Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti e maggiore attenzione per il rapporto con i cittadini, agevolazioni nei pagamenti e standard unici di qualità.

di The Wam

Gennaio 2022

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti. Entro il 31 marzo 2022 dovranno essere adottati i nuovi regolamenti da parte dei Comuni. Una piccola rivoluzione. È stata imposta dall’Arera, con una delibera del 18 gennaio. (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Tra l’altro sono previsti:

Ma non solo, l’Arera ha anche richiesto:

Infatti dovranno avvenire entro 30 giorni per almeno il 70 o 90% delle prestazioni.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Testo unico

Le nuove regole sono state fissate nel «Testo unico per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani».

L’obiettivo dichiarato è quello di garantire qualità, efficienza e standard minimi per il servizio di gestione dei rifiuti.

Le novità entreranno in vigore a partire dal primo gennaio 2023. Ma, come detto, per i Comuni la scadenza per l’adozione è molto più a breve: il 31 marzo di quest’anno.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Servizio omogeneo

La delibera di Arera (approvata, lo ripetiamo, il 18 gennaio) mira a superare le frammentazioni che sono evidenti nella qualità e nell’efficienza del servizio in tutto il Paese. Si punta a renderlo quindi omogeneo.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ 4 schemi

I Comuni entro il 31 marzo dovranno scegliere uno dei quattro schemi regolatori previsti nella delibera. I principi evidenziati dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti (Arera, appunto) sono stati così sintetizzati: gradualità, asimmetria e sostenibilità economica.

Tra gli obblighi previsti per i Comuni c’è quello degli obblighi di qualità contrattuale, che dovranno mettere in maggiore risalto il rapporto tra ente gestore e i cittadini.

Saranno introdotti nuovi obblighi sull’attivazione, la variazione e la cessazione del servizio. Ma anche sui reclami, le richieste di informazione e il rimborso degli importi che sono stati addebitati per errore.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Tempo limite per le risposte

Come accennato è stato anche inserito nel testo unico il rispetto obbligatorio di un tempo limite per le risposte alle richieste di attivazione o cessazione di nuove utenze.

Dovrà essere di 30 giorni per una percentuale che oscilla tra il 70 e il 90% (dipende dallo schema regolatorio scelto da ogni singolo Comune).

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Gestione reclami

Ma non è tutto. Gli schemi regolatori prevedono anche di attivare una procedura specifica per la gestione dei reclami e per le richieste di informazioni.

Anche in questo caso si impone un tempo limite per le risposte. Sarà sempre di 30 giorni, con una percentuale che cambia a seconda dello schema che è stato adottato dai Comuni.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Pagamento a rate

Vediamo ora come funziona il piano straordinario per il pagamento dilazionato della Tari.

Tutti i Comuni dovranno garantire l’accesso a una ulteriore rateizzazione dei pagamenti (le rate saranno di importo minimo di 100 euro) per queste categorie:

Per quanto riguarda i rimborsi i Comuni dovranno adeguarsi a una tempistica precisa: 120 giorni lavorativi.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Servizio su chiamata

Ci sono anche altre novità, come il servizio minimo di ritiro su chiamata dei rifiuti che deve essere gratuito.

Funziona così: il Comune potrà fissare insieme alle associazioni dei consumatori locali un corrispettivo minimo per il ritiro, ma garantendo delle solide tutele per i contribuenti che vivono una situazione di disagio fisico o economico.

Cambia la Tari: nuove regole per la tassa sui rifiuti/ Indicazioni in ogni strada

Tra le altre novità, ce ne sono anche di tipo organizzativo: dovrà infatti essere preparato un «programma delle attività di raccolta, trasporto e spazzamento e lavaggio delle strade». In pratica bisogna prevedere per ciascuna strada l’indicazione della data e fascia oraria di svolgimento del servizio.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp