Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bandi e Concorsi / Borse di studio 2022/2023: bandi, vantaggi, come fare

Borse di studio 2022/2023: bandi, vantaggi, come fare

Borse di studio 2022/2023 a via! Ecco quali sono i requisiti e come presentare domanda.

di Alda Moleti

Gennaio 2023

Ecco come richiedere le Borse di studio 2022/2023 e quali sono i requisiti da rispettare (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famiglia. Leggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Borse di studio 2022/2023: tutte quelle disponibili

Il peso della cultura può gravare in modo particolare sulle tasche degli studenti universitari, per via dei tanti costi da affrontare, primo fra tutti quello delle tasse universitarie.

Tuttavia, per ottenere un aiuto economico e anche un esonero parziale o totale nel versamento delle tasse, si può ricorrere ad agevolazioni e Borse di studio.

In dettaglio, i parametri con cui vengono assegnate Borse di studio e agevolazioni sono tre: merito, reddito e disabilità.

L’esonero delle tasse universitarie in caso di reddito basso o grave disabilità è una misura nazionale e quindi in parte omogenea in tutto il territorio italiano.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Diversamente le Borse di studio vere e proprie, attingendo direttamente ai fondi regionali o locali, variano molto da zona a zona e da Ateneo ad Ateneo.

Le università e gli enti per il diritto allo studio infatti hanno, entro certi limiti, autonomia nell’imporre requisiti e importi delle Borse, oltre che di decidere quando emanare il bando.

Qui di seguito forniamo un elenco dei principali siti su cui reperire i vari bandi per le Borse di studio, regione per regione: tra parentesi l’ente, regionale o locale, o l’università che gestisce la Borsa di studio:

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Borse di studio 2022/2023: come si fa richiesta

I vincitori di una Borsa di studio universitaria, oltre all’esonero dal pagamento delle tasse universitarie, hanno diritto anche al versamento di una somma in denaro, proprio allo scopo di aiutarli nel percorso.

I bandi per richiedere una Borsa di studio vengono emanati in tempi diversi, con requisiti e importi diversi in base all’ente o l’università che le gestisce.

In ogni caso, la domanda va inoltrata quasi sempre in via telematica sul sito dell’ente o dell’università, ma per concorrere all’assegnazione delle Borse di studio 2022/2023 è indispensabile prima compilare la DSU e richiedere l’ISEE 2023.

Per conoscere i requisiti, le modalità e i tempi di invio della domanda per le borse di studio 2022/2023, basta cliccare, nella lista fornita in precedenza, sul nome del proprio ente locale per il diritto allo studio o università di appartenenza.

Borse di studio 2022/2023: come funziona l’assegnazione

Differenze a parte, tutte le borse di studio nelle varie università hanno un meccanismo comune nello scegliere i vincitori e che si attiene sempre a tre parametri: reddito, media dei voti e numero di crediti.

Altra cosa importante da tenere a mente, quando si presenta domanda per la Borsa di studio, è che non esistono solo vincitori e perdenti, cioè idonei e non idonei, ma si può essere anche un “idoneo non assegnatario”.

In parole povere, molto spesso il numero di persone idonee alla Borsa di studio è superiore al numero di Borse che l’ente può assegnare con i fondi a disposizione. In questo caso, si procede ad un’ulteriore scrematura sempre tenendo conto di reddito e merito.

Se lo studente risulta idoneo alla Borsa di studio, ma non gli viene assegnata, non riceverà la somma in denaro, ma ha sempre diritto ad altro tipo di agevolazioni, ad esempio l’esonero dal pagamento delle tasse.

Borse di studio 2022/2023: esonero dalle tasse per reddito o disabilità

Per effetto della Legge di Stabilità 2017 (232/2016) i redditi più bassi non sono tenuti al pagamento delle tasse universitarie.

Nello specifico, rientrano nell’esonero tutti gli studenti il cui nucleo familiare ha un valore ISEE inferiore a 20.000 euro all’anno.

In questi casi, tutto quello che bisogna fare è semplicemente compilare la DSU, ottenere l’ISEE universitario e consegnarlo fisicamente o in via telematica alla propria università: l’esonero sarà applicato in automatico.

Ancora, la Legge 104 prevede che siano esonerati dal versamento delle tasse universitarie gli studenti che presentano una disabilità pari o superiore al 66%.

Da parte sua, ogni Ateneo ha la facoltà di concedere agevolazioni e borse di studio anche agli studenti con una disabilità compresa tra il 33% e il 65%, se questi rientrano in un determinato reddito.

I criteri di reddito e di disabilità in questo caso variano da Ateneo ad Ateneo, poiché le università e gli enti possono decidere in modo autonomo se e in che misura applicare delle agevolazioni.

Borse-di-studio-20222023-studentessa
In foto una studentessa con zaino e quaderno.

Borse di studio 2022/2023: il bando dell’INPS

Le Borse di studio 2022/2023, emesse da università ed enti, sono aperte a tutti gli studenti iscritti, in possesso di requisiti di reddito e merito indicati nel bando.

Tuttavia, esistono borse di studio, sia per le università che per le scuole superiori, che riguardano esclusivamente i dipendi della Pubblica Amministrazione. Si tratta di Borse di studio gestite ed assegnate dall’INPS.

Ad esempio, l’Istituto ha da poco pubblicato il bando per le Borse di studio per corsi universitari di laurea e corsi universitari di specializzazione post lauream, che quest’anno si riferirà all’anno accademico 2020-2021.

Per quest’anno è possibile presentare domanda all’INPS entro il 23 gennaio 2023, attraverso il portale dei servizi online, ma la borsa si rinnova ogni anno. In ogni caso, è rivolta esclusivamente agli studenti figli di:

Con questo bando l’INPS assegnerà 2.000 euro agli studenti dei corsi universitari di laurea triennale o laurea magistrale e 1.000 euro per i corsi universitari di specializzazione post lauream.

Per partecipare lo studente deve avere un’età inferiore ai 32 anni, alla data di scadenza del bando, ed essere impossesso di questi requisiti accademici, riferiti all’anno a cui si riferisce il bando:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp