Estorsione a imprenditori: scarcerati i Graziano

tribunale di napoli

1' di lettura

Tornano in libertà Fiore e Salvatore Graziano, arrestati in un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Il Tribunale del Riesame del capoluogo partenopeo ha accolto il ricorso degli avvocati Raffaele e Isidoro Bizzarro. I giudici hanno dichiarato l’inefficacia dell’ordinanza che era stata impugnata dai legali.

I Graziano erano stati arrestati con altre tre persone. In un’operazione che – come ricostruito dagli investigatori coordinati dai Pm Simona Rossi e Luigi Landolfi – ha forse evitato una nuova sanguinosa fase della faida di Quindici.

Estorsioni a imprenditori

Le cinque persone sotto indagine devono rispondere, a vario titolo, di alcuni episodi di estorsione consumata o tentata. I carabinieri del comando provinciale di Avellino e quelli del nucleo investigativo, diretti dal capitano Quintino Russo, hanno raccolto una vasta mole di intercettazioni. E ricostruito come agiva la presunta associazione criminale.

Per gli inquirenti veniva chiesto un pizzo fino al tre per cento ad alcune aziende. Fra le quali attività che si erano aggiudicate appalti pubblici.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!