Cartelle esattoriali, arriva un’altra mini proroga

Cartelle esattoriali, arriva un'altra mini proroga: per la rottamazione ter e il saldo e stralcio, il governo dovrebbe decidere nelle prossime ore. Non si tratta comunque della proroga attesa, si arriverà fino al 9 dicembre per una ragione di Bilancio. Le possibili e nuove rateizzazioni. Vediamo cosa potrebbe accadere.

4' di lettura

Le cartelle esattoriali in scadenza il 30 novembre potranno essere pagare il prossimo 9 dicembre. La decisione finale dovrebbe arrivare nelle prossime ore. La misura è inserita nel decreto fiscale che è all’esame delle Commissioni Finanze e Lavoro del Senato.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Si tratta di una miniproroga. Un attimo di respiro in più per chi deve saldare vecchi debiti con l’erario.

Cartelle esattoriali: il governo non ha consesso altro

Per ora il governo non ha concesso altro, nonostante il pressing dei partiti: Lega, Pd e Forza Italia avevano presentato una serie di emendamenti. L’obiettivo era quello di ottenere una proroga per il pagamento delle cartelle esattoriali almeno fino al 31 dicembre.

C’era anche l’ipotesi di spostare il pagamento delle cartelle esattoriali alla fine dello stato di emergenza. Una proposta che non ha mai convinto l’esecutivo.

O meglio: non è stata presa in considerazione, così come quella di arrivare almeno al 31 dicembre, per ragioni di bilancio.

Il motivo è semplice: i versamenti dei contribuenti dovrebbero arrivare nelle casse dello Stato entro la fine del 2021.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Cartelle esattoriali: ci sono i 5 giorni di tolleranza

Con il pagamento al 9 dicembre, e considerando anche i 5 giorni di tolleranza (si arriva al 14), sarebbe possibile portare a termine i pagamenti entro il 31 dicembre.

Ma il problema sollevato dai partiti è serio. Lo sa bene lo stesso governo.

Cartelle esattoriali: il carico di arretrati

Se non ci saranno altri slittamenti per migliaia di cittadini si dovrà pagare entro dicembre questa mole di arretrati:

  • le sei rate della rottamazione ter (4 del 2021 e 2 del 2020, sospese durante la pandemia);
  • le due del saldo e stralcio.

Cartelle esattoriali: i rischi

Bisogna ricordare che per la rottamazione ter e il saldo e stralcio, chi non riesce a pagare tutto in una soluzione può scattare la decadenza del beneficio. Il che significa che dovrà pagare le tasse arretrate con l’aggiunta di interessi e sanzioni.

Cartelle esattoriali: i costi della proroga

Una ulteriore proroga è possibile. Ma costa all’erario 500 milioni di euro.

Lo schema previsto potrebbe essere questo:

  • chi non riesce a pagare tutto, versamento di una rata che equivale al 30% del debito;
  • il restante 70% diluito in quattro rate da pagare il prossimo anno.

Cartelle esattoriali: le difficoltà

Non è una sanatoria. Neppure un colpo di spugna a vantaggio di eventuali evasori. È solo una soluzione possibile per chi vuole rimettersi a posto con gli arretrati. Non tutti sono in grado di far fronte a una mole così alta di arretrati e in pochi giorni.

Una questione che non riguarda solo i singoli cittadini ma anche le imprese. C’è anche la proposta a riguardo che consentirebbe agli imprenditori di versare un quarto del dovuto subito e il resto scandito in rate nel 2022.

L’unica difficoltà in questo caso è quella di evitare che si verifichino altri ingorghi per i pagamenti il prossimo anno, con il rischio di creare una difficoltà permanente per chi ha degli arretrati con l’erario da saldare.

Cartelle esattoriali: le prospettive

La rottamazione e il saldo e stralcio sono misure che consentono la definizione agevolata del debito. Hanno potuto accedere i cittadini che hanno dimostrato di trovarsi in una condizione economica difficile.

L’agevolazione oltre a liberare i contribuenti dai carichi pendenti dal pagamento delle sanzioni e degli interessi di mora, può anche comportare uno sconto sul totale delle somme dovute se si presenta un Isee che è inferiore a 20mila euro.

La rottamazione ter dovrebbe terminare entro dicembre.

Anche per questo si parla da mesi della possibilità (o dell’urgenza) di proporre una nuova sanatoria del tutto simile. Una rottamazione quater che renda più “leggeri” i debiti per le tasse accumulati tra il 2018 e il 2019.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie