Champions League, final eight a Lisbona. Europa League in Germania

La Uefa ha deciso di far giocare le Final Eight a gara secca per la Champions League a Lisbona. Stessa formula l'Europa League in Germania.

2' di lettura

La Champions League 2019/20 si deciderà a Lisbona. L’Uefa ha infatti deciso che si disputerà una ‘final eight’, ovvero quarti di finale, semifinali e finali in gara unica da disputarsi tutte nella capitale portoghese nel giro di una decina di giorni. Un pò come accade nel basket e nella pallavolo o altri sport. Manca solo l’ufficialità da parte del massimo organo sportivo europeo.

Come riportato da Sky Sport, ovviamente si dovranno prima disputare le 4 sfide dei quarti di finale ancora da giocare (tra cui Barcellona-Napoli e Juventus-Lione) che si disputeranno dove già previsto in origine (quindi al Camp Nou e allo Juventus Stadium di Torino) e poi le otto squadre qualificate, tra cui c’è già l’Atalanta, voleranno in Portogallo per giocarsi la Coppa ad agosto.

Stessa formula per l’Europa League, sempre otto squadre che si sfideranno in gara secca. Qui però ci sono da completare molte più partite degli ottavi di finale, tra cui Inter e Roma in campo. Il luogo invece è diverso: si sa sicuro che si giocherà in Germania, non ancora la città, anche se Francoforte aveva avanzato un’ottica candidatura. Final Eight anche per la Champions League donne, che sarà invece ospitata in Spagna. Scelta invece Budapest per la finale della Supercoppa Europea.

Ottavi di finale, invariate le sedi per Juventus e Napoli

Invariate le sedi degli ottavi di finale per Juventus NapoliI bianconeri ospiteranno il Lione a Torino (andata sconfitta per 1-0 in Francia); il Napoli giocherà al Camp Nou a Barcellona (andata 1-1 al San Paolo). Le altre due sfide in programma perché rinviate a causa della pandemia sono Bayern-Chelsea (3-0 per i tedeschi all’andata) e Manchester City-Real Madrid (2-1 per la squadra di Guardiola al primo round al Berbabeu).

Una sorta di mini-mondiali quindi, da agosto, per assegnare le coppe Europee. All’inizio si era pensato anche per le 4 gare di ritorno degli ottavi di Champions, di giocarle a Lisbona, ma poi la decisione di farle giocare negli stadi delle società ospitanti per on svantaggiare ulteriormente le squadre che dovranno giocare comunque a porte chiuse. Anche nella final eight di Lisbona e quella di Europa League, ovviamente, gare a porte chiuse.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!