Il cioccolato come una droga, crea dipendenza. Ecco perché

Il cioccolato crea dipendenza, come le droghe o altri alimenti: ma sono soprattutto alcuni tipi di cioccolato, quelli che sono più ricchi di zuccheri e grassi. Quando abbiamo un rapporto sano con il cioccolato? E quando invece faremmo bene a preoccuparci? Cosa provoca la dipendenza?

5' di lettura

Il cioccolato è uno degli alimenti più consumati al mondo. La domanda alla quale cerchiamo di rispondere in questo articolo è semplice: il cioccolato crea dipendenza? E se sì, quali sono le conseguenze e come si libera da quella che è più di una abitudine e potrebbe causare effetti collaterali in alcuni casi dannosi o almeno sgradevoli.

La dipendenza da cioccolato, definita cioccolismo, è un argomento ancora controverso. In genere tutti gli alimenti che generano dipendenza hanno un impatto sulle stesse aree del cervello e del sistema nervoso influenzate dalla dipendenza da sostanze stupefacenti. In alcuni casi potrebbero anche suscitare comportamenti simili.

La dipendenza da cibo si realizza quando cibi e nutrienti specifici attivano ripetutamente il sistema di ricompensa del cervello.

Alcuni elementi danno più dipendenza di altri. In particolare quelli trasformati e ad alto contenuto di zuccheri, grassi e carboidrati. Tutti elementi che in misura maggiore o minore sono presenti anche nella cioccolata.

Qui trovi altre notizie se sei interessato a salute e benessere

Si ritiene che alcuni alimenti diano più dipendenza di altri.

Gli alimenti altamente trasformati ad alto contenuto di zuccheri e grassi, come molti tipi di cioccolato, sono spesso considerati più avvincenti rispetto agli alimenti meno elaborati come frutta e verdura.

Diversi tipi di cioccolato

Ci sono diversi tipi di cioccolato, con una diversa percentuale di zuccheri e grassi.

Vediamo cosa contiene una barretta di cioccolato di 45 grammi.

Cioccolato fondente

  • Zucchero: 44% Valore Giornaliero (Vg)
  • Grasso: 18% Vg
  • Carboidrati: 10%

Cioccolato al latte

  • Zucchero: 46% Vg
  • Grasso: 17% Vg
  • Carboidrati: 10%

Cioccolato bianco

  • Zucchero: 53% Vg
  • Grasso: 19% Vg
  • Carboidrati: 13%

I cibi ricchi di carboidrati, e quindi cioccolato e altri dolci, possono causare effetti simili alla dipendenza. Alterano, tra l’altro, i livelli di zucchero nel sangue e gli ormoni in modi simili ad altre sostanze che creano dipendenza.

Questi cambiamenti nei livelli ematici influenzano la dopamina nel corpo. La dopamina è un messaggero chimico che svolge un ruolo importante nella motivazione del cervello e nei percorsi di ricompensa.

Quali sono gli ingredienti che creano più dipendenza?

Ci sono diversi tipi di cioccolato prodotti con ingredienti diversi, anche se la parte principale è composta da elementi base comuni.

Gli ingredienti principali utilizzati per fare il cioccolato sono:

  • Massa di cacao. Le fave di cacao fermentate, tostate, sgusciate e macinate creano una massa chiamata anche liquore al cioccolato. È solido a temperatura ambiente ma si scioglie quando viene riscaldato. Spesso è ulteriormente elaborato, ma può anche essere consumato così com’è come cioccolato crudo.
  • Burro di cacao. Si tratta di grassi puri e naturali di fave di cacao che sono stati separati dal resto delle fave e concentrati.
  • Zucchero. La quantità e i tipi utilizzati variano, a volte vengono aggiunti anche dolcificanti alternativi.
  • Latte. Il latte in polvere disidratato viene spesso aggiunto alle varietà di cioccolato al latte.
  • Vaniglia. Viene utilizzata per ridurre l’amaro di alcune fave di cacao tostate.
  • Altri ingredienti. Oli vegetali, aromi naturali e artificiali, emulsionanti come la lecitina e altri additivi aiutano a preservare il cioccolato e mantengono una consistenza morbida.

Il burro di cacao ha molti vantaggi per la salute, ma è anche ricco di grassi. Questo contribuisce a rendere il cioccolato un alimento che potenzialmente crea dipendenza, soprattutto quando è combinato, come accade per alcune qualità, a grandi quantità di zucchero.

È quindi chiaro che il cioccolato che ha meno zuccheri aggiunti dà meno dipendenza (e contiene molti e potenti e benefici anti ossidanti).

Quando si ha un rapporto sano con il cioccolato?

Che il cioccolato, e in particolare un certo tipo di prodotto, possa creare dipendenza, non pregiudica certo la possibilità di avere un rapporto sano con il cioccolato.

Un rapporto sano con il cioccolato include questo tipo di sensazioni:

  • non sentirsi in colpa dopo averlo mangiato
  • mangiarlo ogni volta che si desidera
  • Gustarlo in genere con moderazione (esagerando di tanto in tanto)
  • Mangiarlo con consapevolezza
  • Sentirsi a proprio agio, bene e in equilibrio quando si magia.

I segni della dipendenza

Quando il rapporto con il cioccolato è insano (come per qualsiasi altro cibo), si incorre di frequente in questo tipo di comportamenti.

  • Definire sempre il cioccolato un alimento “cattivo”
  • Sentirsi stressato quando si mangia
  • Imporsi regole rigide su come e quanto mangiarne
  • Eliminare completamente il cioccolato
  • Avere costantemente il desiderio di gustarlo
  • Averne voglia anche quando si è sazi
  • Mangiarne compulsivamente grandi quantità
  • Nasconderlo a parenti e amici
  • Sentire di non averne il controllo: non riuscire a gestire la quantità che si mangia
  • Mangiare fino a quando fa male lo stomaco
  • Costanti abbuffate di cioccolato.

Può diventare un problema

Una dipendenza da cibo può causare ansia, ma anche altri problemi di salute. Se non si riesce a contenere la dipendenza e lo sforzo causa depressione o angoscia è preferibile rivolgersi a un medico. In particolare professionisti specializzati nei disturbi alimentari.

Il modo migliore dunque per gustare il cioccolato è di mangiarlo con moderazione (ovvio), scegliendo quelle varietà che hanno un ridotto contenuto di grassi e zucchero che, come abbiamo visto, sono gli ingredienti che più generano la dipendenza.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie