Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus tetto 2024: condominio, sconto e novità

Bonus tetto 2024: condominio, sconto e novità

Che come funziona il Bonus tetto 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo scopriremo come funziona il Bonus tetto 2024 e come richiederlo (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che cos’è il Bonus tetto 2024?

Non esiste un Bonus tetto 2024 nel senso letterale del termine, ovvero un’agevolazione pensata esclusivamente per gli interventi edilizi sui tetti. Tuttavia, ci sono numerosi Bonus edilizi che includono i lavori sul tetto tra le spese agevolabili. Questi incentivi sono pensati per favorire la riqualificazione degli edifici esistenti, necessaria sia per adeguamenti strutturali sia per rispondere a nuove normative o esigenze moderne.

Ci sono tre principali bonus per il rifacimento e la ristrutturazione del tetto: Ecobonus, Bonus Casa e Superbonus. Ognuno di questi offre detrazioni fiscali specifiche in base al tipo di intervento pianificato.

Con l’Ecobonus 2024, per esempio, è possibile ottenere detrazioni fino al 65% per interventi mirati a migliorare l’efficienza energetica del tetto con la coibentazione. Questo bonus è disponibile per lavori su edifici con mansarde o sottotetti riscaldati.

Il Bonus Ristrutturazione 2024 offre una detrazione IRPEF del 50% per la ristrutturazione o le modifiche del tetto, indipendentemente dal fatto che l’edificio sia riscaldato o meno.

Infine, il Superbonus ha subito una transizione dal 90% al 70% nel 2024. Questo incentivo è mirato principalmente all’isolamento termico, ai lavori antisismici e agli interventi per l’efficientamento energetico, con particolari condizioni per villette unifamiliari, appartamenti autonomi, condomini e case popolari.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come funziona il Bonus tetto 2024

Come funziona il Bonus tetto 2024 con l’Ecobonus

Per coloro che desiderano rifare il tetto con soluzioni di ultima generazione che offrono un’elevata efficienza energetica, l’Ecobonus rappresenta l’opzione ideale. L’incentivo fiscale è stato ideato appositamente per i lavori volte al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, i lavori sul tetto rientrano nei cosiddetti interventi di coibentazione delle superfici verticali e orizzontali.

Con questo bonus è possibile ottenere una detrazione fiscale che rimborsa il 65% delle spese sostenute. Tuttavia, la percentuale di rimborso si applica a una spesa massima di 60.000 euro.

Un elemento di forza dell’Ecobonus risiede nella sua applicabilità senza restrizioni relative alle categorie catastali della proprietà, rendendolo utilizzabile tanto per edifici residenziali quanto per quelli commerciali o professionali, compresi uffici e laboratori.

Quali requisiti deve avere il tetto?

Per ottenere l’Ecobonus sui lavori di ristrutturazione che riguardano il tetto, questo deve avere i seguenti requisiti tecnici:

La mera la ristrutturazione del tetto quando questo soddisfa già i requisiti richiesti, non rende possibile l’accesso alla detrazione fiscale. Questo perché l’obiettivo del beneficio è incentivare quelle modifiche che comportano un effettivo risparmio energetico.

Di conseguenza, per beneficiare della detrazione, è necessario che, a seguito degli interventi, gli indici di trasmittanza termica migliorino ulteriormente. Il tecnico incaricato di redigere l’asseverazione deve quindi indicare il valore di trasmittanza termica originale dell’elemento oggetto dell’intervento e attestare che, dopo i lavori, la trasmittanza di questi componenti sia inferiore o conforme ai limiti stabiliti.

Come funziona il Bonus tetto 2024 con il Bonus ristrutturazioni

Se state considerando di rifare il tetto senza specifici interventi di efficientamento energetico, allora il Bonus ristrutturazioni è la scelta perfetta per voi!

Questo incentivo è mirato esclusivamente a lavori di ristrutturazione su edifici residenziali già esistenti e fornisce una detrazione fiscale Irpef del 50% sulle spese effettuate. Il limite massimo di spesa per accedere a tale detrazione è fissato a 96.000 euro.

È importante notare che esistono alcune restrizioni riguardanti le categorie catastali che possono accedere al Bonus ristrutturazioni. Questo vantaggio è limitato ai lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di immobili destinati all’abitazione.

bonus-tetto-2024-agenzia
In foto, la pagina del Bonus casa sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come funziona il Bonus tetto 2024 con il Superbonus

Il Superbonus permette una detrazione del 70% per il rifacimento sia di coperture piane che di coperture a falda. Per qualificarsi alle detrazioni del Superbonus il rinnovo del tetto e qualsiasi intervento di coibentazione sull’involucro opaco dell’edificio (pareti e tetti) deve influenzare oltre il 25% dell’intera superficie lorda disperdente.

Le detrazioni includono tanto la sostituzione delle tegole quanto il loro riutilizzo, ma per accedere al Superbonus, è essenziale che il progetto di riqualificazione energetica conduca a un miglioramento di almeno due classi energetiche, certificato da un Attestato di Prestazione Energetica (APE).

Sebbene la sostituzione del tetto possa essere significativa per il Superbonus, generalmente non è sufficiente per garantire il salto di classi energetiche richiesto, se non in casi particolari come edifici unifamiliari su un solo piano con ampia copertura.

Tuttavia, l’isolamento del tetto rappresenta un punto di partenza fondamentale per la riqualificazione energetica complessiva, potendo incidere significativamente sull’efficienza energetica di un’abitazione.

Gli importi massimi detraibili per l’isolamento dei tetti nel contesto del Superbonus 70% sono definiti come segue:

Si può avere il Bonus tetto 2024 con sconto in fattura?

Nel 2024 Ecobonus, Bonus ristrutturazioni e Superbonus non prevedono la possibilità di cedere il credito o di usufruire dello sconto in fattura.

Pertanto, le spese sostenute possono essere recuperate attraverso un rimborso fiscale, applicato come detrazione Irpef e ripartita su dieci anni. Il rimborso permette di recuperare una percentuale delle spese effettuate sotto forma di riduzione dell’imposta da pagare.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus tetto 2024

Posso usufruire del Bonus tetto 2024 per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus tetto è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus tetto?

Per ottenere il Bonus tetto con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi.

Qual è il periodo di validità del Bonus tetto?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus tetto. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50%, dell’Ecobonus o del superbonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp