Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Carta Risparmio Spesa, mamma quanti esclusi!

Carta Risparmio Spesa, mamma quanti esclusi!

Scopri chi sono gli esclusi dalla Carta Spesa, come funziona il contributo per famiglie e a chi spetta.

di Chiara Del Monaco

Maggio 2023

A luglio inizieranno le ricariche della Carta Risparmio Spesa, il nuovo bonus destinato alle famiglie con difficoltà economiche. In questo approfondimento, ci concentriamo sui problemi legati a questo contributo, a partire dai numerosi esclusi dalla Carta Risparmio Spesa (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

A partire da giugno l’INPS invierà gli elenchi dei beneficiari della Carta Risparmio Spesa, un contributo economico a sostegno delle famiglie per acquistare beni alimentari di prima necessità.

Nonostante i lati positivi di questo bonus introdotto dalla legge di bilancio e in arrivo ufficialmente da luglio 2023, ci sono diverse criticità da segnalare. Una delle più discusse è il numero di esclusi dalla Carta Risparmio Spesa.

Nei prossimi paragrafi elenchiamo chi non riceverà il bonus spesa e come funzionerà il sostegno economico per i destinatari.

Indice

Esclusi dalla Carta Risparmio Spesa: ecco chi sono

Da pochi giorni è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo sulla Carta Risparmio Spesa, il contributo economico a sostegno delle famiglie con ISEE basso e figli a carico per comprare beni alimentari di prima necessità.

Anche se le premesse inserite in legge di bilancio erano buone, non sono mancate le polemiche dovute a questo nuovo sostegno. Il motivo principale riguarda gli esclusi dalla Carta Risparmio Spesa.

Secondo il decreto, che si può scaricare anche sul sito del Ministero dell’Agricoltura, la Carta per la spesa non arriverà ai cittadini che ricevono:

In poche parole, sono esclusi dalla Carta Risparmio spesa tutti i nuclei familiari che percepiscono già un altro tipo di sostegno o integrazione al reddito.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Esclusi dalla Carta Risparmio Spesa: come funziona

Nel paragrafo precedente abbiamo elencato i cittadini esclusi dalla Carta Risparmio Spesa, ossia coloro che ricevono qualsiasi forma di sostegno al reddito o integrazione salariale, tra cui il Reddito di cittadinanza.

Nell’amarezza generale degli esclusi, vediamo adesso come funziona il contributo economico in base al contenuto del decreto attuativo.

Dunque, con i 500 milioni di euro disposti dalla legge di bilancio 2023 per la Carta Risparmio spesa verranno realizzate 1.300.000 Postepay del valore di 382,50 euro ciascuna, da distribuire alle famiglie in estremo bisogno.

Metà dei buoni spesa viene inviata ai Comuni in proporzione al numero di residenti, mentre l’altra metà viene distribuita sulla base del reddito pro capite medio nazionale e quello del Comune.

Per ottenere la Carta non è necessario fare domanda, ma questa spetta automaticamente alle famiglie selezionate prima dall’INPS e poi dai Comuni. In particolare, tenendo conto delle DSU dei nuclei familiari, l’INPS stila una lista di beneficiari che rientrano nei requisiti previsti dal decreto. Successivamente, l’Istituto invia la lista ai singoli Comuni, che verificano i dati anagrafici delle famiglie residenti nel Comune.

Scopri cosa fanno i Comuni con la Carta Risparmio Spesa.

Visto che probabilmente il numero di carte disponibili sarà inferiore a quello dei potenziali destinatari, i Comuni effettuano un’ulteriore selezione, per individuare i nuclei familiari più bisognosi.

Una volta identificati, i cittadini interessati riceveranno una comunicazione dal Comune per ritirare la propria Postepay presso gli uffici postali del territorio.

Tuttavia, un altro problema che sta facendo discutere riguarda la modalità di utilizzo della Carta. Se da un lato è vero che questa serve per acquistare beni alimentari di prima necessità, non è detto che tutti gli esercenti siano convenzionati con questo servizio.

Infatti, i beneficiari devono consultare una lista apposita che sarà pubblicata prossimamente sul sito del Ministero dell’Agricoltura, in cui sono indicati tutti i negozi alimentari che hanno aderito alla Carta Risparmio Spesa. Insomma, anche su questo ci sono diverse polemiche in corso.

Leggi se Carta Risparmio Spesa e Carta Acquisti sono cumulabili.

Esclusi dalla Carta Risparmio Spesa: in foto, una donna al supermercato.

Esclusi dalla Carta Risparmio Spesa: a chi spetta

Ora che abbiamo visto chi sono gli esclusi dalla Carta Risparmio Spesa e come funziona, è il caso di ricordare a chi spetta questo sostegno economico che sta facendo discutere tanto.

In linea generale, i requisiti principali da rispettare per fare una prima selezione di destinatari della Carta sono i seguenti:

Poi, a parità di requisiti, i Comuni seguiranno uno specifico ordine di priorità per assegnare i bonus spesa. Nello specifico, la Carta Risparmio Spesa spetta a:

Nei vari criteri di assegnazione, viene data priorità a chi ha un reddito ISEE più basso.

A questo proposito, nel decreto attuativo si legge:

“I Comuni verificano la posizione anagrafica dei nuclei familiari contenuti negli elenchi di cui al comma 1 e sulla base del numero di carte loro assegnate, di cui all’allegato 2, attribuiscono le carte che eventualmente residuano dopo l’applicazione dei criteri sopra indicati, selezionando i beneficiari, nell’ambito dell’elenco predisposto, tra i nuclei familiari, anche unipersonali, in effettivo stato di bisogno, sulla base di informazioni rinvenienti dai locali servizi sociali”.

Scopri come funziona con Carta Risparmio Spesa e Reddito di cittadinanza.

Esclusi dalla Carta Risparmio Spesa: cosa comprare

Infine, ricordiamo che la Carta risparmio Spesa può essere utilizzata solo per acquistare beni alimentari di prima necessità, escludendo quindi qualsiasi tipo di bevanda alcolica. Inoltre, non è possibile prelevare l’importo dalla Postepay, ma bisogna pagare in modo tracciato presso i punti vendita convenzionati.

Il decreto stabilisce che la Carta va usata per pagare questi prodotti alimentari:

Infine, un altro dettaglio da ricordare è che i beneficiari sono tenuti a effettuare almeno un acquisto entro il 15 settembre 2023, pena la perdita del contributo economico.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp