Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus serramenti: quando scade

Bonus serramenti: quando scade

Scopriamo quando scade il Bonus serramenti e quali sono i requisiti per ottenere l’agevolazione e sostituire gli infissi.

di Alda Moleti

Settembre 2023

Nell’articolo di oggi vedremo quando scade il Bonus serramenti e come funziona in generale l’agevolazione (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus serramenti 2023?

Innanzitutto, è importante partire dal fatto che un vero e proprio “Bonus serramenti 2023” non esiste. Ma esistono numerose agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie che includono tra le spese ammissibili la sostituzione degli infissi.

In pratica, il cosiddetto Bonus serramenti 2023 (o Bonus finestre 2023) rappresenta solamente una piccola parte di queste agevolazioni più ampie. Di conseguenza, la data di scadenza del beneficio associato alla sostituzione degli infissi varia a seconda dell’agevolazione principale a cui è collegato.

Per essere più precisi, la tabella sottostante elenca i diversi tipi di agevolazioni legate alla sostituzione degli infissi e le loro specifiche scadenze, in base all’agevolazione edilizia principale a cui si fa riferimento.

Tabella delle scadenze del Bonus serramenti 2023

Nella tabella qui di seguito sono riportate le diverse “versioni” del Bonus serramenti 2023, in base all’agevolazione principale che si sceglie. Nella seconda colonna, cliccando sui vari link, sarete reindirizzati nella pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate che contiene la normativa ufficiale di ogni bonus.

Tipologia del Bonus serramentiAgevolazione principalePercentuale di detrazioneRequisiti dei nuovi infissiSconto in fattura e cessione del creditoScadenza
Bonus serramenti 50%Bonus casa50% dei costi su una spesa massima di 96.000 euronessuno in particolareNo31 dicembre 2024
Bonus serramenti 75%Bonus barriere architettoniche75% dei costi su una spesa massima di 50.000 eurorequisiti specifici pensati per i disabiliSi31 dicembre 2025
Bonus serramenti 90%Superbonus90% dei costirequisiti specifici pensati per l’efficientamento energeticoNo31 dicembre 2023 (poi l’agevolazione continua per i condomini con detrazione ridotta)
Bonus finestre 2023: tutte le agevolazioni

Come funziona il Bonus serramenti 50%?

Con il Bonus serramenti 50%, si ha la possibilità di sostituire gli infissi e beneficiare di una detrazione Irpef del 50%. È importante notare che questo bonus non si applica solo alla sostituzione delle finestre, ma copre tutti i lavori edilizi, comprese le operazioni di manutenzione.

L’agevolazione in questione offre una detrazione Irpef che si estende su un periodo di 10 anni e prevede un limite massimo di spesa ammissibile pari a 96.000 euro.

Il Bonus serramenti 50%, ottenuto tramite il Bonus casa, è indubbiamente il più accessibile per la sostituzione degli infissi. A differenza di altre agevolazioni, non richiede requisiti particolari o una specifica tipologia di infissi da installare.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Quando scade il Bonus serramenti 50%?

Il Bonus casa 50%, che consente la detrazione per la sostituzione degli infissi, è stato esteso fino al 31 dicembre 2024.

Ad ogni modo, si tratta di un’agevolazione che è stata in vigore per un periodo considerevole e viene regolarmente rinnovata, talvolta con modifiche relative all’importo massimo detraibile. Non è esclusa perciò la possibilità di ulteriori proroghe anche oltre il 2024.

Si può avere il Bonus serramenti 50% con sconto in fattura?

Il Bonus serramenti 50%, cioè il Bonus casa usato per la sostituzione degli infissi, rappresenta una detrazione fiscale Irpef dilazionata nell’arco di 10 anni. Questa agevolazione, come molte altre, non consente la cessione del credito, che sarebbe necessaria per applicare direttamente il bonus come sconto sulla fattura dei lavori.

In altre parole, il beneficiario dell’agevolazione deve anticipare i costi dei lavori e successivamente includere queste spese nella dichiarazione dei redditi, per ottenere una riduzione dell’imposta Irpef pari all’importo dei costi coperti.

Per essere più precisi, l’importo delle spese agevolabili sarà suddiviso in dieci quote di uguale ammontare, da utilizzare nel corso di 10 anni. Ogni anno, il contribuente potrà beneficiare di uno “sconto” sull’imposta Irpef da pagare, equivalente all’importo della quota annuale della detrazione.

Come funziona il Bonus serramenti 75%?

La sostituzione degli infissi è anche consentita attraverso l’utilizzo della detrazione al 75% prevista dal Bonus barriere architettoniche, agevolazione che in questo contesto viene chiamata Bonus serramenti 75% (o Bonus finestre 75%).

Quali caratteristiche devono avere gli infissi per usare il Bonus serramenti 75%?

Va tenuto presente che l’obiettivo principale di questa agevolazione è la rimozione delle barriere architettoniche. Di conseguenza, affinché sia possibile usufruire del Bonus serramenti 75%, i nuovi infissi devono soddisfare determinati requisiti specifici, che includono:

Quando-scade-il-Bonus-serramenti-Agenzia
La pagina del Bonus casa sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quando scade il Bonus serramenti 75%?

Il Bonus barriere architettoniche al 75% sarà in vigore fino al 31 dicembre 2025. Questo incentivo è disponibile sia per i cittadini privati che per le imprese.

Si può avere il Bonus serramenti 75% con sconto in fattura?

Il Bonus barriere architettoniche, e quindi il Bonus serramenti 75%, rappresenta una delle rare eccezioni nella nuova regolamentazione e offre la possibilità di ottenere uno sconto direttamente in fattura per gli interventi sugli immobili.

Questo Bonus può infatti essere utilizzato come detrazione Irpef dilazionata in 5 anni oppure, in alternativa, è possibile effettuare la cessione del credito al fine di ottenere direttamente uno sconto in fattura.

La detrazione o lo sconto in fattura del 75% si applicano su una spesa massima ammissibile che varia da 30.000 a 50.000 euro, a seconda della tipologia dell’edificio.

Come funziona il Bonus serramenti 90% con il Superbonus?

La sostituzione degli infissi rientra tra i lavori ammessi dal Superbonus, ma per poterne beneficiare è necessario effettuare uno dei cosiddetti “interventi trainanti“. Questi interventi trainanti sono lavori principali che consentono di attivare il Superbonus e possono riguardare l’efficientamento energetico di un edificio o interventi di adeguamento sismico.

Solo eseguendo uno di questi interventi trainanti si ha diritto al Bonus serramenti al 90%, ossia una detrazione fiscale del 90% sulle spese relative alla sostituzione degli infissi.

Inoltre, non è possibile installare o acquistare qualsiasi tipo di infisso, ma è necessario optare per finestre con specifici valori di trasmittanza termica finale. In pratica, si tratta di infissi progettati per favorire il risparmio energetico e migliorare la classe energetica dell’edificio.

Quando scade il Bonus serramenti 90%?

Il Superbonus stabilisce scadenze diverse per gli edifici condominiali e per le villette unifamiliari. Le case singole hanno diritto al Superbonus con una detrazione fiscale del 90% fino al 31 dicembre 2023, ma solo se sono utilizzate come residenza principale e se il proprietario ha un reddito di riferimento inferiore o uguale a 15.000 euro.

Nel caso dei condomini, non sono richiesti requisiti di reddito, ma è prevista una riduzione graduale del Superbonus, che progressivamente diminuirà la percentuale di detrazione, come segue:

Si può usare il Bonus serramenti 90% con sconto in fattura?

La risposta è negativa: nel 2023, il Superbonus non consente più sconti diretti sulla fattura o la cessione del credito.

Questa agevolazione può essere impiegata unicamente come detrazione Irpef dilazionata in 10 anni, con il proprietario che inizialmente sostiene i costi e successivamente riceve un rimborso sotto forma di riduzione delle tasse.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus serramenti 2023

Posso usufruire del Bonus serramenti per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus serramenti è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus serramenti?

Per ottenere il Bonus serramenti con detrazione Irpef in 10 o 5 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi. Se invece si utilizza il Bonus finestre 75% è possibile richiedere alla ditta che installa gli infissi di applicare lo sconto in fattura.

Qual è il periodo di validità del Bonus serramenti?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus serramenti. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50%, del Bonus barriere architettoniche 75% o del Superbonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp