Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Economia e Finanza / Caro bollette 2023, perché la luce scende e il gas aumenta

Caro bollette 2023, perché la luce scende e il gas aumenta

Caro bollette, perché la luce scende e il gas aumenta, cosa sta succedendo e cosa ci aspetta per il 2023.

di The Wam

Dicembre 2022

Caro bollette, per le prossime tariffe è previsto un calo per la corrente elettrica del 25 per cento e un aumento del gas del 20 per cento. Cerchiamo di capire perché. Ma non solo: verifichiamo anche se e quando le bollette torneranno ai prezzi precedenti la crisi. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Su questo argomento potrebbe interessarti un pezzo che spiega come capire se l’aumento delle bollette gas e luce è legittimo (ma dovrà essere letto anche alla luce di questa ordinanza del Consiglio di Stato; c’è poi un articolo che spiega come la tregua sugli aumenti sia purtroppo destinata a finire (si teme).

Caro bollette, come cambia il prezzo

La corrente elettrica dovrebbe costare, nelle prossime tariffe decise da Arera (Autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente), 16 centesimi in meno a kWh. Ovvero il costo dovrebbe avvicinarsi di nuovo a 50 centesimi a kWh.

La nuova tariffa sarà confermata nelle prossime ore dall’Autorità, comunque prima della fine dell’anno.

Per il gas, come accennato, la situazione è completamente diversa: le bollette dei consumi di dicembre dovrebbero aumentare del 20 per cento, con un costo del metano fissato a 1,48 euro al metro cubo.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.                 

Caro bollette: perché sale il gas e scende l’elettricità?

Il gas aumenta e diminuisce il costo dell’elettricità, la situazione è strana, quasi paradossale. Anche perché una parte non irrilevante della corrente elettrica si produce proprio con il gas.

Scopri la pagina dedicata ala gestione del risparmio e agli investimenti.

E allora, qual è il motivo? La differenza nell’andamento dei  prezzi è causato da uno sfasamento temporale e dal diverso periodo di riferimento. Due ragioni che hanno causato la confusione sulle tariffe.

Ci spieghiamo: la flessione del costo delle bollette per l’energia elettrica (25 per cento) è dovuta al fatto che per tre mesi sono rimaste ferme, ancorare all’ultimo trimestre del 2022.

In pratica l’ultimo aggiustamento è stato fatto a settembre, proprio nel periodo in cui i prezzi di riferimento hanno raggiunto dei picchi storici.

Quindi: l’ultima bolletta è stata pagata più del dovuto (rispetto ai costi in calo registrati tra ottobre e dicembre), è ovvio che le tariffe si rivedano al ribasso ora che sul mercato i prezzi sono scesi, e non di poco.

Caro bollette: perché il gas invece aumenta?

Per la corrente elettrica dunque è rimasto il vecchio sistema dell’aggiornamento trimestrale, che può quindi comportare il pagamento più alto delle bollette anche se nel frattempo i costi sul mercato sono diminuiti. Per il gas è stato adottato un sistema diverso. Proprio per evitare queste discrepanze.

Infatti l’aggiornamento dei costi del gas viene effettuato mensilmente.

Ebbene il gas tra agosto e settembre ha superato i 300 euro per megawattora sulla borsa TTF di Amsterdam e questo aveva spinto il prezzo dell’elettricità a 700 euro per megawattora.

Oggi il gas costa 83 euro e la corrente elettrica 200.

La corrente elettrica fissa le tariffe per ogni trimestre in via anticipata, e quindi il riferimento è il costo relativamente basso di questi giorni.

Per il costo del gas bisogna aspettare, perché il meccanismo dei prezzi viene fissato alla fine del mese di riferimento, con le medie dei prezzi effettivi.

Cosa significa? Che a gennaio l’Autorità dovrà stabilire il costo del metano sulla base dei prezzi di dicembre, che a inizio mese erano molto alti, 140 euro per megawattora, quasi il doppio rispetto a quelli attuali.

Il che comporterà un aumento del 20 per cento sulle tariffe.

Caro bollette: gas, la buona notizia

È anche vero però che se i prezzi rimarranno quelli di questi giorni (intorno a 80 euro per megawattora) il prossimo calcolo a inizio febbraio 2023, dovrebbe comportare una riduzione delle bollette nell’ordine del 30 per cento. Una boccata d’ossigeno per famiglie e imprese.

Caro bollette: perché il prezzo del metano continua a scendere?

Se il prezzo del gas continua a scendere è molto merito degli stoccaggi, ovvero del gas che l’Europa ha accumulato come scorta. Una ragione molto più valida del tetto al prezzo, che è stato fissato a 180 euro, più del doppio rispetto al costo attuale.

Le riserve europee sono infatti aumentate, la capacità di riempimento è all’83 per cento (ha aiutato anche il clima mite di questa stagione).

I Paesi con stoccaggi più elevati sono questi: 

Nell’immagine c’è chi fa i conti per contrastare il caro bollette

Caro bollette: il vero calo del metano alla fine del 2023

Gli esperti ritengono che il vero calo dei prezzi del gas si verificherà solo alla fine del prossimo anno. La situazione dovrebbe migliorare di molto rispetto a oggi, ma non ancora ai livelli del 2021.

Il che significa che il 2023 dovremo fare i conti con un costo dell’energia ancora troppo alto.

La diminuzione dei prezzi del metano in questo periodo è comunque un evento inatteso. In tanti temevano un rimbalzo dei costi molto simile ai picchi raggiunti questa estate in coincidenza con l’arrivo della stagione fredda.

Così non è stato. Anzi. Ora siamo nel cuore dell’inverno e gli stoccaggi sono ancora pieni, il che lascia supporre che si arriverà con una certa tranquillità alla primavera, scongiurando quindi il temuto razionamento dell’energia (che questa estate, visti anche i picchi, sembrava inevitabile).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp