Campilongo: "Partita sofferta. Senza la Curva Sud ne perde il calcio"

Le parole di Salvatore Campilongo al termine del match tra Avellino e Cavese.

campilongo


1' di lettura

Campilongo analizza il match tra Avellino e Cavese che si è disputato questo pomeriggio allo Stadio Partenio Lombardi: “Un punto importante per noi. Sono contento per la squadra come ha espresso il nostro calcio. Era una partita difficile soprattutto per la voglia dell’Avellino di portare a casa i tre punti. Non era facile tra infortunati e squalificati mettere una squadra in campo. Avevo dei giocatori delle Berretti e sette under erano presenti in campo. Ci sta che l’Avellino con i cambi che fa ci possa metter in difficoltà. Abbiamo retto bene. Partita sofferta. Era una partita difficile per le assenze che avevamo. Sono contento di quanto fatto, nessuno fa miracoli spendendo 5-6milioni di euro in campo. Io sono soddisfatto della prestazione, sia nel primo tempo che nel secondo. Spero di raggiungere la salvezza il prima possibile. Io ho preparato la partita su Di Paolantonio, ho preferito togliere la fonte del gioco dell’Avellino ostacolando i movimenti della squadra. Lui è il fulcro del gioco biancoverde. Ci sono mancate le ripartenze a noi. Potevamo andare in vantaggio nel primo temo, peccato. Non mi soffermo sui singoli, Castagna ha giocato bene, ma anche il centrale Marzupio ha giocato bene. Sandomenico, adesso all’Avellino, si sta trascinando un problema da tempo.

I tempi di Avellino e la penalizzazione di Pugliese: “Ricordo bene quel momento. Io sono legato ad Avellino. Avevo 19 anni quando venni qui. Non perde solo il calcio, ne perde anche la città e la squadra non aver i tifosi in campo. I calciatori ne risentono di questo clima. Io non sono mai stato chiamato da nessuno in estate.”

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Hai qualcosa da segnalare? Clicca qui e scrivici su WhatsApp.