Buoni Spesa 2021: tornano nelle grandi città. Ecco dove

I buoni spesa 2021 tornano a Roma, Bologna, Torino e Napoli. Ecco come fare domanda per ottenerli.

5' di lettura

I fondi stanziati nel Decreto Ristori Ter per i buoni spesa non sono ancora terminati e diversi comuni, da nord a sud, stanno riaprendo i bandi per l’assegnazione dei buoni spesa 2021. Fra questi ci sono anche quattro grandi città: Roma, Torino, Bologna e Napoli.

Buoni Spesa 2021, come funzionano

I comuni hanno quindi avuto a disposizione dal governo centrale 400 milioni di euro da erogare per i buoni spesa. La quantità di denaro a disposizione per ogni comune è stata determinata in base al numero dei residenti e all’indice di povertà di quella zona. (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus; nel gruppo Whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati).

Le regole che ha importo il governo sono poche, d’altronde tutta la procedura, dalla formulazione del bando alla pubblicazione della graduatoria, è prerogativa dei singoli comuni.

Ciò che ha imposto il governo è, per esempio, il tetto massimo dei buoni spesa 2021, che è stato fissato a 700 euro. Inoltre, non possono essere fatti affidamenti diretti di denaro, ma tutto deve funzionare attraverso dei voucher, cartacei o elettronici, da spendere in esercizi commerciali nel territorio comunale che aderiscono all’iniziativa. (Se hai dei dubbi su questo tema entra nel gruppo facebook di TheWam; se ti interessa il tema delle pensioni, abbiamo un gruppo dedicato).

Buoni Spesa 2021: i requisiti

Come anticipato, la formulazione dei bandi dei buoni spesa 2021 dipende completamente dai comuni, che scelgono autonomamente quali sono i requisiti in cui bisogna rientrare per ricevere i voucher.

Gli indici più comuni ai quali si fa riferimento sono: il reddito annuo Isee, la residenza presso il comune dove si fa domanda, il patrimonio immobiliare, quello mobiliare e i redditi percepiti. (Qui trovi il link al nostro canale youtube con le video-guide; qui invece la pagina riservata ai concorsi).

Buoni Spesa, come sapere se si può fare domanda

Per sapere se si può fare domanda per i buoni spesa 2021 presso il proprio comune bisogna tenere d’occhio il sito web ufficiale della municipalità alla quale si appartiene.

I comuni, infatti, sono obbligati a fare un annuncio pubblico quando si riaprono i bandi per l’assegnazione dei buoni spesa 2021. (Entra nei gruppi facebook: tutti i bonusofferte di lavoropensioni).

Se non siete pratici con internet e non sapete come visitare il sito web del vostro comune potete andare nel Caf più vicino, che sarà sicuramente informato sulla possibilità di fare domanda.

Buoni Spesa 2021 a Roma

Fino al 15 giugno per gli abitanti di Roma si può fare domanda per i buoni spesa 2021. In questo comunicato ci sono scritte tutte le indicazioni ufficiali.

La domanda può essere comunque presentata attraverso i CAF e l’importo sarà caricato su una PostePay che sarà spedita direttamente a casa. L’importo varia da 200 a 600 euro.

La discriminante fondamentale per determinare l’importo dei buoni spesa 2021 è il numero delle persone nel nucleo famigliare. Lo schema che si seguirà è questo:

  • 1 persona, 200 euro;

  • 2 persone, 300 euro;

  • 3 persone, 400 euro;

  • 4 persone, 500 euro;

  • 5 o più persone, 600 euro.

Sarà inoltre necessario avere un Isee inferiore agli 8000 euro all’anno. (Scopri tutti i bonus disponibili e come averli).

Buoni Spesa 2021: ritornano nelle grandi città. Ecco quali
I buoni spesa 2021 tornano a Roma, Napoli, Torino e Bologna.

Buoni Spesa 2021 a Torino

La procedura del comune di Torino per i buoni spesa è completamente telematica ed è possibile farla fino a fine marzo. In questo comunicato ci sono tutte le spiegazioni necessarie su come procedere.

I buoni spesa avranno un importo massimo di 360 euro e saranno erogati su tre mensilità. L’importo varia in base al numero di persone in famiglia.

I buoni spesa 2021 della città di Torino sono destinati a chi ha perso il lavoro o si trova in situazioni di disagio economico. Se in famiglia c’è anche un solo dipendente pubblico non è possibile richiedere il voucher.

Si fa domanda compilando un questionario online. A quel punto il comune, se ci sono i criteri, manderà un sms con il numero di domanda e un altro con il pin. Con questi due numeri si potrà accedere all’area privata dove si potranno scaricare i voucher digitali in formato Pdf dal valore di 20 euro ciascuno.

Buoni spesa 2021 a Bologna

I cittadini di Bologna che possano dimostrare di non avere depositi bancali o postali superiori a 10.000 euro possono fare domanda per i buoni spesa 2021. In questa pagina ci sono spiegate tutte le modalità.

I voucher avranno un valore di 25 euro ciascuno con un importo massimo erogabile di 600 euro, secondo questo schema:

  • 1 persona, 150 euro;

  • 2 persone, 250 euro;

  • 3 persone, 350 euro;

  • 4 persone, 400 euro;

  • 5 persone, 500 euro;

  • 6 o più persone, 600 euro.

La domanda si può presentare compilando dei moduli, di persona, presso gli uffici comunali. Bisognerà prendere appuntamento telefonico per farsi ricevere.

I buoni possono essere scaricati e utilizzati tramite l’app Bologna Welfare.

Buoni spesa 2021 a Napoli

Il comune di Napoli sta facendo ripartire l’erogazione dei bonus alimentari, ma solo per chi ha ricevuto già l’accesso al beneficio. Saranno redistribuiti circa 2 milioni di euro in buoni spesa nel periodo di Pasqua.

Nell’assegnazione saranno privilegiate le famiglie che non percepiscono il reddito di cittadinanza. I soldi saranno ripartiti in base al numero di persone nel nucleo famigliare, secondo questo schema:

  • 1 persona, 50 euro;

  • Da 2 a 4 persone, 100 euro;

  • oltre 4 persone, 150 euro.

Potrebbero interessarti anche:


Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie