Avellino, buoni fruttiferi: Poste condannate a versare 110mila euro

1' di lettura

C’è un consistente contenzioso in atto tra risparmiatori e Poste Italiane. Una battaglia che dura da mesi. E ora è arrivata anche ad Avellino. Il tribunale del capoluogo irpino ha emesso un provvedimento che potrebbe rappresentare un importante precedente. Un decreto ingiuntivo che sancisce il diritto di un risparmiatore, intestatario di buoni fruttiferi postali, a riscuotere gli importi riportati nella tabella posta nel retro pari a oltre 110.000 euro. Poste Italiane gliene voleva riconoscere la metà (55.000 euro)

Buoni fruttiferi: ricorso ad Avellino

Il risparmiatore, titolare di due buoni emessi nel 1987, si era visto respingere le richieste di riconoscimento degli interessi, riportati nel retro dei buoni, a causa di una modifica dei rendimenti avvenuta nel 1986, prima che lui li sottoscrivesse. La decisione del Tribunale di Avellino ha confermato una recente pronuncia della Corte di Cassazione, che ha affermato la prevalenza di quanto riportato sul buono fruttifero rispetto alle modifiche apportate con decreto ministeriale in epoca antecedente alla sottoscrizione del buono.

Così Poste Italiane è stata condannata a rimborsare al risparmiatore, assistito dagli avvocati Stefano Vozella del Foro di Avellino e Fabio Scarmozzino del Foro di Torino, degli interessi previsti sul proprio buono e non quelli inizialmente riconosciuti da Poste Italiane. Proprio 110mila euro. Una cifra doppia a quella che voleva riconoscere l’azienda.

Bruno fruttiferi successivi al 1986

Si tratta di un’importante decisione per le migliaia di titolari di buoni postali che in questi anni, decorsi i trent’anni dalla sottoscrizione, si sono recati presso gli uffici postali, vedendosi riconoscere importi inferiori rispetto ai rendimenti previsti nel buono. Chiunque abbia un titolo simile, emesso dopo il giugno del 1986, dovrebbe farlo esaminare per capire se ha diritto a farsi corrispondere una cifra maggiore a quella determinata da Poste. Anche se il buono è già stato incassato.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie