Cieca con malattia renale, rifiutata dialisi per carenza di personale

Avellino, bimbo morto dopo il parto: archiviata indagine su tre medici
1' di lettura

Cieca, con malattia renale cronica, dializzata, si vede rifiutare il trattamento per carenza di personale. Ennesimo esempio di una sanità che non riesce a tenere il passo, nonostante le eccellenze mediche. Per via di un personale risicato all’osso. La denuncia, questa volta, arriva da una 65enne, Anna Maria, che nel periodo estivo abita a Greci. A raccogliere la denuncia, in un dettagliato servizio video, è la collega Monica Di Benedetto.

Ariano, ospedale in emergenza

La signora che, come detto, nel periodo irpino risiede a Greci, è costretta a farsi tanti chilometri per recarsi in una struttura privata, convenzionata. Il rifiuto del trattamento dialitico non è riconducibile al reparto, che si dimostra una vera eccellenza, ma proprio alla carenza di personale infermieristico e operatori sanitari. Costretti, come accade in troppi ospedali, a turni massacranti senza ricambio di colleghi. Intanto Anna Maria è costretta ad affrontare l’ennesimo calvario.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!