Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: 60 milioni

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: da settembre saranno 60 milioni gli atti esecutivi inviati nelle case di famiglie italiane. Sono state fissate le nuove scadenze per il pagamento delle rate di Rottamazione Ter e Saldo e Stralcio. Cosa accade a chi non paga o paga in ritardo.

4' di lettura

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo. Il giorno è vicino, il più atteso, il più temuto: ancora 7 giorni e poi una valanga di cartelle esattoriali e un discreto arretrato di pignoramenti in attesa sarà in circolazione per il Paese. 60 milioni, un numero mostruoso. Conseguenza della sospensione per la pandemia, un arretrato che è stato solo scalfito dal condono per le vecchie cartelle del 2000/2010.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo, dunque. Dal primo settembre. La sospensione delle notifiche scade il 31 agosto. Saremo sommersi da procedure di riscossione, cartelle, avvisi, solleciti. E pignoramenti.

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: le scadenze

Sono stati disposti anche i nuovi termini per il pagamento delle quattro rate della rottamazione ter e delle due rate del saldo e stralcio.

Erano previste per il 2020. Se non sono state ancora versate il governo ha concesso ai contribuenti in ritardo la possibilità di rateizzare in quattro mesi i versamenti.

Il pagamento doveva essere effettuato in una sola soluzione entro il 31 luglio (era sabato, quindi il termine era il 2 agosto). Ma una norma introdotta con il Sostegni Bis ha concesso la possibilità di effettuare i pagamenti delle rate a luglio, agosto, settembre e ottobre del 2021.

Senza perdere le agevolazioni che sono state previste.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: saldo e stralcio, rottamazione

Chi è in regola con i pagamenti del 2019 deve effettuare il pagamento delle rate non ancora versate del 2020.

  • Il 31 agosto 2021 si paga la rata scaduta il 31 maggio 2020 (rottamazione ter);
  • il 30 settembre 2021 si paga la rata scaduta il 31 luglio 2020 (rottamazione ter e saldo e stralcio);
  • il 31 ottobre 2021 si paga la rata scaduta il 30 novembre 2020 (rottamazione ter).
  • Il pagamento delle rate di febbraio, marzo, maggio e luglio 2021, dovrà avvenire entro il 30 novembre 2021.

Sono concessi 5 giorni di tolleranza aggiuntivi.

In caso di pagamenti oltre i termini o effettuati con importi parziali, sarà eliminata l’agevolazione.

In quel caso gli importi già versati saranno considerati solo un acconto sulle somme dovute (e senza benefici).

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: addebiti Inps

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo, ma non solo. Infatti oltre agli avvisi di pagamento e le cartelle, dovranno essere pagati anche gli addebiti Inps.

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato che «i pagamenti degli atti sospesi dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla fine del periodo di sospensione e quindi entro il 30 settembre 2021».

Sono rimaste in sospeso fino al 31 agosto 2021 anche le ipoteche, i pignoramenti e i fermi amministrativi. Tutte le procedure cautelari ed esecutive.

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: cosa succede

La sospensione ha riguardato pure gli obblighi di accantonamento per pignoramenti presso terzi (effettuati prima del 19 maggio 2020), su stipendi, salari, pensioni e trattamenti assimilati.

Questa la precisazione sul punto dell’Agenzia delle Entrate: «Le somme oggetto di pignoramento non devono essere sottoposte ad alcun vincolo di indisponibilità e il soggetto terzo pignorato (ad esempio il datore di lavoro) deve renderle fruibili al debitore».

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: la tregua è finita

Dal 31 agosto con cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo, la tregua è finita.

Da settembre riprenderanno anche le verifiche di inadempienza delle pubbliche amministrazioni e delle società che hanno una prevalente partecipazione pubblica.

Una tempesta perfetta. Annunciata con largo anticipo. L’accumulo di arretrati causati dalla sospensione rischia di avere un effetto choc per milioni di famiglie italiane.

Cartelle esattoriali e pignoramenti in arrivo: entro quando?

Ma queste 60 milioni di cartelle esattoriali e i pignoramenti (sospesi e in divenire), arriveranno tutte insieme? Certo che no, sarebbe anche umanamente impossibile.

Ma nel giro di pochi mesi sì, certo. Di sicuro entro la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno.

Per tanti non sarà semplice. Anche perché i disagi economici che hanno caratterizzato la pandemia da covid non sono finiti. Le cartelle esattoriali e i pignoramenti in arrivo non miglioreranno certo la situazione. Anzi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie