Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Sostenibilità / Caldaie a gas, cosa cambia dal 2025

Caldaie a gas, cosa cambia dal 2025

Caldaie a gas, vediamo cosa cambia dal 2025 e come bisogna comportarsi dopo che l’Europa ha raggiunto l’accordo sull’efficientamento energetico degli edifici.

di The Wam

Dicembre 2023

Caldaie a gas, vediamo cosa cambia nel 2025 ora che in Europa è stato raggiunto l’accordo per l’efficientamento energetico degli edifici. Il primo impatto ci sarà sulle agevolazioni fiscali. Quali sono le prospettive immediate per i cittadini. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Caldaie a gas: raggiunto l’accordo in Europa

L’accordo raggiunto dal trilogo (Parlamento europeo, Consiglio e Commissione europea) sulla direttiva case green per l’efficientamento energetico degli edifici nell’UE è un passo importante verso la sostenibilità energetica. Dopo sei mesi di trattative, l’accordo fissa nuovi standard per le caldaie a gas e ha come obiettivo la riduzione dell’impatto ambientale delle abitazioni.

Cosa prevede

L’accordo si focalizza su tre aspetti chiave:

  1. Riduzione delle emissioni: l’obiettivo principale è diminuire le emissioni di gas serra provenienti dalle abitazioni, in linea con gli obiettivi di decarbonizzazione dell’UE.
  2. Efficientamento energetico: migliorare l’efficienza energetica degli edifici esistenti e delle nuove costruzioni è essenziale per ridurre il consumo complessivo di energia.
  3. Sviluppo di tecnologie sostenibili: promuovere l’uso di tecnologie più pulite e rinnovabili, come le caldaie ibride e quelle a gas verde, per sostituire gradualmente i sistemi tradizionali.

Impatto sulle agevolazioni fiscali

L’accordo prevede anche un cambiamento nelle politiche fiscali sulle caldaie a gas. Potrebbe comportare una riduzione o l’eliminazione delle agevolazioni fiscali per gli impianti tradizionali, spostando l’interesse verso soluzioni più sostenibili.

Prospettive future

Il documento provvisorio della direttiva indica infatti che dal 2025 non saranno più concessi incentivi fiscali per le caldaie a gas tradizionali. Al contrario, si prevede un maggiore supporto per le tecnologie innovative e più ecologiche.

Caldaie “green” e ibride

Le caldaie green, ovvero quelle che funzionano con gas verdi come l’idrogeno, non saranno colpite dal bando. Inoltre, le caldaie ibride, che combinano l’uso di energie rinnovabili, riceveranno probabilmente incentivi maggiori.

Lo stop alle caldaie a gas tradizionali

Un altro aspetto importante dell’intesa è lo spostamento del divieto di vendita delle caldaie a gas tradizionali al 2040. Divieto non avrà effetti per chi già possiede una caldaia a gas, ma inciderà su chi deve acquistarne una nuova.

Il futuro degli impianti di riscaldamento nell’UE è quindi orientato verso un equilibrio tra efficienza energetica, sostenibilità ambientale e innovazione tecnologica. Questo cambiamento, nelle intenzioni dei legislatori, rappresenta un problema ma anche un’opportunità per i cittadini e le industrie. L’obiettivo è un futuro più verde e sostenibile.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

L’ecobonus al 50 e al 65% per le caldaie

Cambieranno dunque gli incentivi fiscali, i cosiddetti ecobonus, per le caldaie. Fino al 2024, gli incentivi prevedono:

Queste agevolazioni, tuttavia, come abbiamo detto, hanno una scadenza, il 2025. La nuova direttiva europea prevede che non saranno più concesse agevolazioni fiscali alle caldaie autonome alimentate da combustibili fossili. Questo spinge verso un aggiornamento delle politiche di incentivo, allineandole alle nuove normative UE per promuovere soluzioni più sostenibili.

Cosa sono le caldaie “green”

Le caldaie “green” sono quelle che funzionano con i gas verdi, come l’idrogeno. A differenza delle tradizionali caldaie a gas, non saranno soggette al bando imposto dalle nuove direttive. Le caldaie green rappresentano una soluzione alternativa più ecologica, riducendo significativamente l’impatto ambientale.

Caratteristiche delle caldaie green

Le caldaie green si distinguono per:

La gestione degli incentivi per queste caldaie sarà definita dalle linee guida della Commissione Europea, che stabilirà i dettagli e i limiti applicabili.

Le caldaie ibride: un passo verso la sostenibilità

Le caldaie ibride combinano fonti energetiche tradizionali con tecnologie rinnovabili, come il solare termico o le pompe di calore. Gli Stati membri dell’UE sono incoraggiati a offrire incentivi per l’installazione di questi sistemi. Le caldaie ibride offrono diversi vantaggi:

Lo stop ai combustibili fossili nel 2040

Altro punto saliente dell’accordo, come anticipato nei paragrafi precedenti, è lo stop alla vendita di nuove caldaie a gas basate su combustibili fossili entro il 2040. Gli obiettivi principali di questa misura includono:

La trattativa Ecodesign

La trattativa Ecodesign gioca un ruolo importante nel ridefinire i prodotti ammissibili per il riscaldamento nel mercato UE. La direttiva Ecodesign pone requisiti rigorosi in termini di efficienza e impatto ambientale:

Caldaie a gas, cosa cambia dal 2025
Nell’immagine una coppia molto perplessa davanti a una caldaia a gas.

FAQ (domande e risposte)

Quali cambiamenti ci saranno per le caldaie a gas nel 2025?

Nel 2025, ci saranno cambiamenti significativi per le caldaie a gas in Europa. L’accordo europeo sulla direttiva “case green” per l’efficientamento energetico degli edifici porterà a nuove regole e parametri per le caldaie, con l’obiettivo di ridurre il consumo energetico e le emissioni di gas serra. Le caldaie a gas tradizionali, specialmente quelle alimentate da combustibili fossili, vedranno una riduzione delle agevolazioni fiscali.

Come influenzerà l’accordo europeo le agevolazioni fiscali sulle caldaie?

L’accordo influenzerà le agevolazioni fiscali dedicando incentivi per caldaie più efficienti e sostenibili. Le agevolazioni fiscali per caldaie a condensazione di classe A e per impianti con tecnologie avanzate di termoregolazione saranno confermate fino al 2024. Tuttavia, dal 2025, non sarà più possibile concedere ecobonus alle caldaie autonome alimentate da fossili, spingendo verso tecnologie più verdi e efficienti.

Quali sono le nuove direttive UE per le caldaie a gas dal 2025?

Le nuove direttive UE dal 2025 si concentrano su un miglioramento dell’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di gas serra. Ciò include nuovi standard per costruzioni esistenti e nuove, con l’intento di portare il settore immobiliare verso emissioni zero entro il 2050. Queste direttive promuoveranno l’uso di caldaie green e sistemi ibridi, oltre a imporre restrizioni su caldaie a gas meno efficienti.

Cosa definisce una caldaia green secondo la nuova direttiva UE?

Una caldaia green, secondo la nuova direttiva UE, è un sistema di riscaldamento che utilizza gas verdi come l’idrogeno. Queste caldaie sono escluse dal bando poiché sono considerate più ecologiche rispetto alle caldaie tradizionali. La direttiva incoraggia l’uso di queste tecnologie come parte della transizione verso un’energia più pulita e sostenibile.

Come saranno gestiti gli incentivi per le caldaie ibride in Europa?

Gli incentivi per le caldaie ibride in Europa saranno gestiti consentendo agli Stati membri di offrire incentivi per l’installazione di sistemi di riscaldamento ibrido. Questi sistemi combinano caldaie tradizionali con fonti di energie rinnovabili, come il solare termico o le pompe di calore. Si prevede che gli incentivi statali per queste tecnologie saranno confermati e potenziati.

Quando sarà vietata la vendita di nuove caldaie a gas nell’UE?

La vendita di nuove caldaie a gas sarà vietata nell’UE a partire dal 2040. Questo divieto si applicherà alle nuove installazioni e all’acquisto di nuovi sistemi di riscaldamento, ma non influenzerà chi già possiede una caldaia a gas. L’obiettivo è ridurre progressivamente l’uso di combustibili fossili e promuovere tecnologie di riscaldamento più sostenibili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sugli ultimi bonus disponibili, a chi spettano e come ottenerli:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp