Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali / Bonus vetrate 2024: quando spettano delle agevolazioni

Bonus vetrate 2024: quando spettano delle agevolazioni

Come funziona il Bonus vetrate nel 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo vedremo come funziona il Bonus vetrate nel 2024 e come richiedere l’agevolazione (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come funziona funziona il Bonus vetrate nel 2024

Il termine “Bonus vetrate” descrive una serie di vantaggi fiscali legati ai lavori di ristrutturazione edilizia, includendo esplicitamente la sostituzione di vetrate e finestre come spesa qualificabile per tali incentivi.

Questo bonus non infatti è un beneficio a sé stante, bensì si inserisce all’interno di un variegato insieme di agevolazioni fiscali proposte dall’Agenzia delle Entrate. Le peculiarità di tale “bonus” vengono definite in base all’agevolazione fiscale principale a cui è collegato.

Se prevedete di sostituire le vostre vetrate o i vostri vecchi infissi, potete beneficiare di due importanti agevolazioni fiscali: l’Ecobonus e il Bonus casa. Questi incentivi coprono il 50% delle spese effettuate.

L’Ecobonus è incentrato sul sostegno a chi effettua investimenti per incrementare l’efficienza energetica degli immobili e risulta ideale per chi è intenzionato a sostituire vetrate che contribuiscano al miglioramento energetico dell’edificio. Il Bonus casa, d’altro canto, mira a finanziare vasti lavori di ristrutturazione.

Le due agevolazioni consentono di accedere a una detrazione Irpef del 50% sui costi sostenuti, che può essere ripartita in 10 anni.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Tabella delle detrazioni del Bonus vetrate nel 2024

La tabella seguente illustra le specifiche del Bonus vetrate nel 2024, correlato all’agevolazione principale di riferimento.

Tipologia del Bonus finestreAgevolazione principalePercentuale di detrazioneRequisiti dei nuovi infissiSconto e cessione ammessi
Bonus infissi 50%Bonus casa50% dei costi su una spesa massima di 96.000 euronessuno in particolareNo
Bonus infissi 50%Ecobonus50% dei costi su una spesa massima di 60.000 eurorequisiti specifici pensati per l’efficienza energeticaNo
Tabella delle detrazioni del Bonus finestre 2024

Come funziona il Bonus vetrate nel 2024 con l’Ecobonus

L’Ecobonus si rivela l’opzione ottimale per chi intende rinnovare la propria abitazione sostituendo le vecchie vetrate con soluzioni più moderne ed efficienti sotto il profilo energetico, senza però intraprendere ulteriori lavori di ristrutturazione. Questo beneficio fiscale è stato specificamente pensato per interventi che puntano al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, inclusa la sostituzione di finestre e vetrate.

Un vantaggio significativo dell’Ecobonus è l’assenza di restrizioni legate alle categorie catastali degli edifici; pertanto, è valido sia per proprietà residenziali che per quelle adibite ad attività commerciali o professionali.

Quali sono i limiti di spesa dell’Ecobonus?

Installando vetrate di ultima generazione e aggiungendo componenti come tapparelle o tende esterne per migliorare l’isolamento termico, si può beneficiare di una detrazione fiscale che ammonta al 50% delle spese sostenute. Tuttavia, la detrazione offerta dall’Ecobonus si applica ad un limite massimo di spesa di 60.000 euro.

Questo limite include la totalità dei costi relativi al progetto, abbracciando sia le spese per la messa in opera delle nuove finestre sia quelle per l’installazione di vetrate per una veranda, se queste sono dotate di schermature solari .

Come funziona il Bonus vetrate nel 2024 con il Bonus casa 50%

Se avete in programma ristrutturazioni di ampia portata che includono la sostituzione delle vetrate o degli infissi, il Bonus casa rappresenta una chance da non lasciarsi sfuggire. Questo incentivo consente di ottenere il rimborso del 50% delle spese affrontate per i lavori e i materiali utilizzati.

Nello specifico, il Bonus casa offre una detrazione fiscale del 50% dei costi sostenuti, applicabile direttamente sull’imposta lorda Irpef. Il limite massimo di spesa per beneficiare della detrazione piena è stabilito a 96.000 euro.

Tuttavia, ci sono delle limitazioni riguardanti le categorie catastali idonee al Bonus casa. Questo beneficio è specificatamente pensato per interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria su edifici destinati a residenza.

bonus-per-le-vetrate-nel-2024-agenzia
In foto, la pagina del Bonus casa sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Posso sostituire le vetrate panoramiche anti-sfondamento con il Bonus casa 50%?

Oltre che per sostituire le vetrate degli infissi l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, mediante la risposta ad interpello numero 906-209/2022, che è possibile ottenere le detrazioni fiscali per l’installazione di vetrate panoramiche anti-sfondamento, note come “VEPA”.

Questo tipo di intervento, che rientra nelle opere eseguibili sotto la categoria di edilizia libera come definito dal decreto aiuti-bis (trasformato nella Legge del 21 settembre 2022, n. 142), può beneficiare delle agevolazioni previste dal Bonus casa. Questo bonus prevede una detrazione fiscale del 50% del costo, da ripartire in 10 anni, perciò è comunemente denominato “Bonus vetrate“.

Si può avere il Bonus vetrate nel 2024 con sconto in fattura?

Quando si esplorano le opzioni di incentivo per la sostituzione delle vetrate, è importante essere consapevoli che né l’Ecobonus né il Bonus casa prevedono la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Il meccanismo di recupero dei costi si basa su un rimborso fiscale, attuato attraverso una detrazione Irpef distribuita su un arco di 10 anni. Tale rimborso consente di riscuotere fino al 50% delle spese effettuate sotto forma di riduzione fiscale.

Fino al 2023 il Bonus Barriere architettoniche offriva la possibilità di sostituire gli infissi usufruendo di uno sconto in fattura del 75%, purché le finestre soddisfacessero certi criteri di accessibilità per le persone con disabilità.

Però, le norme riguardanti il bonus per l’eliminazione delle barriere architettoniche sono state notevolmente modificate per l’anno 2024. A partire dal 1° gennaio 2024, le operazioni di sostituzione degli infissi non sono più incluse nell’incentivo fiscale del 75%, eliminando quindi la possibilità di beneficiare del Bonus vetrate nel 2024 con sconto in fattura.

Queste modifiche sono state introdotte con l’articolo 3, comma 1, del decreto legge n. 212/2023, che ha rivisto l’articolo 119-ter del Decreto Rilancio n. 34/2020. La legge aggiornata stabilisce che, nel 2024, il Bonus barriere architettoniche si applichi esclusivamente alla “realizzazione in edifici preesistenti di interventi finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche che riguardano unicamente scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici“.

FAQ: Domande frequenti sul Bonus vetrate nel 2024

Posso usufruire del Bonus vetrate per un edificio condominiale?

Sì, il Bonus vetrate è esteso anche agli interventi su edifici condominiali, a condizione che gli stessi soddisfino i requisiti stabiliti dalle normative delle singole agevolazioni.

Come posso ottenere il Bonus vetrate?

Per ottenere il Bonus vetrate con detrazione Irpef in 10 anni le spese dei lavori devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi.

Qual è il periodo di validità del Bonus vetrate?

Non esiste una scadenza fissa, ma la data varia in base a quale agevolazione si sceglie per usare il Bonus vetrate. Ovvero, se viene richiesto all’interno del Bonus casa 50% o dell’Ecobonus.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’edilizia e sulle agevolazioni sulla casa:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp