Cartelle esattoriali, sempre più difficile fare ricorso

Cartelle esattoriali, sempre più difficile fare ricorso: sta per essere approvata una norma che impedisce ai contribuenti di impugnare l'estratto di ruolo. Significa che molti rischiano il pignoramento dei beni senza neppure sapere perché. L'impugnazione dell'estratto di ruolo rappresenta il 40% del totale complessivo dei ricorsi contro l'Agenzia delle Entrate.

4' di lettura

Cartelle esattoriali, sempre più difficile fare ricorso. I contribuenti hanno già armi spuntate contro il fisco e una nuova norma rischia di peggiorare, se possibile, la situazione.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Sarà infatti impossibile impugnare l’estratto di ruolo. Vi sembra poco? Per niente. Quando si impugna l’estratto di ruolo è per contestare dei la presenza di debiti che non sono mai stati notificati.

Questo significa che potremmo andare incontro a procedure di pignoramento senza neppure sapere perché.

Cartelle esattoriali: la norma salva fisco

La ragione di questa norma salva fisco sarebbe anche plausibile: ridurre al minimo la possibilità che vengano fatti ricorsi infondati, al solo scopo di allungare i tempi (intasando i ruoli dei tribunali). Il punto è che insieme a ricorsi infondati, che pure ci sono, vengono penalizzati anche quelli presentati in buona fede e per ragioni valide.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Cartelle esattoriali: cosa cambia

Ma vediamo cosa cambia e perché potrebbe essere davvero un rischio per i contribuenti lo stop alla possibilità di impugnare un estratto di ruolo.

Come sapete l’Agenzia delle Entrate e Riscossione ha l’obbligo di notificare la cartella esattoriale prima di avviare un’azione esecutiva. Dopo 60 giorni, se il contribuente non dà notizie, partono i pignoramenti (conto corrente, stipendio, auto, moto, beni immobili).

E allora, direte, qual è il problema?

Se, come capita, quella notifica non arriva a destinazione, per uno dei tanti motivi possibili (a partire da quello più comune: un indirizzo sbagliato), quella cartella esattoriale, quel debito, viene comunque registrato dall’Agenzia delle Entrate. E il contribuente può venirne a conoscenza o andando allo sportello o collegandosi sul sito dell’ente.

Può visionare infatti l’estratto di ruolo, dove sono elencati tutti i debiti che si hanno nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. Comprese le cartelle esattoriali non pagate.

In questo modo, controllando l’estratto di ruolo, un contribuente può sapere dell’eventuale debito contenuto in una cartella esattoriale. Se non è mai stato notificato può impugnare l’estratto di ruolo, con buone possibilità di ottenerne la cancellazione del debito, per una evidente omessa notifica.

Una prassi che ha anche il supporto di diverse sentenze della Cassazione.

Cartelle esattoriali: una montagna di ricorsi

Una buona parte dei ricorsi contro le cartelle esattoriali riguardano proprio l’estratto di ruolo. Circa il 40%. Tutte impugnazioni per omessa notifica.

Il 40% è una percentuale elevatissima.

Che può significare due cose (o confermarle entrambe):

  • l’Agenzia delle Entrate è particolarmente inefficiente nel servizio di notifica degli atti;
  • molti contribuenti utilizzano il sistema del ricorso per omessa notifica per allungare i tempi o puntando sul fatto che potrebbe essere complicato per l’Agenzia dimostrare la correttezza della notifica.

Sta di fatto che questa montagna di ricorsi, sinceri o pretestuosi, ingolfa la macchina burocratico/giudiziaria dell’Agenzia delle Entrate.

Cosa fare allora? Beh è stata scelta la strada più rapida (che però può danneggiare tanti contribuenti in buona fede): si è deciso di imporre il divieto di impugnare gli estratti di ruolo.

Cartelle esattoriali: pignorati e senza sapere perché

Al momento la norma non è ancora in vigore. Ma dovrebbe essere inserita nella riforma della giustizia tributaria. Ha molte possibilità di passare: del resto si sta facendo di tutto per snellire e facilitare il lavoro della riscossione con l’obiettivo di ridurre il monte dell’evasione fiscale.

Se questa norma taglia costi e tempi, è assai improbabile che non veda la luce. E in tempi molto rapidi. Anche nei primi mesi del prossimo anno.

La conseguenza più probabile l’abbiamo accennata: si rischia il pignoramento dei beni per una cartella esattoriale mai ricevuta.

Il contribuente perderebbe la possibilità di bloccare sul nascere le azioni esecutive nei suoi confronti. Verrebbe in questo caso leso e in modo grave il suo diritto di difendersi.

Cartelle esattoriali: le tre eccezioni

Nella norma sono comunque previsti tre casi in cui è possibile impugnare l’estratto di ruolo. Ma riguardano solo le imprese e non le famiglie e le persone fisiche:

  • nel caso un imprenditore rischi di perdere un appalto qualora risulti una suo violazione dell’obbligo di pagamento delle imposte;
  • se quel debito blocca un pagamento da parte della pubblica amministrazione;
  • se c’è il rischio di perdere un beneficio nei rapporti con una pubblica amministrazione.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie