Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Tutti i bonus senza ISEE aggiornati a luglio 2022

Tutti i bonus senza ISEE aggiornati a luglio 2022

In questa breve guida andremo a vedere nel dettaglio quali sono i bonus senza ISEE ancora attivi nel mese di luglio e che si possono richiedere subito senza alcun tipo di vincolo ISEE (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. […]

di Sara Fannino

Luglio 2022

In questa breve guida andremo a vedere nel dettaglio quali sono i bonus senza ISEE ancora attivi nel mese di luglio e che si possono richiedere subito senza alcun tipo di vincolo ISEE (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Tutti i bonus senza ISEE aggiornati a luglio 2022 per la famiglia

Partiamo con la nostra lista di tutti i bonus senza ISEE parlando dei bonus per la famiglia. Iniziamo col numero 1 dei sostegni: l’assegno unico universale per figli a carico. L’assegno unico può essere percepito da tutte le famiglie italiane, indipendentemente dal loro ISEE. Certo, gli importi vanno via via diminuendo all’aumentare dell’indicatore della situazione economica, ma anche nei casi di reddito elevato, verrà comunque corrisposto.

Per ottenere questo bonus senza ISEE, occorrerà presentare domanda all’Istituto nazionale per la previdenza sociale (INPS), attraverso i suoi canali online (qui la guida completa), oppure chiamando il contact center integrato all’803.164 da fisso o 06.164.164 da cellulare. In alternativa potrete chiedere ausilio a un patronato.

Per chi ha redditi oltre i 40.000 € è consigliabile allegare l’ISEE, per percepire un importo più elevato del sostegno, altrimenti vi verrà corrisposto ugualmente l’importo minimo. Qui potrete trovare tutte le novità riguardanti le maggiorazioni della prestazione economica per i figli a carico.

Ricordiamo, infine, che anche i percettori di Reddito di Cittadinanza possono ottenere il sostegno. Anzi, a questi ultimi, Inps corrisponderà il bonus senza ISEE in automatico. Attenzione, però, verificate bene qui se occorre consegnare il modello RdC com AU per ottenere la misura.

Il secondo bonus per la famiglia che non richiede ISEE è il bonus asilo nido. Anche in questo caso, come per l’Assegno Unico, la consegna dell’ISEE è consigliata solamente a chi ha redditi minori di 40 mila euro. Questo bonus senza ISEE è destinato a tutte le famiglie con figli da 0 a 3 anni per pagare le rette degli asili nido, sia pubblici che privati. Per i bambini che sono affetti da gravi patologie croniche, invece, questo bonus si tramuta in assistenza domiciliare.

Gli importi che vengono corrisposti alle famiglie per il bonus nido 2022 sono i seguenti:

Il bonus senza ISEE in questione potrà essere richiesto per le rette di asili pubblici o privati o per l’assistenza domiciliare (per cui serve un certificato scritto dal medico di base) per le mensilità che vanno dal 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2022.

Infine, l’ultimo bonus famiglia senza ISEE, ma riservato unicamente ai ragazzi nati nel 2003, è il Bonus Cultura. Potrà essere richiesto fino al 31 agosto 2022 e la somma di 500 € (importo standard per tutti i neomaggiorenni) potrà essere speso entro e non oltre il 28 febbraio 2023. Per richiedere il bonus senza Isee cultura occorrerà avere lo SPID o la CIE ed essere nato nel 2003 ed accedere sul sito www.18app.it.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus senza ISEE 2022 per la casa: ecco l’elenco

Partiamo con il Bonus Rottamazione Tv: si tratta di un incentivo che consente di rottamare il vostro vecchio televisore acquistato entro il 22 dicembre 2018 e acquistarne uno nuovo, con uno sconto del 20% fino a un massimo di 100 €. Nessun requisito ISEE per questo bonus ma solo altri due requisiti da rispettare oltre quello di possedere un televisore da rottamare acquistato prima della data sopraindicata:

Passiamo ora a un altro bonus senza ISEE: il bonus mobili. Si tratta di una detrazione Irpef pari al 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+. Tale detrazione dovrà essere suddivisa in 10 rate annuali del medesimo importo e verrà calcolata su un ammontare non superiore a 10.000 €. Tale cifra è comprensiva delle spese di trasporto e di montaggio dei mobili.

Il bonus mobili, o detrazione fiscale del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici è stato confermato anche per il biennio 2023 e 2024, ma l’importo massimo di spesa è stato abbassato a 5.000 €.

L’ecobonus prevede una detrazione fiscale Irpef e Ires dal 65 al 50% che può essere riconosciuta per differenti spese:

In questa categoria rientrano alcuni bonus estate 2022 di cui abbiamo parlato anche in questo articolo.

Bonus senza ISEE: il Superbonus 110 % è un’altra agevolazione fiscale che non richiede la presentazione dell’ISEE e che consiste in una detrazione del 110% sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 per: “la realizzazione di specifici interventi finalizzati all’efficienza energetica e al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici.”

Sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate leggiamo che il sostegno spetta fino al 31 dicembre 2025 per per gli interventi che vengono effettuati su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se tutti in possesso di un unico proprietario, ma anche se in comproprietà di più persone fisiche. Nello specifico:

La detrazione va suddivisa in quattro quote annuali del medesimo importo. Inoltre, sempre sul sito ufficiale dell’Ente si legge che: fino al 31 dicembre 2022 (con detrazione al 110%), per tutti i lavori effettuati da persone fisiche sugli edifici unifamiliari, con una sola condizione: i lavori dovranno essere stati svolti per almeno un 30% del totale entro il 30 settembre 2022.  

Oppure: fino al 31 dicembre 2023 (con detrazione al 110%), per gli interventi effettuati dagli Iacp (ed enti con le stesse finalità sociali) su eventuali immobili, di proprietà o gestiti per conto dei comuni, adibiti a edilizia residenziale pubblica. Anche qui c’è una condizione: alla data del 30 giugno 2023 dovranno essere stati eseguiti almeno il 60% lavori. Lo stesso per le cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi su immobili assegnati in godimento ai propri soci.

Infine, tra i bonus senza ISEE abbiamo anche il Bonus Verde: si tratta di un’altra detrazione Irpef pari al 36% sui costi sostenuti per gli interventi di sistemazioni di aree scoperte private di edifici esistenti, ma anche di unità immobiliari, penitenze, oltre che recinzioni, impianti di irrigazione e di realizzazione di pozzi. Tale detrazione potrà anche essere utilizzata per la realizzazione di coperture a verde di giardini pensili

La detrazione dovrà essere suddivisa in 10 quote annuali con il medesimo importo e andrà calcolata su un massimo di 5.000 € per ogni unità immobiliare ad uso abitativo. Per questo motivo la detrazione massima ottenibile di è 1.800 €.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp