Castel Volturno, chiedono il pizzo. “Siamo dei Casalesi”. Arrestati

La denuncia dell'imprenditore è arrivata tra fine giugno e inizio luglio.

1' di lettura

Le forze dell’ordine hanno arrestato quattro uomini per tentata estorsione in concorso con l’utilizzo di armi, con l’aggravante del metodo mafioso. “Siamo del clan dei Casalesi”, così hanno minacciato e poi malmenato un uomo a Castel Volturno, in provincia di Caserta.

Gli arresti

Stamattina il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha convalidato l’arresto di quattro uomini tra i 34 e i 50 anni che hanno dichiarato di appartenere all’organizzazione criminale casertana.

Grazie all’attività investigativa, coordinata dalla Direzione distrettuale Antimafia di Napoli è emerso che l’imprenditore era stato avvicinato da uno degli uomini arrestati, un elettricista del posto, che lo aveva intimorito avvertendolo della presenza in quella zona dei  “Casalesi – fazione Bidognetti”.

Alla vittima è stato riferito che il gruppo criminale avrebbe riscosso il pizzo nel “proprio” territorio e che si sarebbero presentati anche nella sua attività. L’imprenditore si è opposto alle minacce dei malviventi che hanno organizzato contro di lui una spedizione punitiva che si è conclusa con un violento pestaggio.

Dopo l’interrogatorio uno di loro è stato rilasciato ai domiciliari mentre per gli altri tre è c’è stata la convalida del fermo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie