Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione di reversibilità coniuge divorziato: il calcolo

Pensione di reversibilità coniuge divorziato: il calcolo

Calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato: come funziona se c'è pure un coniuge superstite? Ecco di cosa si tiene conto.

di Carmine Roca

Luglio 2023

In questo articolo vi spieghiamo come avviene il calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

La pensione di reversibilità spetta al coniuge divorziato?

Partiamo dal presupposto che anche il coniuge divorziato ha diritto alla pensione di reversibilità (articolo 9, comma 2, della legge 898 del 1970), oppure a una quota di essa se è presente anche il coniuge superstite (in caso di secondo matrimonio del pensionato defunto).

Come avviene il calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato?

Come funziona il calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato? L’importo della prestazione è proporzionato alla pensione percepita dal coniuge in vita.

Bisogna tenere conto sia della durata del matrimonio, sia del periodo in cui la pensione è stata versata. Nel primo caso, anche il periodo di separazione legale rientra nell’arco temporale del matrimonio: questo si ritiene concluso solo dopo la sentenza di divorzio.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pensione di reversibilità al coniuge divorziato e al coniuge superstite

In presenza di coniuge superstite (in caso di secondo matrimonio del pensionato defunto), la pensione di reversibilità viene ripartita in quote e spetta sia al coniuge che all’ex coniuge.

La Cassazione ha definito i criteri di ripartizione delle quote (ordinanza 8263 del 2020), richiamando i principi della Corte Costituzionale (sentenza numero 149 del 1999), modificando la ripartizione a favore dell’ex coniuge rispetto al coniuge superstite.

Si tiene conto della:

È bene chiarire che, “non tutti tali elementi devono necessariamente concorrere né essere valutati in egual misura, rientrando nell’ambito del prudente apprezzamento del giudice di merito la determinazione della loro rilevanza in concreto.

Diversamente, se il pensionato deceduto abbia soltanto convissuto con un’altra persona, questa non avrà diritto alla pensione di reversibilità, che spetta interamente al coniuge divorziato.

Pensione di reversibilità al coniuge divorziato se il coniuge superstite si risposa

Qualora il coniuge superstite dovesse convolare a nuove nozze, il coniuge divorziato avrà diritto all’intera pensione di reversibilità, da suddividere con gli altri eventuali beneficiari (figli, nipoti, genitori, fratelli o sorelle), come stabilito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite con sentenza numero 159 del 1988.

Requisiti per la pensione di reversibilità al coniuge divorziato

Dunque, anche in caso di divorzio si ha diritto alla pensione di reversibilità: ma non sempre.

Il diritto si applica in presenza di queste condizioni:

Calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato
Calcolo della pensione di reversibilità al coniuge divorziato: in foto un martelletto in un’aula di tribunale.

Come fare domanda per la pensione di reversibilità al coniuge divorziato

Il coniuge divorziato può presentare domanda per la pensione di reversibilità accedendo online al sito dell’INPS, oppure tramite patronati o intermediari dell’istituto previdenziale.

In ultima battuta, è possibile telefonare al contact center dell’INPS, ai numeri 803 164 (da rete fissa) o 06 164 164 (da rete mobile).

A chi altro spetta la pensione di reversibilità?

Oltre al coniuge divorziato, la pensione di reversibilità spetta, più in generale, ai familiari superstiti di un lavoratore assicurato o di un pensionato. Nello specifico ne hanno diritto:

Faq sulla pensione di reversibilità

Che cos’è la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità 2023 è una prestazione economica che l’INPS versa ai familiari del pensionato deceduto.

Quali sono i limiti di reddito per la pensione di reversibilità?

Se il titolare della pensione di reversibilità 2023 ha un reddito personale annuo non superiore a 21.985,86 euro, riceverà l’assegno in misura piena.

Altrimenti si applicherà un taglio:

A chi spetta la pensione di reversibilità 2023?

La pensione di reversibilità 2023 spetta, in percentuali diverse, al coniuge, ai figli o ad altri familiari del pensionato deceduto, come i genitori, le sorelle o i fratelli e i nipoti.

La pensione di reversibilità spetta al:

Quando viene pagata la prima pensione di reversibilità?

Il primo assegno di pensione di reversibilità viene pagato dall’INPS il primo giorno del mese successivo a quello in cui è avvenuto il decesso del pensionato.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp