Caro sindaco ti scrivo: salviamo la chiesa bizantina. Il governo c’è

4' di lettura

Nella scorsa puntata vi ho parlato della stele funeraria romana di Fabio Massimo a Corso Umberto. Un reperto di tutto rispetto del I secolo a. C. per nulla valorizzato né protetto. Oggi ci occuperemo di un altro punto di interesse del centro storico cittadino. Una chiesa bizantina del X secolo abbandonata nell’incuria.

La chiesa Bizantina di San Nicola

Caro sindaco Festa, restando ancora in attesa di una tua risposta alla mia prima lettera, ho deciso di non voler accantonare il problema dell’abbandono dei punti di interesse turistici perché credo fermamente che se questa città vuole rinascere deve farlo partendo da qui. Purtroppo oltreal la Dogana ci sono tanti altri luoghi storici da valorizzare e recuperare prima che li perdiamo per sempre. Oggi voglio parlarti della Chiesa di San Nicola dei Greci, meglio conosciuta dagli avellinesi come Chiesa di San Nicolillo. La struttura è del decimo secolo e da decenni è abbandonata a se stessa.

La chiesa di San Nicola si trova alle spalle del Victor Hugo, (anch’esso necessita di una manutenzione ndr) ed è riconoscibile solo grazie a una targa, che si scorge tra le folte erbacce, che ne ricorda brevemente la storia. “Sorse intorno al 969 a Rampa Tofara durante la breve occupazione dell’esercito bizantino… . La parrocchia di San Nicola, di rito greco, fu assiduamente frequentata dalla comunità bizantina anche durante la dominazione dei principi longobardi. Confusa con l’Abbazia di San Benedetto…fu familiarmente chiamata dagli avellinesi San Nicolillo”- così la targa posta davanti l’antico luogo di culto.

Resti della chiesa di san Nicola

Oramai della chiesa sono più ruderi che altro. A causa delle altissime erbacce non si riesce a ben definire lo stato della struttura. È un vero peccato che gli avellinesi e i turisti non possano usufruire di un tesoro simile che in altre città d’Italia per vederlo si sarebbe dovuto pagare.

Resti della chiesa di San Nicola

Il compito a casa

Caro sindaco Festa purtroppo il Comune è in pre-dissesto e di certo non può compiere spese importanti. Io però ti chiedo di verificare lo stato della Chiesa di San Nicola e, laddove fosse possibile, ti chiedo di cercare i fondi necessari per riportarla alla bellezza di un tempo che non ho mai avuto il privilegio di vedere e che solo la storia mi può far immaginare. Anche solo intervenire immediatamente ripulendo le erbacce e dando valore alla struttura con qualche illuminazione particolare, sarebbe tanto. “Avellino deve ripartire dal riscoprire la propria storia e memoria“- così dicesti in aula consiliare al tuo insediamento. Allora ben venga, recuperiamo la Chiesa di San Nicola e la storia della nostra Avellino.

Il vicepremier Di Maio e il sottosegretario Sibilia

Perché Di Maio e Sibilia la possono salvare

Durante il governo Renzi, nel marzo del 2016, l’attuale Vicepremier Luigi Di Maio, e il sottosegretario irpino al ministero degli interni, Carlo Sibilia, fecero un’interrogazione parlamentare per recuperare la Chiesa di San Nicola. Il ministero ai beni culturali rispose che la Chiesa è in parte privata e in parte di proprietà del Comune di Avellino.

I due pentastellati chiesero anche un intervento del Ministero dei beni culturali con fondi ad hoc per la chiesa bizantina. Richiesta che non ha ricevuto risposta e non è stato mai fatto nulla se non una messa in sicurezza urgente, con l’istallazione di una recinzione intorno alla struttura.

Oggi Di Maio e Sibilia sono al governo e potrebbero tranquillamente finanziare la ristrutturazione della chiesa. Come mai fin’ora non l’hanno ancora fatto è un mistero. Si spera non abbiano la memoria troppo corta e, se possono, intervengano anche loro.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie