Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Carta Risparmio Spesa e Carta Acquisti insieme?

Carta Risparmio Spesa e Carta Acquisti insieme?

Carta Risparmio spesa e Social card. In cosa consistono le due card, quali sono le differenze e come ottenerle. Scopri i dettagli nell'approfondimento.

di Imma Duni

Maggio 2023

Carta Risparmio spesa e Social card. In cosa consistono le due card, quali sono le differenze e come ottenerle. Scopri i dettagli in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famiglia. Leggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Carta Risparmio spesa e Social card: in cosa consiste la prima

Carta Risparmio Spesa e Social card sono due aiuti economici godibili insieme dalle famiglie italiane.

A luglio diventerà finalmente attiva la Carta Risparmio Spesa, come promesso dal governo Meloni nella legge di bilancio.

Tutte le famiglie con ISEE al di sotto dei 15mila euro, potranno ottenere l’agevolazione per acquistare beni di prima necessità. Non ci sarà bisogno di presentare alcuna domanda, perché il Comune di appartenenza procederà direttamente con gli accrediti.

Si tratta di una card del valore di 382,50 euro, una tantum, da poter spendere per acquistare beni di prima necessità, nei negozi autorizzati.

Le carte sono nominative e saranno attivate a partire da luglio 2023.

ATTENZIONE: Dovrai consumare l’importo sulla Carta Risparmio Spesa entro e non oltre il 15 settembre 2023, per evitare di perdere il credito assegnato. Potrai acquistare solo beni di prima necessità, esclusi gli alcolici.

Gli acquisti dovranno essere effettuati presso gli esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa.

requisiti da rispettare per ottenere la Carta Risparmio Spesa sono due:

La legge di bilancio ha messo a disposizione di questa misura 500 milioni di euro che verranno distribuiti in circa 1.300.000 Postepay del valore di 382,50 per famiglia.

I Comuni riceveranno dall’INPS l’indicazione delle famiglie che dovranno ricevere i buoni spesa. Sulla base di questi dati, i cittadini inizieranno a ricevere le carte spesa.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Carta Risparmio spesa e Social card: attenzione alle incompatibilità

La Carta Risparmio Spesa è incompatibile con il Reddito di cittadinanza, con la cassa-integrazione, con la Dis-coll o Naspi. Quindi, i percettori di queste indennità non potranno ottenere l’agevolazione.

Questa è una grossa differenza rispetto alla Carta acquisti, che invece è perfettamente compatibile con il Reddito di cittadinanza.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Carta Risparmio spesa e Social card: in cosa consiste la seconda

I requisiti da rispettare per ottenere la Carta acquisti anche quest’anno, sono riportati nel sito del MEF e sono i seguenti:

La carta, emessa da Poste Italiane e finanziata dall’INPS, è gratuita e permette di effettuare acquisti presso negozi convenzionati per spese alimentari, sanitarie e per pagare le bollette.

Disponibile a un importo di 40 euro al mese, rinnovabile ogni due mesi per un totale di 80 euro. Per richiederla è necessario compilare i moduli in pdf scaricabili, presentare la dichiarazione ISEE e dimostrare di soddisfare i requisiti di reddito specificati dal MEF e che vedremo.

Scarica i moduli e i passaggi per compilarli.

Durante l’anno sono previsti sei pagamenti distribuiti nei mesi di gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre e novembre.

Funziona come una normale carta di pagamento elettronica e può essere utilizzata solo presso supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie convenzionati con il circuito Mastercard o presso gli uffici postali per pagare le bollette.

ATTENZIONE: la carta è nominativa e può essere utilizzata solo dal titolare, non può essere ceduta.

Per effettuare pagamenti tramite terminali POS negli uffici postali o ATM Postamat è necessario digitare il codice PIN personale, mentre per acquisti presso esercizi commerciali abilitati bisogna firmare una ricevuta. Se il titolare dell’attività dovesse richiederlo, bisognerà mostrare anche un documento d’identità.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Carta risparmio spesa e social card
Carta Risparmio Spesa e Social card. In foto, una signora alla cassa di un supermercato.

Carta Risparmio spesa e Social card: come richiederle

Abbiamo già anticipato che nel caso della Carta risparmio spesa, non c’è bisogno di presentare alcuna domanda.

Il Comune, in base ai documenti ISEE delle famiglie, provvederà ad inviare la Card del valore di 382,50 euro a chi ne ha diritto.

Nel caso, invece, della Social card, bisognerà inviare la domanda attraverso i modelli appositi. Successivamente Poste Italiane invierà la card con le 80 euro, che verranno ricaricate ogni bimestre.

Entrambi gli aiuti servono per acquistare beni di prima necessità e sono cumulabili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp