Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro domestico / Collaboratrice domestica e malattia: va avvisata l’INPS?

Collaboratrice domestica e malattia: va avvisata l’INPS?

Collaboratrice domestica e malattia: come ci si deve comportare in questo caso? È necessario inoltrare la comunicazione all'Inps? Lo vediamo in questo articolo.

di The Wam

Marzo 2022

Collaboratrice domestica e malattia: come ci si deve comportare in questo caso? È necessario inoltrare la comunicazione all’Inps? In questo approfondimento cerchiamo di chiarire cosa fare nel caso in cui la lavoratrice domestica resti a casa per malattia (leggi su Telegram tutte le news sul lavoro domestico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Collaboratrice domestica e malattia: come funziona

Collaboratrice domestica e malattia. Se il lavoratore o la lavoratrice ha necessità di assentarsi dal lavoro per motivi di salute, ha il dovere di avvertire tempestivamente il datore di lavoro entro l’orario previsto per l’inizio della giornata lavorativa, a meno che non si trovi in circostanze che glielo impediscono.

Dopo aver avvertito il datore, il lavoratore deve inoltrare anche un certificato medico entro due giorni.

I giorni di malattia sono interamente a carico del datore di lavoro, che deve garantire il pagamento di metà del salario per i primi tre giorni e del salario intero per i giorni successivi, fino a un massimo di:  

Aggiungiti al gruppo Telegram sul lavoro domestico ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

È necessario informare l’Inps?

Collaboratrice domestica e malattia. Come abbiamo visto per il lavoratore o la lavoratrice domestica, la malattia è totalmente a carico del datore di lavoro.

Per questo motivo non è in alcun modo necessario informare l’Inps dell’assenza dei collaboratori per motivi di salute.

Inoltre, il datore non è neppure obbligato all’inoltro all’Inps del certificato medico dei lavoratori, dal momento che questo è un compito che spetta ai medici curanti, salvo casi particolari.

LUNEDI - Collaboratrice domestica e malattia
Collaboratrice domestica e malattia: va avvisata l’INPS?

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul lavoro domestico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp