Briatore a De Luca: se auguri il male a qualcuno sei una merda

L'imprenditore Flavio Briatore ha replicato, dopo settimane, al governatore Vincenzo De Luca per quella battuta sulla “prostatite polmonare” del patron del Billionaire. «Quando attaccano le persone vincenti i frustrati si garantiscono qualche secondo di benessere». La situazione in Campania e in Italia non è ancora allarmante, ma cresce la pressione sulle terapie intensive e a Napoli aumenta del 30% la spesa di beni di prima necessità per timore del lockdown.

Briatore a De Luca: se auguri il male a qualcuno sei una merda
L'imprenditore piemontese Flavio Briatore ha attaccato duramente il governatore Vincenzo De Luca che aveva ironizzato qualche settimana fa sulla sua «prostatite polmonare».
3' di lettura

Flavio Briatore ha risposto duramente al governatore Vincenzo De Luca che qualche settimana fa aveva ironizzato sulla “prostatite ai polmoni” del proprietario del Billionaire, la discoteca sulla Costa Smeralda centro di un focolaio di Covid che non ha risparmiato neppure l’imprenditore piemontese.

Non la auguro a nessuno e De Luca ci rideva sopra

«E’ gente così – ha dichiarato a Non è l’Arena -, che vivrà male. Quando auguri a qualcuno che succeda qualcosa di brutto umanamente sei una merda».

«Tutti ridono – ha aggiunto – della prostatite, ma non la auguro a nessuno. E’ tremenda. Non la auguro a nessuno, nemmeno al presidente della Campania che ci rideva sopra».

«Quando attaccano le persone vincenti – ha continuato Briatore -, che hanno fatto qualcosa, i frustrati si garantiscono qualche secondo di benessere. Quando ti succede qualcosa, hanno un po’ di benessere».

Vincenzo De Luca potrebbe rispondere, ma crediamo lasci passare l’insulto dell’imprenditore di Cuneo. Con l’aumento dei contagi in Campania, il malessere sociale che cresce per una crisi economica che proprio in questi mesi dovrebbe farsi sentire in modo ancora più duro, non crediamo ci sia tempo per alimentare polemiche inutili, come tutte quelle innescate da una battuta (che sia o meno riuscita).

Covid, allarme arancione in Italia

Intanto il trend dei nuovi contagi resta su livelli da allarme arancione in tutta Italia. Non siamo ai numeri di altri Paesi europei, e questa è una buona notizia. Ma sarebbe anche il caso di invertire l’andamento della curva, il rischio di trovarsi a fronteggiare un aumento più esponenziale dei contagi c’è. E’ già accaduto altrove: servirebbe non ripetere gli errori commessi in Spagna, Gran Bretagna e Francia, dove dopo tante smentite si torna a parlare in modo concreto di lockdown.

Nel frattempo salgono i ricoveri in ospedali e nelle terapie intensive. «La situazione non è allarmante – ha dichiarato il vice ministro alla Salute, Pierpaolo Sileri -, il sistema non è sotto pressione».

Ricoveri nelle terapie intensive

Ed è vero, i numeri delle persone in ospedale sono nettamente inferiori rispetto a marzo o aprile, e da allora, il Paese si è dotato di Covid Hospital attrezzati, oltre ad aver individuato delle terapie più efficaci, soprattutto per i casi gravi.

In questo momento le persone che hanno bisogno della massima assistenza sono 254, equamente distribuite da Nord a Sud: 38 nel Lazio, 31 in Lombardia e 30 in Campania.

Ipotesi lockdown, assalto ai supermercati

E’ bastato che il presidente Vincenzo De Luca evocasse un possibile lockdown regionale per l’aumento progressivo dei contagi in Campania, per far scattare il consueto assalto ai supermercati a Napoli, dove nel fine settimana è stato segnalato un aumento del 30% dei beni di prima necessità.

Ospedali, la situazione potrebbe peggiorare

Sulla crescita dei contagi in Campania, lancia l’allarme il professore Nicola Fusco, ordinario di matematica della Federico II, che sta seguendo sin dall’inizio i dati sulla diffusione del virus.

«La crescita dei contagi – ha dichiarato a Il Mattino – è molto forte, la situazione potrebbe peggiorare anche sul fronte ospedaliero. Se continua così chiusure mirate potrebbero diventare indispensabili in Campania, come in altre regioni. Oggi il tasso di occupazione delle terapie intensive in Campania cresce più rapidamente che nel resto d’Italia, proprio come i ricoveri».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie