Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus viaggi di istruzione, al via le domande

Bonus viaggi di istruzione, al via le domande

Per il Bonus viaggi di istruzione è possibile presentare la domanda fino al prossimo 15 febbraio. In questo post vediamo come funziona, a chi spetta e come si presenta la richiesta.

di The Wam

Gennaio 2024

Bonus viaggi di istruzione: dal 15 gennaio e fino al 15 febbraio è possibile inviare le domande per gli studenti di famiglie economicamente svantaggiate. Vediamo quali sono gli importi, i requisiti e come presentare la richiesta. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come funziona il Bonus viaggi di istruzione

Il Bonus viaggi di istruzione è un’iniziativa rivolta agli studenti di famiglie economicamente svantaggiate. Questo programma offre l’opportunità di partecipare a viaggi educativi, inclusi programmi di studio all’estero, a quegli studenti che provengono da un contesto familiare che vive in difficoltà economiche. Si tratta di un’opportunità per arricchire l’esperienza educativa degli studenti con l’esplorazione e l’apprendimento in contesti diversi dal solito ambiente scolastico.

Criteri e finanziamento

Il programma è finanziato con un budget complessivo di 50 milioni di euro. Queste risorse vengono distribuite tra le istituzioni scolastiche beneficiarie. L’erogazione dei fondi si basa su criteri oggettivi, dando priorità agli studenti con un ISEE particolarmente basso, inferiore a 5.000 euro.

Destinazione dei fondi e processo di assegnazione

Il primo passo nel processo di assegnazione del bonus riguarda l’identificazione degli studenti beneficiari. Si basa sull’analisi dell’ISEE delle famiglie. Solo le famiglie che rientrano sotto la soglia ISEE stabilita possono beneficiare di questa opportunità.

Comunicazione e richiesta

Dopo aver ricevuto i fondi, ogni scuola comunica alle famiglie degli studenti come e dove richiedere il bonus. Questo passaggio assicura che le famiglie siano informate e pronte a partecipare attivamente alla procedura.

Procedura di domanda

Le famiglie interessate devono presentare la loro richiesta tramite la Piattaforma Unica, disponibile per un periodo limitato. Questa piattaforma automatizza il processo di verifica dell’ISEE tramite il portale INPS, facilitando l’intero processo sia per le famiglie sia per le istituzioni scolastiche.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come sono ripartiti i fondi del Bonus viaggi di istruzione

Il punto centrale che regola dunque l’erogazione dei fondi del Bonus Viaggi di Istruzione risiede nell’ISEE. Questo criterio assicura agli studenti che fanno parte di famiglie con minori risorse economiche ricevano un supporto prioritario.

Verifica dell’ISEE

Dopo la presentazione della domanda, l’ISEE delle famiglie viene controllato sul portale dell’INPS. Solo le famiglie con un ISEE al di sotto di una determinata soglia possono beneficiare dell’agevolazione.

Soglia ISEE per l’ammissione

La soglia ISEE per essere ammessi al bonus è un punto chiave. La definizione del limite di reddito è stata pensata per individuare le famiglie che si trovano in una situazione di particolare svantaggio, permettendo di indirizzare le risorse in modo mirato ed efficace.

Comunicazione alle scuole e alle famiglie

Una volta ricevuti e incassati i fondi, ogni scuola si assume la responsabilità di informare le famiglie degli studenti idonei. Questa comunicazione avvia il processo di richiesta del bonus.

Importanza della comunicazione

La chiarezza e la tempestività nella comunicazione da parte delle scuole sono fondamentali. È importante che le famiglie siano pienamente consapevoli delle opportunità a loro disposizione e sappiano come e dove avere i fondi. La comunicazione include la necessità di accedere alla Piattaforma Unica “Famiglie e studenti”, che guida i beneficiari nel processo di richiesta dell’agevolazione.

Come fare richiesta per il Bonus viaggi di istruzione

Passo 1: utilizzo della Piattaforma unica

Per iniziare, è fondamentale utilizzare la Piattaforma unica, un portale creato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Questa piattaforma è il punto di partenza per raccogliere tutte le informazioni necessarie e iniziare il processo di richiesta del bonus.

Accesso alla piattaforma

Per accedere, i richiedenti devono avere le credenziali di accesso. Possono essere ottenute registrandosi sul sito. Una volta entrati nella piattaforma, sarà possibile trovare la sezione dedicata al Bonus viaggi di istruzione.

Passo 2: invio della domanda tramite segreteria scolastica

Se ci sono difficoltà nell’utilizzare la Piattaforma Unica, esiste un’alternativa: inviare la domanda tramite la segreteria della scuola frequentata dallo studente. Questo metodo può essere particolarmente utile per coloro che preferiscono un contatto diretto con le istituzioni.

Processo di valutazione della domanda

Una volta inviata la domanda, sia tramite piattaforma che tramite segreteria, sarà sottoposta a una valutazione. La verifica principale riguarda l’attestazione ISEE valida, che può essere ottenuta tramite la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) sul portale INPS.

Le domande per il bonus

Una domanda per ogni figlio

La domanda per il bonus può essere presentata per ogni figlio studente, indipendentemente dal numero di figli nella famiglia. Ciò significa che se una famiglia ha più di un figlio che soddisfa i requisiti, può presentare una domanda separata per ciascuno.

Calcolo dell’importo dell’agevolazione

L’importo dell’agevolazione viene calcolato in base alle risorse disponibili e al numero di beneficiari. Ciò implica che il sostegno economico può variare a seconda del numero di richieste accolte e delle risorse finanziarie totali allocate per il programma.

Copertura delle spese

Il bonus può coprire parzialmente o totalmente le spese necessarie per partecipare ai viaggi di istruzione. Include anche la possibilità di un rimborso totale o parziale delle spese già sostenute dall’inizio dell’anno scolastico per partecipare a uscite didattiche o viaggi di istruzione.

Bonus viaggi di istruzione, al via le domande
Nell’immagine un gruppo di studenti si apprestano a partire per un viaggio di istruzione (una gita scolastica)

FAQ (domande e risposte)

Come si richiede il bonus viaggi di istruzione?

Per richiedere il bonus viaggi di istruzione, le famiglie devono inviare la domanda attraverso la Piattaforma Unica, predisposta dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. In alternativa, se ci sono difficoltà nell’uso della piattaforma, è possibile inoltrare la domanda direttamente tramite la segreteria della scuola frequentata dallo studente. La procedura include la verifica dell’ISEE tramite la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) sul portale INPS.

Quali sono i requisiti per il bonus viaggi di istruzione?

I requisiti principali per accedere al bonus viaggi di istruzione includono l’appartenenza a una famiglia economicamente svantaggiata con un ISEE inferiore a 5.000 euro. Inoltre, le famiglie devono presentare la richiesta attraverso la Piattaforma Unica o tramite la segreteria della scuola, dimostrando la loro situazione economica attraverso l’ISEE.

Fino a quando si possono inviare le domande per il bonus?

Le domande per il bonus viaggi di istruzione possono essere inviate dal 15 gennaio 2024 fino al 15 febbraio 2024. È importante rispettare questa finestra temporale per garantire la presa in considerazione della domanda.

Come vengono distribuiti i fondi del bonus viaggi di istruzione?

I fondi per il bonus viaggi di istruzione sono distribuiti in base all’indicatore ISEE delle famiglie, assicurando che gli studenti di famiglie meno abbienti ricevano supporto prioritario. Dopo la presentazione della domanda e la verifica dell’ISEE, i fondi vengono allocati alle scuole, che poi comunicano alle famiglie la procedura per richiedere l’agevolazione.

Qual è la soglia ISEE per accedere al bonus viaggi di istruzione?

La soglia ISEE per accedere al bonus viaggi di istruzione è fissata a un massimo di 5.000 euro. Le famiglie con un ISEE inferiore a questo limite sono considerate idonee per ricevere l’agevolazione.

In che modo le scuole gestiscono il bonus viaggi di istruzione?

Le scuole gestiscono il bonus viaggi di istruzione in diverse fasi. Dopo aver ricevuto i fondi, le scuole informano le famiglie degli studenti idonei. Le famiglie presentano poi la richiesta di agevolazione attraverso la Piattaforma Unica. Le scuole visualizzano le risorse assegnate e l’importo dell’agevolazione per ciascuno studente. Inoltre, organizzano i viaggi di istruzione e gestiscono i processi di pagamento e di rimborso

, oltre a occuparsi della rendicontazione delle risorse finanziarie sulla Piattaforma MonitorPimer. Questo sistema assicura una gestione efficace e trasparente del bonus, garantendo che le risorse siano utilizzate nel modo più vantaggioso per gli studenti beneficiari.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp