Claudia Lepore, violentata e uccisa. Sospetti sull’ex socia

Claudia Lepore, violentata, uccisa e messa in frigo: la 59enne di Carpi vittima a Santo Domingo di un killer che avrebbe agito per 3mila euro. In un messaggio l'assassino ha scritto alla ex socia della vittima: o mi paghi o ti ammazzo. E quelle parole lanciano sospetti sulla donna. Che si difende: voleva i soldi per un lavoro edile.

3' di lettura

Potrebbe essere stata un’ex socia e amica della vittima a commissionare l’omicidio di Claudia Lepore, la 59enne di Carpi, violentata, uccisa e messa in un frigorifero a Santo Domingo. Ad accusare la donna – che si dichiara del tutto innocente – sarebbe un messaggio, inviato dall’autore materiale del brutale delitto, il 46enne Antonio Latigua, detto «El Chino».

O mi paghi o ti ammazzo

Quel messaggio è stato inviato dall’uomo alla ex socia di Claudia Lepore, c’è scritto: «O mi paghi o ti ammazzo». «El Chino» si è consegnato alle forze dell’ordine ed ha ammesso l’omicidio, dichiarando, inoltre, di aver agito su commissione. Avrebbe ammazzato Claudia Lepore per 200.000 pesos, poco più di 3.000 euro.

L’ex socia, che è in stato di fermo, si è difesa sostenendo che quei soldi lei li doveva a El Chino per dei lavori edili. Ma non solo. Che l’assassino aveva delle questioni in sospeso con la vittima, sempre per soldi legati a una serie di lavori nella sua proprietà e dei quali Claudia Lepore non era soddisfatta.

El Chino, l’assassino reo confesso di Claudia Lepore

Il delitto su commissione

La vicenda è in larga parte ancora avvolta nel mistero. La prima ipotesi formulata dagli inquirenti è stata quella di una rapina finita male. Il killer, che dopo il delitto è andato a bere e a giocare a dadi, ha utilizzato la carta di credito rubata alla donna italiana. Un gesto che l’ha tradito. Quando ha capito che non avrebbe avuto via di fuga si è consegnato alle autorità dominicane. E a loro ha raccontato di aver commesso il delitto su commissione.

Claudia Lepore era originaria di Carpi, in provincia di Modena. Si era trasferita una decina di anni fa a Santo Domingo, dove, insieme a un’amica, aveva aperto il b&b «Villa Corazon». In passato la donna aveva gestito a Carpi il bar «Bel Ami».

Voleva tornare in Italia

Negli ultimi tempi aveva deciso di ritornare in Italia. E infatti ha trascorso a Carpi buona parte del 2019. Si trovava a Santo Domingo, nella sua casa di Bavaro, una zona residenziale della città, per chiudere le ultime pratiche prima del rientro definitivo.

Nelle indagini sono coinvolti due italiani, oltre al killer. Un uomo e la ex socia. La vicenda è seguita con grande attenzione anche dall’ambasciata italiana che è in comunicazione con le autorità dominicane e i familiari della vittima.

Proprio i familiari hanno chiesto che venisse fatta piena luce su quanto è accaduto.

Il corpo di Claudia Lepore è stato rinvenuto qualche giorno dopo l’omicidio. Non si esclude che sia soffocata all’interno del frigorifero, anche se l’assassino ha dichiarato che dopo aver violentato la donna, l’ha strangolata.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie