Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Carta risparmio spesa 2023: quando arriva e che fare intanto

Carta risparmio spesa 2023: quando arriva e che fare intanto

Quando arriva la Carta risparmio spesa? Vediamo quando si potrà richiedere l'agevolazione e quali sono nel frattempo le misure alternative.

di Alda Moleti

Gennaio 2023

Scopriamo quando arriva la Carta risparmio spesa e quali agevolazioni simili esistono nel frattempo (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famiglia. Leggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando arriva la Carta risparmio spesa?

Tra le tante novità della legge di bilancio 2023 (art. 78) c’è l’introduzione della Carta risparmio spesa, una misura del tutto nuova, che non va confusa con la Carta acquisti dell’INPS, ma piuttosto vuole soppiantare e uniformare a livello nazionale quelli che sono i Buoni spesa.

Proprio come i Buoni spesa, la carta permetterà solo l’acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità e la gestione sarà affidata alle autorità comunali a cui bisognerà presentare richiesta.

Ecco un elenco di tutti i bonus disponibili sotto i 10.000 euro di Isee.

Alla Carta risparmio spesa, il Governo ha destinato una dotazione da 500 milioni di euro. Tuttavia, al momento la misura non è ancora attiva e non è possibile inviare la domanda di richiesta.

Quel che è certo è che sarà una misura rivolta a tutti i nuclei familiari con un reddito ISEE non superiore a 15.000 euro e che la gestione sarà affidata ai Comuni.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

La burocrazia italiana però è complessa e, perché un’agevolazione possa essere realmente attiva, è necessario un decreto attuativo specifico, che stabilisca la normativa in dettaglio e l’iter per la presentazione della domanda di richiesta.

Il decreto attuativo, stando a quanto dice la legge di bilancio 2023 (art. 78, comma 2), dovrà essere emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge stessa, che in questo caso è il 1° gennaio 2023.

Di conseguenza, il decreto attuativo con la normativa della Carta risparmio spesa dovrebbe arrivare entro il 1° marzo di quest’anno.

Nel frattempo ci sono misure simili e alternative, come la Carta acquisti nazionale o i Buoni spesa comunali, che alcuni Comuni continuano ad attivare con i fondi residui. Vediamo le due misure in dettaglio.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=xdpkGo7-78s&w=560&h=315]

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando arriva la Carta risparmio spesa: intanto c’è la Carta acquisti

Aspettando il decreto attuativo della Carta risparmio spesa ci sono altre misure a sostegno dei cittadini, che permettono di avere un aiuto economico per fare la spesa, ed una di queste è la Carta acquisti.

La Carta acquisti è gestita direttamente dall’INPS: si tratta di una carta fisica su cui ogni due mesi avviene una ricarica di 80 euro. La carta può essere usata per la spesa alimentare nei supermercati convenzionati o per il pagamento delle bollette di luce e gas agli Uffici Postali.

I titolari della Carta acquisti hanno poi diritto al 5% di sconto nei negozi e nelle farmacie che aderiscono all’iniziativa. 

La misura è destinata però solo a due categorie: i cittadini con più di 65 anni e quelli con meno di 3 anni di età, dove a richiederla saranno i genitori. Vediamo perciò i requisiti in dettaglio.

quando-arriva-la-Carta-risparmio-spesa-screenshot-sito-MEF
Quando arriva la Carta risparmio spesa: in foto uno screenshot del sito del MEF.

Quando arriva la Carta risparmio spesa: requisiti Carta acquisti over 65

La Carta acquisti può essere richiesta dai residenti in Italia che hanno più di 65 anni di età ed i seguenti requisiti:

Quando arriva la Carta risparmio spesa: requisiti Carta acquisti sotto i 3 anni

Se invece si richiede la Carta acquisti perché si ha un figlio sotto i tre anni di età allora sono necessari questi requisiti:

Quando arriva la Carta risparmio spesa: richiedere la Carta acquisti

Per richiedere la Carta acquisti 2023 è necessario aver presentato la DSU per ottenere l’ISEE 2023.

La domanda non può essere effettuata in via telematica, ma sarà necessario scaricare un modulo, stamparlo, compilarlo e presentarlo all’Ufficio Postale. Inoltre, il modulo da riempire è diverso se a richiederlo è una persona sopra i 65 anni di età o sono i genitori per un minore con meno di 3 anni di età.

Per scaricare il modulo, basta collegarsi al sito dell’INPS, nella pagina dedicata alla Carta acquisti, e nella sezione Domanda, in fondo, ci sono i link ai moduli da scaricare.

In alternativa, clicca qui per scaricare il modulo over 65 o clicca qui per scaricare il modulo per i bambini sotto i 3 anni.

Una volta presentata la domanda, l’INPS verificherà la correttezza dei dati autodichiarati e se la richiesta è approvata invierà notifica al richiedente, il quale dovrà poi recarsi in uno degli Uffici Postali per ritirare la carta, che sarà già carica con 80 euro di importo.

Quando arriva la Carta risparmio spesa: ancora attivi i Buoni spesa

I Buoni spesa a differenza della Carta acquisti sono contributi gestiti interamente dai Comuni, i quali hanno la facoltà, entro alcuni limiti, di stabilire importi e requisiti per i propri residenti e anche la modalità di assegnazione.

Alcuni Comuni, ad esempio, erogano un voucher cartaceo o elettronico da esibire nei negozi convenzionati, altri, come il Comune di Roma, inviano un PostePay al beneficiario, già carica dell’importo.

Benché abbiano requisiti diversi da zona a zona i Buoni spesa sono sempre assegnati per reddito, cioè c’è sempre un limite ISEE per accedere. Gli importi, poi, sono in genere calibrati sulla composizione del nucleo, dove più numerosa è la famiglia e maggiore l’importo.

Molto probabilmente l’attivazione della Carta risparmio spesa soppianterà i Buoni spesa comunali, tuttavia al momento alcuni Comuni continuano ad offrire questa agevolazione ai residenti.

Per verificare l’attivazione ed i requisiti dei singoli Buoni spesa è necessario consultare l’eventuale bando emanato dal proprio Comune. Il modo più veloce per verificare l’attivazione nella vostra zona di residenza è andare sul sito del Comune e verificare se il bando è stato emanato o meno.

Ad esempio, al momento è in scadenza il bando per richiedere i Buoni spesa 2023 nel comune campano di Sant’Antimo, dove è possibile inviare domanda entro il 31 gennaio 2023.

Abbiamo visto quando arriva la Carta risparmio spesa. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp