Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Carta acquisti per chi vive da solo: come richiederla

Carta acquisti per chi vive da solo: come richiederla

Carta acquisti per chi vive da solo: come richiederla. Si può ottenere la carta acquisti anche se si vive da soli? Quali sono i requisiti da rispettare? Scopriamoli nell'articolo.

di Imma Duni

Febbraio 2023

Carta acquisti per chi vive da solo: come richiederla? Si può ottenere la carta acquisti anche se si vive da soli? Quali sono i requisiti da rispettare? Scopriamoli nell’articolo (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famiglia. Leggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Carta acquisti per chi vive da solo: come richiederla

La Carta Acquisti 2023 è una soluzione pensata per supportare coloro che si trovano in difficoltà economiche.

Per accedere a questa agevolazione è necessario avere almeno 65 anni o essere genitori di bambini sotto i 3 anni e soddisfare determinati requisiti di reddito.

Quindi se vivi da solo e hai almeno 65 anni di età, puoi richiedere la carta acquisti.

La carta, emessa da Poste Italiane e finanziata dall’INPS, è gratuita e permette di effettuare acquisti presso negozi convenzionati per spese alimentari, sanitarie e per pagare le bollette.

Disponibile a un importo di 40 euro al mese, rinnovabile ogni due mesi per un totale di 80 euro. Per richiederla è necessario compilare i moduli in pdf scaricabili, presentare la dichiarazione ISEE e dimostrare di soddisfare i requisiti di reddito specificati dal MEF e che vedremo.

Scarica i moduli e i passaggi per compilarli.

I modelli di richiesta variano a seconda della categoria di beneficiari e in particolare:

Sempre sul sito del MEF, nella sezione dedicata alla carta acquisti 2023, puoi consultare la guida alla compilazione dei moduli di domanda per gli over 65 e per i beneficiari con bimbi under 3 a carico.

Una volta presentata la domanda per la Carta acquisti 2023, sarai avvertito tramite messaggio di testo o mail dell’approvazione dell’istanza.

In seguito potrai ritirare la card presso un ufficio postale ed essa verrà ricaricata periodicamente dallo Stato senza dover eseguire ulteriori passaggi o formalità.

La normativa che regola la carta acquisti 2023 prevede degli accrediti bimestrali.

Durante l’anno sono previsti sei pagamenti distribuiti nei mesi di gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre e novembre.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Speedy News Italia

Carta acquisti per chi vive da solo: requisiti per riceverla

I requisiti da rispettare per ottenere la Carta acquisti anche quest’anno, sono riportati nel sito del MEF e sono i seguenti:

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Carta acquisti per chi vive da solo
Carta acquisti per chi vive da solo: in foto una ragazza che fa spesa in un supermercato.

Carta acquisti per chi vive da solo: come funziona

La Carta Acquisti è emessa gratuitamente dalle Poste Italiane su richiesta del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Per riceverla, come abbiamo visto nel primo paragrafo, dovrai inoltrare una richiesta apposita.

La carta un valore di 40 euro al mese e viene ricaricata con 80 euro ogni due mesi, ma prima viene effettuato un controllo sul mantenimento dei requisiti.

Funziona come una normale carta di pagamento elettronica e può essere utilizzata solo presso supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie convenzionati con il circuito Matercard o presso gli uffici postali per pagare le bollette.

L’utilizzo della Carta Acquisti è gratuito e non è previsto il pagamento di alcuna commissione. Oltre a questo contributo di 80 euro, il titolare della carta potrà utilizzarla per ottenere degli sconti presso i negozi convenzionati.

Attenzione: la carta è nominativa e può essere utilizzata solo dal titolare, non può essere ceduta.

Per effettuare pagamenti tramite terminali POS negli uffici postali o ATM Postamat è necessario digitare il codice PIN personale, mentre per acquisti presso esercizi commerciali abilitati bisogna firmare una ricevuta. Se il titolare dell’attività dovesse richiederlo, bisognerà mostrare anche un documento d’identità.

Inoltre, l’agevolazione ha una durata di un anno e può essere rinnovata.

Cosa non puoi fare con la carta acquisti?

Ci sono alcune operazioni che non puoi fare con la carta acquisti, e cioè:

Se la carta è scaduta, non può essere più utilizzata. Anche se viene sospesa per mancanza di requisiti, non può essere più utilizzata.

La carta acquisti è anche compatibile con il Reddito di cittadinanza, ma bisogna fare attenzione a un aspetto importante. Visto che rientra nel calcolo dell’ISEE, potrebbe comportare una riduzione dell’importo del Reddito di cittadinanza: un’informazione non di poco conto. Carta acquisti e Rdc sono compatibili, dunque, ma il primo sussidio potrebbe limitare l’altro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp