Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Carta Dedicata a te entro il 15 marzo: per chi

Carta Dedicata a te entro il 15 marzo: per chi

Carta Dedicata a te entro il 15 marzo: per chi? Ecco tutto ciò che serve sapere per i beneficiari rispetto al pagamento.

di Marco Cagiano

Marzo 2024

Perché hai tempo fino al 15 marzo 2024 per utilizzare il saldo rimanente sulla tua Carta Dedicata a Te? Vediamo le indicazioni per controllare il saldo residuo e tutte le altre informazioni più importanti (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Carta Dedicata a Te: cosa bisogna fare entro il 15 marzo 2024?

Le famiglie beneficiarie della carta dedicata hanno tempo fino al 15 marzo 2024 per utilizzare il saldo disponibile, indipendentemente dalla data di attivazione e dalla validità indicata sulla carta.

La social card, del valore di circa 460 euro, consente l’acquisto di beni alimentari di prima necessità, oltre che di benzina o abbonamenti ai mezzi pubblici.

Eventuali fondi non spesi entro la data stabilita potrebbero essere convertiti in nuove ricariche per i possessori della postepay.

Conformemente alle istruzioni del decreto del 29 novembre 2023, l’intero importo deve essere utilizzato entro il 15 marzo 2024. Il mancato rispetto di questa scadenza comporta la perdita del saldo residuo, che potrebbe essere trasferito al Ministero dell’Agricoltura, responsabile della gestione della carta dedicata.

È possibile verificare il saldo residuo e la lista dei movimenti presso gli ATM Postamat, utilizzando il PIN per il pagamento.

Se invece vuoi sapere di più sui bonus, come ad esempio il bonus genitori separati, ecco un video per approfondire:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=HlUOxqzj_5I?si=Q2lnSPpo-_uaLIaM&w=560&h=315]

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Carta Dedicata a Te, cosa fare se scade dopo il 15 marzo 2024?

La scadenza del 15 marzo per gli acquisti con la carta dedicata è unica, sia per coloro che hanno attivato la prepagata la scorsa estate entro il 15 settembre, sia per le famiglie che hanno ricevuto o attivato la postepay tra dicembre e gennaio di quest’anno.

È importante notare che il termine per l’utilizzo delle somme erogate nel corso del 2023 è diverso dalla validità della prepagata, che arriva fino al 2028.

In altre parole, la finestra per fare acquisti con l’importo residuo ha una scadenza, ma la carta su cui è stato caricato il contributo economico non perde la sua validità.

carta-dedicata-a-te-marzo-2024
Carta dedicata a te 2024: ecco cosa bisogna fare entro il 15 marzo. In foto: ragazza con smartphone e carta di pagamento.

Carta Dedicata a Te 2024: cosa bisogna sapere

Anche quest’anno, la Manovra ha incaricato il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, insieme al Ministro delle Imprese e del Made in Italy, al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Ministro dell’Economia e delle Finanze, di definire le modalità e i tempi per la distribuzione della Carta Dedicata a Te, anche detta social card.

La card è rimasta pressoché identica rispetto allo scorso anno, dunque non ci sono particolari novità per regolarne l’accesso. In linea di massima, possiamo anche già dire che non è necessario presentare una nuova domanda per ottenere una nuova ricarica. L’aspetto più urgente, dunque, è quello appena visto relativo alla scadenza dei fondi.

Tuttavia, è importante essere precisi e puntuali rispetto al calcolo ISEE (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente), che è uno dei parametri utilizzati per determinare quali famiglie avranno diritto ai benefici.

Sulla base dei dati disponibili, sia l’INPS che i Comuni hanno distribuito le carte prepagate nel 2023 per l’acquisto di beni alimentari essenziali, e in aggiunta è stato incluso un bonus per carburante o trasporti, per un totale di circa 460 euro.

FAQ: domande frequenti su Carta Dedicata a Te marzo 2024

Carta Dedicata a Te: a cosa serve l’ISEE?

La Dichiarazione ISEE serve sicuramente a molto più che al solo accesso alla social card.

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) è uno strumento di valutazione cruciale utilizzato per valutare la situazione finanziaria delle famiglie e per determinare l’accesso a una vasta gamma di servizi e agevolazioni sociali. Questo indicatore considera i redditi e il patrimonio delle famiglie, nonché la loro composizione e la zona geografica di residenza.

L’ISEE è richiesto per ottenere diversi benefici, tra cui borse di studio, sconti sui servizi pubblici come la mensa scolastica e i trasporti, aiuti per l’affitto, agevolazioni fiscali e per determinare l’idoneità per prestazioni sanitarie agevolate. In sintesi, l’ISEE svolge un ruolo vitale nell’assicurare l’equità e l’accesso universale ai servizi pubblici e alle agevolazioni sociali in Italia.

Carta Dedicata a Te 2024: come si ottiene l’ISEE?

In ogni situazione, è consigliabile agire con anticipo e compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), che include i dettagli anagrafici, reddituali e patrimoniali del proprio nucleo familiare, al fine di ottenere l’ISEE.

Esistono diverse modalità per calcolare l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente:

Una volta ottenuta la certificazione, questa rimane valida fino al 31 dicembre dell’anno in cui è stata richiesta, consentendo l’accesso a una serie di prestazioni e agevolazioni, che vanno dal bonus sulle bollette al contributo per l’asilo nido.

Per quali beni si può usare la social card?

Stando alle regole 2023, con la social card è possibile acquistare generi alimentari come:

Come calcolare il residuo della Carta Dedicata a Te?

Per calcolare l’importo residuo della social card è sufficiente recarsi di persona presso uno sportello automatico (ATM) di Poste Italiane e:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Carta Dedicata a Te (requisiti, come ottenerla e come utilizzarla):

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp