Otto a giudizio per aver gambizzato un giovane a Rotondi

Otto le persone rinviate a giudizio. Udienza a marzo.

1' di lettura

Un carabiniere e un poliziotto, entrambi di servizio nel napoletano, insieme ad altre sei persone, sono stati rinviati a giudizio per il ferimento di un 34enne di San Martino Valle Caudina. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Avellino, Paolo Cassano. I fatti si sono verificati a Rotondi, il 13 novembre del 2017. La vittima è un personaggio già conosciuto dalle forze dell’ordine.

Il processo è stato fissato per il prossimo 13 marzo. Gli imputati devono rispondere a vario titolo di lesioni aggravate, omissioni in atti d’ufficio, porto abusivo di arma, ricettazione e favoreggiamento.

Per gli inquirenti il poliziotto e il carabiniere, che sono assistiti dagli avvocati Pasquale Spiezia e Gianvito Lillo, avrebbero sparato contro il giovane ferendolo a una gamba. L’episodio si è verificato davanti a un locale sull’Appia. Ma non solo. Il militare e l’agente non avrebbero poi arrestato la vittima che prima di essere ferita li aveva minacciato di morte.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!