Cartelle esattoriali, tempi lunghi per il pagamento

Cartelle esattoriali, è stato firmato il decreto fiscale che allunga a 150 giorni il pagamento delle cartelle dal giorno della notifica e senza interessi. È slittato anche il pagamento delle rate per la rottamazione ter e saldo e stralcio. Molti provvedimenti sul fronte lavoro nero e rifinanziata la cassa integrazione.

4' di lettura

Tempi più lunghi per il pagamento delle cartelle esattoriali, ma anche un nuovo slittamento per il versamento delle rate previste nelle sanatorie. Il decreto fiscale ha previsto una serie di misure sulla riscossione. Ma al suo interno ci sono anche provvedimenti per arginare la diffusione del lavoro nero e un rifinanziamento della cassa integrazione.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Cartelle esattoriali e decreto fiscale: lunedì a Bruxelles

Il decreto fiscale, l’anticipo della Legge di Bilancio, sul consueto impianto che riguarda materie strettamente tributarie quest’anno punta anche sul lavoro, un’emergenza nell’emergenza, che si è aggravata in questi anni segnati dalla crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia.

La manovra sarà inviata lunedì a Bruxelles (come da prassi), poi arriverà il provvedimento completo.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Decreto fiscale: cartelle esattoriali e sanatorie

Le misure che riguardano il fisco sono caratterizzate da tre provvedimenti in particolare:

  • le rate di rottamazione ter e saldo e stralcio che erano in scadenza nel 2020 o il 28 febbraio e 31 luglio del 2021 potranno essere pagate entro il 30 novembre;
  • sulle cartelle esattoriali la linea morbida decisa dal governo: per gli atti esecutivi che l’Agenzia delle Entrate ha inviato a partire da settembre, da quando è stata annullata la sospensione per le notifica, potranno essere pagate entro 150 giorni dalla notifica e non più 60. E senza versare gli interessi di mora;
  • per chi invece aveva già dei piani di rateizzazione in atto prima della sospensione, la decadenza del piano di rientro non scatterà più dopo 10 rate non pagate, ma dopo 18. Un ovvio aiuto ai contribuenti che hanno difficoltà a rispettare le scadenza.

Decreto fiscale, non solo cartelle esattoriali: lotta al lavoro nero

Questo per quanto riguarda la riscossione e quindi le cartelle esattoriali. Ma nel decreto fiscale l’esecutivo Draghi, in accordo con i sindacati, sono state disposte delle misure che riguardano il contrasto al lavoro nero.

Sulla delicata materia del lavoro le linee guida individuate sono 5:

  • è stata abbassata dal 20 al 10% la percentuale dei lavoratori in nero in azienda oltre la quale scatta la sospensione dell’attività imprenditoriale;
  • sono state aggravate le sanzioni per chi non rispetta la tutela della salute e della sicurezza: gli imprenditori oltre ad adottare tutte le misure necessarie per mettersi in regola dovranno versare anche multe per le infrazioni commesse, fino a un massimo di 3.000 euro per ogni lavoratore che è stato esposto a situazioni irregolari rispetto alle norme sulla sicurezza;
  • sempre per contrastare il lavoro nero saranno aumentate le competenze dell’ispettorato nazionale del lavoro. Verrà incrementato il numero degli ispettori, con 1.024 assunzioni e anche gli strumenti tecnologici (con un aumento degli investimenti di 3,7 milioni in più nel prossimo triennio);
  • è stato deciso di rinforzare anche il personale dei carabinieri che quotidianamente si occupa di lavoro nero;
  • e sarà anche resa più efficiente e funzionale la banca dati dell’Inail che sarà condivisa con le Asl e l’ispettorato del lavoro.

Decreto fiscale: rifinanziata la cassa integrazione

Cartelle esattoriali, nuovo scadenze per la rottamazione e misure incisive e concrete per la lotta al lavoro nero.

Nel decreto fiscale è stato anche previsto un nuovo rifinanziamento della cassa integrazione che è legata con la crisi Covid.

È stata concessa la possibilità alle aziende di utilizzare tredici settimane in più rispetto ai periodi di quarantena che si possono equiparare a malattia e congedi parentali per genitori che hanno figli con meno di 14 anni.

Incentivi auto tagliati

Sul fronte finanziamento incentivi per l’acquisto di auto a bassa emissione è andata meno bene.

Il provvedimento è stato finanziato. Ma con come tanti si aspettavano. Fino a fine anno sarà di 100 milioni, nelle bozze che circolavano prima dell’approvazione quella cifra era di 300. Una bella sforbiciata.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie