Coronavirus, fase due: vacanze qui o all’estero? Gli italiani non hanno dubbi

Ecco cosa rivelano i motori di ricerca.

3' di lettura

Durante i primi mesi del 2020 la locuzione “zona rossa” è entrata ufficialmente nel nostro vocabolario e denota una zona ad alto rischio di contagio, ma dal 3 giugno le frontiere Italiane saranno ufficialmente riaperte e riapriranno anche quelle degli altri paesi europei. Tutti i paesi saranno pronti ad accogliere turisti provenienti dalle diverse parti dell’Europa? Gli italiani cosa faranno, viaggeranno in Italia o proveranno ad esplorare le mete estere preferite?

Nonostante il parziale ritorno alla libertà, non è difficile immaginare che quest’anno programmare le vacanze sarà possibile, ma a determinate condizioni. Il sogno di raggiungere una meta estera potrebbe anche non essere consentita, ma gli italiani, sognatori per natura e sempre pronti a rimettersi in gioco sono alla ricerca dei loro “luoghi del cuore” per trascorrere anche solo qualche giorno lontano dal proprio quartiere diventato ormai una “trappola bianca”.

Ma quali saranno le mete italiane ed estere più ambite?

Per sostenere il settore del turismo italiano il governo ha istituito un bonus vacanze di 500 euro da utilizzare in Italia, per famiglie da tre persone e da utilizzare in sinergia ad altre proposte virtuose avviate da hotel e stabilimenti balneari. Le mete più cliccate al momento sono quelle del sud Italia, in particolare la Campania, la Puglia e la Sicilia. Da sempre queste regioni hanno offerto scenari turistici e paesaggistici indimenticabili e chi ha trascorso anche solo un giorno in una di queste regioni italiane non può avere ricordi negativi, anche grazie all’offerta turistica ampia e attenta e ha contribuito a creare un amore condiviso tra i turisti che le visitavano e le persone del posto. Le ricerche su google, quindi, quest’anno, sembrano preferire le zone turistiche balneari rispetto a quelle di montagna.

Ma per chi ha voglia di spostarsi all’estero, verso mete estere?

Nel cuore degli Italiani il mare cristallino della Croazia e la bellezza delle isole greche restano sempre forti e tra l’altro sono i Paesi che hanno subito meno l’impatto del COVID 19 ed economicamente più vicini alle possibilità del nostro Paese; per questo motivo gli italiani sembrano più sereni a ipotizzare viaggi verso mete meno contaminate delle nostre. Ancora poche le notizie però in merito ad una possibilità reale di spostamento, in quanto molti Paesi Europei hanno preso in seria considerazione la possibilità di contingentare o addirittura evitare l’ingresso degli Italiani nei propri paesi. Il desiderio verso le mete oltreoceano invece sembra essere assopito.

Si sa, sognare è bello e a nessuno deve essere negato questo desiderio, ma come si porranno questi paesi nei confronti degli Italiani?

Da qualche giorno le ambasciate dei diversi paesi hanno stilato i regolamenti per l’ingresso nei propri stati. Alcuni hanno fatto sì che si potesse pensare ad un periodo di vacanza, altri meno, introducendo il periodo di quarantena preliminare. La cura dell’aspetto “sicurezza” resta sempre alto in tutto il mondo e la parola chiave per consentire di nuovo una “vita normale” è andamento epidemiologico. Solo i prossimi dati di tracciamento del virus potranno suggerirci la strada da percorrere, fino a quel momento il desiderio la farà da padrone, ma goderci il nostro paese non è assolutamente male, anzi è l’occasione per scoprire i luoghi di cui nessuno parla, di cui si conosce poco, a volte neanche le tradizioni…

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Hai qualcosa da segnalare? Clicca qui e scrivici su WhatsApp.