caso, le regioni hanno la possibilità di potenziare il bonus usando i fondi regionali e modificarne leggermente i criteri di accesso.

Diverse regioni italiane hanno già messo in campo iniziative per promuovere il reddito energetico, ognuna con requisiti e modalità di accesso personalizzati per i propri cittadini. Da notare sono l’impegno della Puglia, il programma della Sardegna per le abitazioni indipendenti e condominiali e gli investimenti del Lazio, che hanno fissato soglie ISEE e coperture di spesa diverse per facilitare l’installazione degli impianti fotovoltaici.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Bonus reddito energetico 2024 in Puglia

La Puglia si è distinta già dal 2021 nell’attuazione del Bonus reddito energetico, stabilendo un regolamento regionale che mira a includere varie categorie di beneficiari. Per accedere ai fondi di quest’anno, i candidati devono avere un ISEE inferiore a 20.000 euro e appartenere a nuclei familiari numerosi, con componenti anziani, giovani coppie o persone con disabilità.

L’approccio pugliese punta a convertire i cittadini da semplici consumatori a produttori attivi di energia, favorendo risparmi significativi sulle bollette e generando nuove possibilità di lavoro.

Bonus reddito energetico 2024 in Sardegna

In Sardegna, il bonus è pensato per i proprietari di villette, abitazioni indipendenti e appartamenti in condominio, promuovendo l’installazione di impianti fotovoltaici sia nelle parti comuni che nelle unità individuali.

Nonostante la soglia ISEE non sia ancora stata definita dalla Giunta regionale, le famiglie numerose, gli anziani oltre i 65 anni e le giovani coppie riceveranno un trattamento preferenziale. Questa misura intende agevolare anche le famiglie con persone affette da disabilità o con almeno due figli minori.

Bonus reddito energetico 2024 nel Lazio

Il Lazio ha investito 2 milioni di euro nel 2023 e ha previsto ulteriori 5 milioni per il 2024, a sostegno del reddito energetico. L’accesso all’incentivo richiede un ISEE non superiore a 35.000 euro, coprendo spese di acquisto, installazione, manutenzione e altro ancora, legate agli impianti solari fotovoltaici.

I beneficiari sono tenuti a mantenere l’impianto attivo per almeno 20 anni, assicurando continuità nella produzione di energia e sostenibilità dell’incentivo.

Bonus reddito energetico 2024 nelle altre regioni

Per comprendere appieno le opportunità offerte dal reddito energetico, è essenziale consultare le specifiche normative regionali e informarsi sulle iniziative locali. I dettagli e i criteri di accesso variano significativamente tra le regioni, rendendo cruciale un’attenta valutazione delle condizioni applicabili nella propria area di residenza.

Per verificare se è già attivo il Bonus reddito energetico 2024 nella vostra zona di residenza è consigliabile visitare il sito ufficiale della Regione di appartenenza.

FAQ sul Bonus Reddito Energetico 2024

Quali tipi di impianti sono finanziabili con il bonus?

Il bonus copre l’installazione di impianti solari fotovoltaici, ma può estendersi anche a impianti eolici, idroelettrici o a biomasse, a seconda delle normative regionali vigenti.

Qual è l’ammontare del contributo disponibile?

L’ammontare del contributo varia a seconda della regione di residenza e delle specifiche dell’impianto installato. Generalmente, l’incentivo può variare da 6.000 a 8.500 euro, ma è importante verificare le disposizioni regionali per l’importo esatto.

Ci sono scadenze per la presentazione delle domande?

Le scadenze per la presentazione delle domande possono variare a seconda della regione. È fondamentale consultare le informazioni fornite dalle autorità regionali o dal GSE per non perdere i termini utili.

Cosa succede se la mia domanda viene accettata?

Se la domanda viene accettata, riceverai un contributo a fondo perduto per coprire parte o la totalità dei costi sostenuti per l’installazione dell’impianto. Gli specifici termini di erogazione del contributo saranno comunicati all’approvazione della domanda.

Devo restituire il Bonus reddito energetico in futuro?

No, il Bonus Reddito Energetico è un incentivo a fondo perduto e non deve essere restituito, purché si rispettino le condizioni stabilite al momento della concessione, come il mantenimento in funzione dell’impianto per un periodo minimo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp