Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Gestione del Debito » Servizi Finanziari / Cartelle esattoriali, pagamento a rate fino a 120.000 euro

Cartelle esattoriali, pagamento a rate fino a 120.000 euro

Scopri se è possibile pagare a rate le cartelle esattoriali fino a 120.000 euro.

di The Wam

Luglio 2022

In questo articolo vedremo insieme se è possibile rateizzare le cartelle esattoriali fino a 120.000 euro. Scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito.

INDICE:

Cartelle esattoriali: cosa sono?

Le cartelle esattoriali sono degli strumenti utilizzati dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione per notificare l’avvenuta iscrizione a ruolo di un debito.

Questo significa che, da quel momento in poi, se il debitore continua a non mostrare la volontà di voler pagare, si potrà passare alle “maniere forti”, come il pignoramento dei beni, sia mobili che immobili.

I debiti notificati con le cartelle esattoriali sono quelli che derivano dal mancato pagamento di imposte verso enti pubblici e statali, come l’Agenzia delle Entrate stessa, l’Inps, i Comuni, le Regioni etc.

Quando arriva una cartella esattoriale, soprattutto se il debito è alto, si ha la possibilità di chiedere una rateizzazione del debito.

Nel frattempo scopri la pagina dedicata alla gestione dei debiti e a metodi per evitare il pignoramento.

In questo momento si può effettuare la domanda in modo “semplificato“, senza dover aspettare l’esito di un’istruttoria, per debiti al di sotto dei 60mila euro.

C’è anche un altro limite: se in precedenza si è richiesto un piano di rateizzazione e questo è decaduto, cioè non sono state pagate delle rate, non può essere fatto nessun altro tipo di piano di rientro del debito con delle rate, a meno che non si saldino tutte le rate precedenti.

Ti ricordiamo che, secondo le regole fin’ora attuate, un piano di rateizzazione decade dopo il mancato pagamento di 5 rate.

Passiamo ora a vedere cosa cambia con il nuovo Decreto Aiuti ma prima scopri quando puoi non pagare una cartella esattoriale.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cartelle esattoriali: rateizzazione fino a 120.000 euro

Il Decreto Aiuti, emanato dal Governo per sostenere il rilancio dell’economia delle imprese e delle famiglie italiane, ha apportato delle importanti novità anche per quanto riguarda le cartelle esattoriali.

La prima importante novità riguarda il tetto massimo per richiedere la rateizzazione semplificata. Come abbiamo letto, in questo momento il massimo è di 60mila euro.

Con la nuova proposta, invece, il tetto sale a 120mila euro.

La seconda novità riguarda il numero di rate non pagate per far scattare la decadenza del piano. Attualmente le rate sono 5, con il nuovo decreto salgono a 8.

Ti ricordiamo che, a tal proposito, le rate non devono essere consecutive.

Altro punto, questa volta a sfavore dei contribuenti.

In questo momento, quando un piano di rateizzazione decade, se si pagano le rate scadute si può chiedere una nuova rateizzazione.

Se il nuovo decreto entrerà in vigore, invece, se non si pagheranno 8 rate decadrà totalmente il piano senza possibilità di rateizzare nuovamente la cartella e con il riavvio delle azioni esecutive se non si pagherà tutta la cifra restante.

L’ultima modifica riguarda la rateizzazione di cartelle esattoriali ricevute successivamente alla decadenza di un piano precedente.

Attualmente non è possibile chiedere nuove rateizzazioni se le precedenti non sono andate a buon fine, con il Decreto Aiuti, invece, questa opzione sarà consentita.

Cartelle esattoriali, pagamento a rate fino a 120.000 euro
Cartelle esattoriali, pagamento a rate fino a 120.000 euro.

Riassumendo:

Prima di concludere ricorda che le regole per le cartelle esattoriali non sono ancora effettive, si dovrà aspettare l’entrata in vigore del Decreto Aiuti che dovrebbe avvenire dopo il 17 luglio 2022.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp