Collocamento mirato disabili 2021: a chi spetta

Collocamento mirato disabili: chi ne ha diritto e quali sono le modalità di calcolo delle assunzioni obbligatorie previste.

3' di lettura

Con l’espressione collocamento mirato disabili si fa riferimento a modalità e strumenti con cui valutare la possibilità di inserimento in ambito lavorativo delle persone con disabilità (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Chi ne ha diritto e quali sono le modalità di calcolo delle assunzioni obbligatorie previste?

Ecco una panoramica sull’argomento: se sei interessato e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Collocamento mirato disabili: come funziona

Prima di addentrarci nel tema di norme e modifiche sulle assunzioni obbligatorie, facciamo chiarezza sulla misura di collocamento mirato disabili.

Si raggruppano nel collocamento mirato disabili tutti gli strumenti utili per l’analisi dei posti di lavoro e di tutte le misure da attivare per permettere uno svolgimento sereno delle attività.

Si fa riferimento, ad esempio, all’abbattimento di barriere architettoniche e di relazione.

Hanno diritto al collocamento mirato disabili tutte le persone con una percentuale di invalidità riconosciuta in misura pari o superiore al 46%.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Assunzioni obbligatorie previste

Dal collocamento mirato disabili deriva l’obbligo, per i datori di lavoro pubblici e privati con almeno 15 dipendenti, di riservare un certo numeri di posti di lavoro a:

  • invalidi civili con percentuale di invalidità dal 46% al 100%;
  • invalidi del lavoro con percentuale di invalidità superiore al 33%;
  • invalidi per servizio;
  • invalidi di guerra;
  • non vedenti e sordomuti;
  • categorie protette, tra cui profughi, orfani, vedove/i di deceduti per cause di lavoro, di guerra o di servizio; vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

I datori di lavoro dovranno quindi riservare una quota di assunzioni che varia sulla base del numero di dipendenti.

Collocamento mirato disabili 2021: a chi spetta
Collocamento mirato disabili 2021: a chi spetta

Di seguito le fasce di assunzioni obbligatorie da rispettare:

  • Da 15 a 35 dipendenti, obbligo di assunzione di un disabile;
  • Da 36 a 50 dipendenti, obbligo di assunzione di 2 disabili;
  • Oltre 50 dipendenti, obblido di riservare il 7% dei posti per i sabili, più l’1% per familiari di invalidi e profughi rimpatriati.

Per rispondere all’obbligo di assunzione i datori di lavoro dovranno presentare richiesta ai centri per l’impiego che si occuperanno di trovare i candidati nelle liste di disoccupati.

Per favorire l’inserimento lavorativo dei disabili, i datori potranno sottoscrivere specifiche convenzioni per la realizzazione di programmi di formazione.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sul collocamento mirato disabili non esitare a scriverci su Instagram.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie