Covid, cassa integrazione: saranno pagate tutte entro venerdì

Lo ha assicurato il presidente dell'Inps: ne sono arrivate tante, abbiamo fatto il prima possibile



1' di lettura

Finalmente c’è una data: il prossimo 12 giugno (venerdì di questa settimana), saranno pagate le 419mila domande di cassa integrazione ancora giacenti all’Inps.

L’annuncio sembra ufficiale, non è né una indiscrezione e neppure la promessa di un politico. Arriva direttamente dal presidente dell‘Inps, Pasquale Tridico, che dovrebbe conoscere la situazione meglio di chiunque altro. La dichiarazione, o meglio, la promessa, è stata rilasciata a Repubblica. Ed è molto più di un impegno. Vista anche l’attesa di tanti italiani di un sostegno per affrontare questo momento delicato.

Il presidente dell’istituto ha anche spiegato che i ritardi non sono dovuti a problemi dell’Inps m al carico di domande arrivate in pochi giorni.

“All’Inps ci sono lavoratori straordinari che si stanno facendo in quattro per dare una risposta a tutti. Come quelli della Sanità hanno garantito la protezione dal virus, noi abbiamo garantito la protezione sociale”.

Per il presidente dell’Inps, l’Italia ha avuto un infarto, ma è ancora in piedi. E dobbiamo dire grazie al nostro Stato sociale se il Paese, nonostante tutto, è rimasto coeso. Dobbiamo dire grazie alla Cig, ai bonus, al Reddito di cittadinanza“.

Tridico afferma anche di intravedere uno spiraglio di ripresa. Infatti, spiega, rispetto al mese scorso sono arrivate circa il 50% in meno di richieste di cassa integrazione. “Un dato in fortissimo calo che ci dice che il Paese è finalmente ripartito”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!